Analisi Fondamentale Forex per il 2018

Di: DailyForex

L'uso dell'analisi fondamentale per operare sul Forex può essere molto pericolosa quando non viene eseguita correttamente. Ironia della sorte, i traders che fanno affidamento sull'analisi fondamentale piuttosto che su una qualche forma di analisi tecnica, tendono a perdere denaro più rapidamente rispetto a quando si limitano all’utilizzo dell'analisi tecnica. Questo sembrerà strano e contro senso, ma è la realtà. In questo articolo, spiegherò innanzitutto perché l'uso dell'analisi fondamentale può essere pericoloso, e quindi mostrerò come utilizzare il giusto tipo di analisi fondamentale per migliorare il vostro trading, se è qualcosa che volete davvero usare. Mi concentrerò su quale sarà la situazione fondamentale all'inizio del 2018. In effetti, non è necessario utilizzare l'analisi fondamentale per guadagnare soldi a lungo termine nel mercato del Forex, ma può aiutare.

Perché le Strategie Meccaniche Fondamentali si Eseguono Peggio delle Strategie di Seguimento delle Tendenze

L'analisi fondamentale suona come un metodo ragionevole e prudente da utilizzare quando si decide dove mettere i propri soldi. Dopotutto, se state valutando di investire in azioni, vorrete seguire l’azienda, controllare la sua posizione finanziaria e avere la convinzione che l'economia cresca durante il vostro orizzonte temporale di investimento. Quindi, non ha senso pensare la stessa cosa del paese di cui state acquistando la valuta, anche se il vostro orizzonte di investimento è più corto rispetto ad un tipico investimento in azioni? Bene, è un approccio logico, ma immediatamente sorgono due problemi nell'applicazione di questo principio nel mercato Forex. In primo luogo, quali indicatori fondamentali utilizzerete per ottenere informazioni sui fondamentali? In secondo luogo, sembra chiaro che le monete legali nazionali sono molto meno influenzate dai fondamentali economici rispetto ai mercati azionari, quindi anche se si selezionano le variabili corrette per la vostra analisi, probabilmente non saranno molto utili. Le valute non sono una "azione" di una nazione, sono strumenti di debito emessi dalle rispettive banche centrali.

Prendiamo in considerazione alcuni degli indicatori di analisi fondamentali più popolari che possono essere applicati alle valute:

  1. Valore di Mercato: valutate i costi relativi di un paniere di beni in due monete diverse, vendendo quello che sembra sopravvalutato e comprando quello che sembra sottovalutato, con la speranza che i valori si mescolino. È molto logico, semplicemente non ha funzionato negli ultimi decenni. Non considera totalmente il fatto che ci sono buone ragioni per cui il costo relativo dei beni e servizi nei diversi paesi è più o meno costoso.
  2. Differenziale del Tasso di Interesse: le valute con tassi di interesse più alti tendono ad attrarre più investimenti, il che significa che il denaro speculativo dovrebbe fluire da valute con tassi di interesse più bassi a valute con tassi di interesse più elevati. Pertanto, dovrebbe essere possibile guadagnare acquistando monete con tassi più alti utilizzando valute con tassi più bassi. Un ulteriore vantaggio di tale strategia fondamentale è che le commissioni notturne addebitate su base giornaliera dal vostro broker dovrebbero essere basse, o addirittura positive a vostro favore, poiché si basano sulle aspettative del mercato per i tassi futuri. La buona notizia è che questa strategia ha in generale dimostrato di produrre un piccolo vantaggio positivo. La cattiva notizia è che il vantaggio è piccolo e la strategia vi farà perdere altre buone opportunità di trading. Inoltre, tende a smettere di funzionare in periodi di turbolenza nel mercato. Ci possono essere per mesi infiniti forti tendenze dei prezzi a lungo termine che vanno contro i tassi LIBOR. Inoltre, negli ultimi anni stiamo vivendo in un'era di bassi tassi di interesse, quindi i differenziali dei tassi di interesse disponibili tra le principali valute mondiali sono molto piccoli.
  3. Crescita Economica: comprate le valute con numeri sul PIL forti e / o in crescita e vendete le valute con un PIL debole e / o in diminuzione. Sembra logico, tuttavia, non ci sono prove che funzioni come una strategia da utilizzare in modo autonomo.

