Regolamenti ESMA - Che Cosa Significa Meno Leva?

Di: DailyForex.com

L'Unione europea ha pubblicato nuove norme applicabili al trading al dettaglio di Forex, CFD e le poche intermediazioni di opzioni binarie rimanenti nel suo territorio. Se si dispone di un conto con una tale intermediazione, i regolamenti interesseranno l'utente quando entreranno in vigore durante la tarda primavera e l'estate. Questo articolo delineerà in che modo i nuovi regolamenti influenzeranno la vostra linea di fondo.

Dettagli dei Nuovi Regolamenti ESMA

Nel marzo 2018, l'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA), l'autorità di regolamentazione e vigilanza finanziaria dell'Unione europea, ha annunciato nuovi regolamenti relativi alla fornitura di contratti per differenze (CFD) e opzioni binarie agli investitori al dettaglio. Non è chiaro esattamente quando entreranno in vigore i regolamenti, ma fra un po' di tempo a maggio o giugno 2018 sembra essere la data più probabile, e le intermediazioni Forex e CFD situate all'interno dell'Unione Europea (incluso il Regno Unito, per il momento) essere costretti a rispettare I regolamenti dovranno essere rinnovati dall'ESMA ogni tre mesi per rimanere in vigore a lungo termine.

Il regolamento relativo alle opzioni binarie è molto semplice: non possono essere venduti. In termini semplici, questa è la fine delle opzioni binarie come prodotto venduto all'interno dell'Unione Europea.

Le normative relative ai CFD sono più complesse ma ancora relativamente semplici. In primo luogo, c'è una certa confusione su cosa sia esattamente un CFD, con molti trader che pensano che il Forex spot non è considerato un CFD e sarà quindi esentato dalle nuove normative. Hanno torto: il Forex spot è tecnicamente definito come un CFD. In effetti, tutte le risorse che si vedono disponibili per il trading presso i broker Forex CFD saranno molto probabilmente soggette ai nuovi regolamenti.

I nuovi regolamenti implementeranno le seguenti modifiche per gli account dei clienti al dettaglio (più su chi è un "cliente al dettaglio" più avanti).

  • La leva massima che può essere offerta sarà 30 a 1. Ciò si applicherà alle principali coppie di valute come EUR/USD, GBP/USD, USD/JPY, ecc.
  • Altre coppie di valute, i principali indici azionari e l'oro saranno soggetti ad una leva massima di 20 a 1.
  • Non è possibile offrire azioni individuali con leva superiore a 5 a 1.
  • Le criptovalute sono soggette ad una leva massima di 2 a 1.
  • Agli intermediari sarà richiesto di fornire una protezione del saldo negativo, il che significa che sarà impossibile perdere più denaro di quello che si deposita.
  • Ai broker sarà richiesto di chiudere le posizioni aperte di un cliente quando l'equity del conto raggiunge il 50% del margine minimo richiesto da tutte le posizioni aperte. Questa disposizione sulla "margin call" può essere difficile da capire, quindi verrà spiegata più dettagliatamente in seguito.
  • Non possono essere offerti bonus o altre forme di incentivi commerciali.
  • Ai broker sarà richiesto di mostrare un avviso di rischio standardizzato che includerà la percentuale dei loro clienti che perdono denaro in un determinato periodo.

Comprensione del Regolamento "Margin Call"

Regolamenti ESMAll modo migliore per comprendere la disposizione del margine del 50% è utilizzare un esempio. Immagina che un cliente apra un conto con un broker Forex, depositando 100 € in totale. Il cliente apre una breve transazione in EUR/USD, andando a breve di un mini-lotto (un decimo di un lotto intero). Un lotto intero di EUR/USD vale 10.000 € , il che significa che un mini lotto vale 1.000 €. Per scoprire il margine minimo richiesto per sostenere tale trade, dividiamo la dimensione del trade ( 1.000 €) per 30, che arriva a 33,33 €. Questo è il margine minimo richiesto per mantenere il trade. La metà di tale importo è di 16,67 €. Ora supponiamo che il trade vada contro il cliente, con il prezzo di EUR/USD in aumento rispetto al prezzo di entrata. Non appena il prezzo sale abbastanza da produrre una perdita fluttuante di 83,33 € (100 € - 16,67 €), il broker deve chiudere il trade out, anche se il trade non ha stop loss o non ha ancora raggiunto lo stop loss. In teoria, ciò significa che l'account di un cliente non può mai raggiungere lo zero. Gli esempi che coinvolgono più scambi aperti saranno più complessi, ma opereranno secondo gli stessi principi.

Cosa Significherà Questo per i Trader?

I regolamenti si applicano solo ai "clienti al dettaglio", quindi potresti provare a presentare domanda per essere classificato come professionista. Per fare in modo che un broker ti classifichi come qualcosa di diverso da un cliente al dettaglio, devi dimostrare di possedere qualifiche finanziarie, una grande quantità di liquidità, un sacco di esperienza nel trading e di solito anche scambi di trading frequenti. La maggior parte dei trader non sarà in grado di qualificarsi, anche se vale la pena notare che una società di intermediazione con sede a Londra, IG Group, ha dichiarato che la percentuale di clienti classificati come "professionisti" è recentemente aumentata dal 5% al 15% dei loro clienti totali.

