Teoria di Dow per l'Analisi Tecnica Forex

Adam Lemon

teoria di Dow nel tradingLa teoria di Dow è considerata una delle principali autorità nello studio della filosofia di mercato di base. In effetti, l'analisi tecnica così come la conosciamo, trova la sua origine nella teoria che è stata formulata da una serie di editoriali del Wall Street Journal scritti da Charles H.Dow dal 1900 al 1902 e articolati dai suoi seguaci e collaboratori come Robert Rhea (The Dow Theory, 1932).

Dow credeva essenzialmente che i valori delle attività riflettessero i fondamentali sottostanti e le condizioni di business. Analizzando tali condizioni e fattori, è possibile identificare la direzione delle principali tendenze di mercato, nel Forex e in altre classi di attività come azioni e materie prime.

Di seguito è riportato un elenco dei sei principi fondamentali della teoria di Dow:

1. Movimenti dei prezzi di mercato

I movimenti primari possono essere comunemente identificati in termini di mercato "rialzista" o "ribassista". In altre parole, è la tendenza generale del mercato complessivo.

Le fluttuazioni temporanee dei prezzi sono note come movimenti secondari. Questi sono più brevi in ​​termini di periodo di tempo e tipicamente corrono nella direzione opposta rispetto ai movimenti primari.

Ad esempio, un movimento secondario durante una fase rialzista sarebbe indicato come correzione del mercato. Le fluttuazioni giornaliere variano notevolmente e possono essere causate da una serie di fattori che vanno dai fondamentali come le notizie macroeconomiche a fattori tecnici come le condizioni di ipercomprato.

È importante notare che il mercato forex continua a muoversi nella stessa direzione generale fino a quando oa meno che non si verifichi un cambiamento di tendenza primario.

2. Tre fasi di tendenze primarie

  • A: Accumulazione - caratterizzata da investitori informati che entrano nel mercato
  • B: Partecipazione pubblica -: rinascita di un enorme interesse pubblico per la coppia di valute in questione. Questa fase continua fino a quando si verifica una speculazione dilagante.
  • C: Eccesso -A questo punto, gli investitori intelligenti "first mover" iniziano a distribuire le loro partecipazioni sul mercato. Un mercato "ribassista" opera in senso inverso a un mercato "rialzista" sono caratterizzati dalle fasi - Distribuzione, Grande mossa e Disperazione che assistono alla vendita anziché all'acquisto.

3. Sconti di mercato

Dow ha affermato che il mercato tiene conto di tutte le informazioni - passate, presenti e future e riflette lo stesso nel comportamento dei prezzi.

4. Gli indici di mercato si confermano a vicenda

La transizione di un toro in un mercato ribassista o viceversa è possibile solo quando più di un indice mostra tendenze simili. Le tendenze primarie, al rialzo o al ribasso, sono la direzione generale di tutti i mercati che riflettono le condizioni economiche. Ad esempio, se due coppie di USD (dove USD è una quotazione o una controvaluta in entrambe le coppie) sono in conflitto, è probabile che non vi sia una chiara inversione di tendenza.

5.Volume conferma la tendenza

Il volume aumenta quando i prezzi si muovono nella direzione del trend e diminuisce quando i prezzi si muovono nella direzione opposta. Ad esempio, un trend rialzista mostra forza quando il volume aumenta perché i trader stanno scommettendo di più sulla continuazione dello slancio al rialzo. Tuttavia, se il volume è debole in aumento, significa che l '"acquisto" di asset si sta dissipando. Se gli acquirenti si trasformano in venditori, il mercato non continuerà la sua tendenza al rialzo.

6. La tendenza si inverte solo con le prove

L'inversione di tendenza avverrà solo in presenza di prove concrete. Ad esempio, se la coppia USD/JPY si sta muovendo al ribasso ma l'indice di disoccupazione ha rilasciato buone notizie, il movimento al ribasso non può essere definito un'inversione di tendenza.

Molte analisi tecniche moderne considerano la definizione di trend della teoria di Dow come la base dell’analisi tecnica contemporanea.

La teoria di Dow riconosce  il “movimento principale”, “lo swing medio” e lo “swing breve”. Il “movimento principale” é la componente prevalente e può durare molti anni. Lo “swing medio” é una correzione al movimento principale e può durare dai 10 giorni ai 3 mesi. Lo “swing breve” o fluttuazioni minori del movimento possono durare fino a 3 settimane.

Secondo questa teoria le medie mobili di mercato devono confermarsi a vicenda ed ogni trend deve essere confermato dal volume. Dow ritiene che il volume conferma il trend di ogni prezzo.

Conclusioni

In sintesi, la Teoria di Dow è un insieme di linee guida e principi generali per la comprensione dell'analisi tecnica e associati alla comprensione fondamentale di asset e prezzi, prevedendo i movimenti di prezzo di base. Costituisce la base dell'analisi tecnica così come la conosciamo oggi.

Adam Lemon
Adam è un trader Forex che ha lavorato nei mercati finanziari per oltre 12 anni, inclusi 6 anni con Merrill Lynch. Adam è certificato nella Gestionedi Fondi e nella Gestione di investimenti dal Chartered Institute for Securities & Investment del Regno Unito.

Ti è piaciuto quello che hai letto? Facci sapere cosa ne pensi!

exclamation mark

Assicurati che i tuoi commenti siano appropriati e che non promuovano servizi o prodotti, partiti politici, materiale della campagna o proposte di votazione. I commenti che contengono linguaggio abusivo, volgare, offensivo, minaccioso o molesto o attacchi personali di qualsiasi tipo verranno eliminati. Verranno rimossi anche i commenti che includono contenuti inappropriati.

0 Commenti degli utenti

exclamation mark

Assicurati che i tuoi commenti siano appropriati e che non promuovano servizi o prodotti, partiti politici, materiale della campagna o proposte di votazione. I commenti che contengono linguaggio abusivo, volgare, offensivo, minaccioso o molesto o attacchi personali di qualsiasi tipo verranno eliminati. Verranno rimossi anche i commenti che includono contenuti inappropriati.

Maggiori informazioni
Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.