Le Banche Centrali Sono la Chiave

Cosa fare se i tipici approcci fondamentali sono carenti? Bene, una migliore strategia di analisi fondamentale deve allinearsi con le posizioni delle banche centrali delle rispettive valute. Considerate il fatto che qualsiasi banca centrale può creare tanta scorta quanto vuole della sua valuta, e anche ridurla di molto, e (di solito) ha anche il potere di stabilire il tasso di interesse della valuta. Questo è molto potere per spostare il prezzo. Sfortunatamente, le banche centrali non attaccano manifesti in cui dicono quali saranno le loro politiche monetarie, allentate o più rigide, il che renderebbe molto più facile questo tipo di strategia. Tuttavia, è possibile seguire le pubblicazioni mensili di una banca centrale (nella maggior parte dei casi) e leggere commenti intelligenti per crearsi un'opinione. Probabilmente avrete bisogno del commento intelligente, perché anche se si leggono i testi completi delle pubblicazioni della banca centrale, a meno che non siate molto chiari su ciò che state cercando, non potrete giungere a una conclusione corretta. Un altro approccio che funziona bene è cercare sorprese nelle pubblicazioni delle banche centrali. Ad esempio, al momento della scrittura di questo articolo, la Bank of Canada ha appena reso chiaro di vedere meno probabile un aumento dei tassi nel gennaio 2018. Questo ha sorpreso l’opinione diffusa e il valore del dollaro canadese continua a scendere. È normale che la maggior parte delle pubblicazioni delle banche centrali spostino la propria valuta, ma quando si ha il proseguimento del movimento il giorno successivo, invece di un ritorno alla media, potrebbe essere un buon segno che vi è un movimento di prezzo guidato dai fondamentali che probabilmente durerà più a lungo.

Banche Centrali nel 2018

Un buon punto di partenza per un programma produttivo di analisi fondamentali Forex è quello di fare una lista delle principali banche centrali in ordine di importanza e riassumere la loro posizione nei confronti della loro valuta. Quindi ha senso verificare se ci sono tendenze che  coincidono con una divergenza identificata tra le banche centrali. Non è una scienza esatta, ed è importante rendersi conto che ci sono altri importanti fattori fondamentali che possono entrare in gioco. Un esempio eccellente è l'imminente partenza della Gran Bretagna dall'Unione europea, i cui termini esatti sono ancora in fase di negoziazione. Poiché l'economia britannica dipende in gran parte dalle condizioni del suo accordo commerciale con l'Unione Europea, i termini di tale scambio influenzeranno la sterlina, con la sterlina che salirà con una Brexit più morbida e che calerà con una Brexit più difficile.

Di seguito esporrò la mia valutazione sulle prese di posizione delle principali banche centrali in merito alle loro valute per il 2018, classificate per ordine di importanza rispetto al mercato Forex.

Federal Reserve (dollaro degli Stati Uniti): Indurire la politica monetaria, ma ci sono preoccupazioni per la mancanza di inflazione, il che significa che i dati sul tasso d’inflazione diventano importanti. Se l'inflazione è superiore alle aspettative del mercato, l'USD dovrebbe tendere ad aumentare in previsione di aumenti dei tassi maggiori e più rapidi in futuro.

Banca centrale europea (euro): è possibile un inasprimento minore e più cauto della politica monetaria sotto forma di riduzione del bilancio, ma i tassi di interesse rimangono negativi e l'inflazione è quasi inesistente. È ancora difficile immaginare un aumento dei tassi qui.

Bank of Japan (yen giapponese): c'è una certa crescita economica, ma sembra che la BOJ sia con il pilota automatico, dal momento che non è previsto un ulteriore insaprimento della sua politica monetaria o degli aumenti dei tassi nel corso del 2018 e oltre. L'inflazione è ancora molto debole.

Bank of England (sterlina inglese): c'è poca crescita economica, ma la Banca d'Inghilterra sembra puntare a un ulteriore inasprimento della politica monetaria attraverso gli aumenti dei tassi d'interesse, poiché il tasso di inflazione è salito a un livello annuale relativamente alto di 3,1% all'anno. Senza l’inflazione, probabilmente non ci saranno aumenti dei tassi a breve.