L'impatto maggiore che questi regolamenti avranno sui trader è semplice: le dimensioni massime degli scambi che possono fare ai broker regolamentati nell'Unione europea si ridurranno. Molti diranno che i limiti massimi di leva offrono ancora molto di più di quanto qualsiasi operatore possa aver bisogno e sono d'accordo. Sono diffidente nei confronti della leva finanziaria e odio vedere chiunque usi la leva finanziaria maggiore di 3 a 1 per il Forex in qualsiasi condizione o qualsiasi leva finanziaria per azioni e criptovalute. Le materie prime possono anche fluttuare selvaggiamente in valore. Troppe persone dimenticano che il più grande pericolo nella leva non è il dimensionamento della posizione eccessivamente grande, è che potrebbe accadere un evento "cigno nero" come il crash del CHF flash del 2015 e spazzare via il tuo account attraverso enormi slittamenti di prezzo. Tuttavia, c'è un altro fattore che è ampiamente dimenticato: perché dedurre che il conto di un trader presso un broker Forex è tutto il denaro che hanno nel mondo? Ad esempio, un trader potrebbe avere  10.000 $ in banca. Se depositano 1.000 $ a un broker che offre la leva massima di 300 a 1, possono scambiare fino a 300.000 $. A un limite di leva da 30 a 1, il trader dovrà depositare il proprio intero fondo da 10.000 $ per negoziare con le stesse dimensioni. In un senso reale, quel trader potrebbe ora assumersi più rischi per operare allo stesso modo, perché se il broker fallisce, mentre in precedenza potevano perdere 1.000 $ ora potrebbero perdere 10.000 $! Anche senza una protezione del saldo negativo, quel broker dovrebbe ancora venire dopo di loro per cercare di ottenere 9.000 $ in più che teoricamente rischiano. Eppure abbiamo visto dopo il crollo del CHF che i broker non arrivano dopo ogni singolo cliente le cui perdite hanno superato il loro deposito, a causa di costi legali e problemi di reputazione. Ciò dimostra che, sebbene lo scopo dichiarato del regolamento sia quello di proteggere i trader da perdite eccessive, la trama non è così semplice come si potrebbe pensare.

Oltre a dover depositare più margine e chiamate di margine automatiche, l'altro importante cambiamento per gli operatori sarà che godranno di una protezione del saldo negativo. Si tratta di uno sviluppo positivo che, auspicabilmente, farà in modo che gli intermediari si concentrino maggiormente sui rischi che corrono con il loro modello di business nel mercato. Allo stesso tempo, un possibile effetto collaterale del nuovo regolamento è il potenziale aumento dei depositi medi, che porta a rendere le società di brokeraggio più stabili e meglio capitalizzate con i fondi dei clienti. Due note finali: gli intermediari dovranno riportare sui loro siti web le percentuali di clienti che stanno perdendo e guadagnando, anche se il periodo nel quale le statistiche devono fare riferimento al momento non è chiaro. Ciò contribuirà a far luce sul dibattito su quale percentuale dei trader al dettaglio sono redditizi, anche se alcuni intermediari hanno già rilasciato quelle che affermano essere statistiche accurate che dimostrano che i clienti con dimensioni di conto più grandi tendono a performare meglio come trader. Inoltre, bonus e promozioni saranno vietati. Accolgo con favore questo, poiché non solo fanno banalizzare il business serio del trading, sono quasi sempre un trucco che offre l'illusione di denaro gratuito, impedendo al tempo stesso agli operatori di ritirare qualsiasi profitto fino a quando viene fatto un gran numero di scambi (leggi la scritta finale la prossima volta che si vedi un broker che offre un "bonus").

Che Cosa succede se non Sei Felice Restando nell'UE?

I trader con account presso i broker interessati che non possono ottenere una classificazione dello status professionale e sentono che hanno davvero bisogno di una leva più elevata rispetto ai limiti ESMA sopra delineati, potrebbero cercare una soluzione aprendo conti con broker al di fuori dell'Unione Europea. La destinazione più ovvia sarebbe l'Australia o la Nuova Zelanda, dove sarà ancora possibile trovare broker di Forex ragionevolmente ben regolati che offrono una leva nell'intervallo da 400 a 1. Uno sviluppo recente di cui non si parla molto è la crescente difficoltà di trasferimento fondi da e verso intermediazioni Forex in giurisdizioni meno strettamente regolamentate. Potresti decidere di aprire un conto con una società di intermediazione in Vanuatu, ma potresti scoprire che una banca all'interno dell'Unione europea potrebbe semplicemente rifiutarsi di inviare i tuoi soldi lì per un deposito. Ciò significa che andare lontano in mare aperto, a seconda di dove vivi, potrebbe non essere un'opzione praticabile. In ogni caso, i nuovi regolamenti non dovrebbero essere impossibili da convivere, e nel complesso c'è un caso convincente che rappresentano un vantaggio netto per qualsiasi trader, quindi perché migrare?

Adam è un trader Forex che ha lavorato nei mercati finanziari per oltre 12 anni, inclusi 6 anni con Merrill Lynch. Adam è certificato nella Gestionedi Fondi e nella Gestione di investimenti dal Chartered Institute for Securities & Investment del Regno Unito.

0 Commenti

L' iscrizione è necessaria per garantire la sicurezza dei nostri utenti. Entra tramite Facebook per condividere il tuo commento con i tuoi amici, o registrati su DailyForex per inviare commenti in modo rapido e sicuro ogni volta che avete qualcosa da dire.

Accedi | Crea adesso un account DailyForex.com