Banca Nazionale Svizzera (franco svizzero): questo è un caso speciale. Poiché quasi tutte le principali valute nazionali sono estremamente deboli, la BNS mantiene una politica monetaria estremamente flessibile, con un tasso di interesse negativo di -0,75% per evitare l’apprezzamento del franco svizzero come investimento sicuro. Questa politica monetaria ha avuto successo nella stabilizzazione del franco e questa valuta è una scommessa estremamente pericolosa. Ha una forte tendenza a tornare alla media e a rimanere stabile, molto simile all'oro negli ultimi anni. La crescita e l'inflazione sono estremamente deboli, quindi la BNS è determinata a impedire che la sua valuta si apprezzi.

Bank of Canada (dollaro canadese): il PIL e l'inflazione sono stati relativamente sani, anche con il tasso di interesse ad un livello ragionevole dell'1,0%, ma le recenti preoccupazioni su di un rallentamento della crescita hanno ridotto la possibilità che avverrà presto un inasprimento della sua politica monetaria. Questo è uno dei temi da osservare attentamente, ma potremmo assistere all'inizio di un indebolimento a lungo termine del dollaro canadese guidato dai fondamentali.

Reserve Bank of Australia (dollaro australiano): nonostante i tassi di interesse storicamente bassi, l'inflazione e la crescita rimangono ostinatamente basse e sembrano peggiorare man mano che i dati commerciali diventano più deboli del previsto. Anche se non sembra che vedremo un indebolimento della politica, un ulteriore rafforzamento sembra essere chiaramente escluso.

Reserve Bank of New Zealand (dollaro neozelandese): la crescita è relativamente buona, anche se il PIL raggiunge a malapena l'1% e il tasso di inflazione è leggermente superiore al relativo tasso di interesse massimo. Il nuovo governo sembra determinato a cercare un equilibrio tra l'evitare un vero inasprimento e, allo stesso tempo, evitare un indebolimento significativo. Tutto ciò suggerisce una politica monetaria un po' debole, sebbene il mercato sia stato colpito dalla nomina di un nuovo governatore della RBNZ che dovrebbe continuare a considerare l'inflazione come una priorità assoluta.

Conclusioni sullo Stato dei Fondamentali Forex

Non vi è dubbio che il quadro globale delle economie avanzate sopra elencate è quello di una politica monetaria generalmente debole, con scarse divergenze in termini di crescita, politica o tassi d'interesse. Ciò indica un mercato Forex noioso, che è quello che stiamo attualmente vivendo. Tuttavia, si può affermare che, fondamentalmente, il dollaro USA sembra relativamente forte, seguito dall'euro. La debolezza continua sembra più probabile nel dollaro canadese. Ciò suggerisce che le operazioni Forex fondamentali più convincenti che corrispondono al quadro tecnica sono long sul USD/CAD e possibilmente long anche sul EUR/CAD.

È cruciale negoziare solo le conclusioni fondamentali a cui arrivate quando coincidono con il quadro tecnico. Questo nel caso in cui ci fosse una ragionevole tendenza a lungo termine nella direzione dei fondamentali, o almeno dovrebbe essere chiaro che il prezzo non riesce ad andare contro di essa. Questo è il metodo migliore per utilizzare l'analisi fondamentale nel Forex trading. Ora, questo suggerisce che le migliori operazioni supportate da una combinazione di fattori fondamentali e tecnici potrebbero essere andare long su USD/CAD, EUR/CAD e possibilmente anche sul USD/JPY. L'analisi fondamentale, come l'analisi tecnica, richiede una revisione costante della situazione, poiché può variare da un mese all'altro, quindi non è garantito che il quadro attuale sia valido per l'intero anno del 2018.

Adam è un trader Forex che ha lavorato nei mercati finanziari per oltre 12 anni, inclusi 6 anni con Merrill Lynch. Adam è certificato nella Gestionedi Fondi e nella Gestione di investimenti dal Chartered Institute for Securities & Investment del Regno Unito.

0 Commenti

L' iscrizione è necessaria per garantire la sicurezza dei nostri utenti. Entra tramite Facebook per condividere il tuo commento con i tuoi amici, o registrati su DailyForex per inviare commenti in modo rapido e sicuro ogni volta che avete qualcosa da dire.

Accedi | Crea adesso un account DailyForex.com