Guida Alle 5 Principali Criptovalute

Di: DailyForex

Bitcoin

Attualmente, il Bitcoin è la criptovaluta più famosa e più preziosa. È stata anche la prima ad essere lanciata dal tuttora anonimo “Satoshi Nakamoto” nel 2009. La sua capitalizzazione di mercato il 1 settembre 2017 superava i 77 miliardi di Dollari, quando erano state stimate 3 milioni di persone in possesso di Bitcoin. Tra le altre criptovalute è quella più accettata nei punti vendita. Il Bitcoin è la scelta più ovvia per la maggior parte degli investitori, speculatori e trader, perché si tratta della criptovaluta più liquida e può essere acquistata, venduta o scambiata attraverso molte più piattaforme rispetto alle altre criptovalute. I Bitcoin vengono creati attraverso il mining, un processo che inizialmente era alla portata dei computer in commercio, ma ora non è più così facilmente accessibile. Con gli attuali ritmi di mining, vengono creati approssimativamente 12,5 bitcoin ogni 10 minuti.

Il ritmo di creazione rallenterà gradualmente, fin quando il numero totale di Bitcoin esistenza raggiungerà 21 milioni al massimo, numero che si prevede si arriverà a toccare intorno al 2140. Tutte le transazioni, incluse la creazione di nuovi Bitcoin e tutte le vendite e trasferimenti della criptovaluta, vengono segnate in un registro pubblico. Di per sé, le transazioni devono essere confermate dalla maggior parte dei nodi della tecnologia blockchain, e dal momento che i proprietari di Bitcoin sono relativamente tanti, le transazioni richiedono almeno 10 minuti per essere verificate completamente. I miner (letteralmente, “minatori”) di Bitcoin agiscono come i nodi all’interno della blockchain, essenzialmente amministrando il sistema e tutte le transazioni. Una volta creati 21 milioni di bitcoin, i miner avranno maggior bisogno di applicare delle tariffe alle transazioni per mantenere la redditività. Per questo motivo i trade temono che in futuro la criptovaluta potrebbe avere problemi. Vale la pena notare, tuttavia, che anche l’acquisto di asset o lo scambio di valuta prevede il pagamento di una commissione per la transazione, dunque i Bitcoin non sono necessariamente in svantaggio rispetto ad altri asset. I miner potrebbero già applicare commissioni, se volessero, e scegliere a quali transazioni in attesa dare la priorità sulla base delle commissioni. Questo significa che se andate di fretta, potreste pagare un piccolo extra per far processare più in fretta le vostre transazioni.

Le transazioni e il possesso di Bitcoin sono effettivamente privati, poiché anche se il registro della blockchain è pubblico e riporta ogni transazione mai effettuata, i proprietari sono identificati da credenziali digitali (“chiavi”) e non per nome o altri fattori di identificazione. I proprietari possono conservare e proteggere le loro chiavi avvalendosi di diversi metodi, di cui parleremo in modo dettagliato più avanti.

Oltre ad essere la criptovaluta più famosa, il Bitcoin gode di un’immagine pionieristica e ribelle perché non sostenuto da grandi società, e viene visto come spericolatamente dirompente. In altre parole, il Bitcoin potrebbe essere il Wikileaks delle criptovalute!

Ethereum

EthereumEthereum è seconda al Bitcoin per dimensioni. È stata lanciata nel 2015 e sviluppata da un programmatore Bitcoin disincantato dalla funzionalità del Bitcoin.

La sua capitalizzazione di mercato il 1 settembre 2017 superava i 36 miliardi di Dollari, poco meno della metà di quella del Bitcoin, ed erano stati stimati 750.000 persone in possesso di Ether (nome con cui è tecnicamente conosciuta la valuta). Viene accettata in pochissimi punti vendita o organizzazioni commerciali come metodo di pagamento. L’essenza di Ethereum sta nel fatto che la tecnologia blockchain è progettata per creare “contratti intelligenti”, ovvero protocolli informatici volti a semplificare, verificare o far rispettare la negoziazione o l’esecuzione di un contratto. Ethereum va pensata come una valuta per contratti aziendali su internet, in contrapposizione al Bitcoin che punta più ad essere un “deposito” di valore e un mezzo di scambio in generale. La cosa fantastica dei “contratti intelligenti” è che sono auto-sorvegliati: i contratti vengono invalidati quando una delle due parti non rispetta i propri obblighi.

Per altri aspetti, la funzionalità di Ethereum è simile a quella del Bitcoin. Richiede il mining, ma le norme che regolano come la criptovaluta verrà creata in futuro sono meno chiare rispetto al Bitcoin. Ethereum ha più un’immagine aziendale ed è stata messa sul mercato da una società svizzera. La criptovaluta ha avuto della pubblicità negativa poiché sono riusciti a manomettere il suo registro, e diversi “hard fork” hanno portato a diverse scissioni, la prima delle quali era stata studiata come mezzo per recuperare gli asset rubati durante la manomissione. Ciò nonostante, alcuni analisti di criptovalute ritiene che probabilmente in futuro la capitalizzazione di mercato di Ethereum supererà quella del Bitcoin. Tuttavia, negli ultimi mesi abbiamo visto la capitalizzazione di mercato del Bitcoin crescere molto più rapidamente di quella di Ethereum.

Capitalizzazione delle Criptovalute

Bitcoin Cash

Bitcoin Cash è un ramo del Bitcoin, creato il 1 agosto 2017 da un “hard fork” nella block chain del Bitcoin. Questo “hard fork” è stato il risultato delle tensioni fra coloro che davano priorità al Bitcoin come deposito di valore (e dunque come investimento) piuttosto che come mezzo di scambio (ovvero denaro commerciale). Alcuni miner di Bitcoin volevano la rimozione dei limiti, così da aumentare la velocità dei tempi delle transazioni. Il risultato è stato che alcuni Bitcoin si sono separati per formare una nuova criptovaluta con tempi di transazione più veloci, chiamato Bitcoin Cash. Richiede mining e il suo funzionamento è uguale a quello del Bitcoin. La sua capitalizzazione di mercato il 1 settembre 2017 superava i 9,8 miliardi di Dollari, circa un ottavo di quella del Bitcoin. Il Bitcoin Cash è maggiormente utile alle persone che devono generare profitti dai flussi della critovaluta, o effettuare molte transazioni commerciali velocemente. Si può considerare un mezzo di investimento perché ha la sua nicchia di mercato, e senza dubbio a partire dalla scissione il prezzo è salito più velocemente rispetto al Bitcoin.

Ripple

Ripple

Ripple è la quarta criptovaluta per dimensioni. La sua capitalizzazione di mercato il 1 settembre 2017 era inferiore ai 9 miliardi di Dollari. È stata rilasciata nel 2012, ma è rimasta in fase di sviluppo per 8 anni. Ripple è piuttosto diversa da Bitcoin e Ethereum,  gode di un’immagine più aziendale e di maggior sostegno, e si tratta realmente di una rete decentralizzata verificata a livello generale, piuttosto che essere una semplice criptovaluta. È stata sviluppata come sistema di regolamento lordo in tempo reale, e può verificare transazioni in pochi secondi, molto più velocemente di qualsiasi altra criptovaluta. Vene utilizzata già da diverse banche importanti, che lo considerano un sistema più sicuro rispetto al Bitcoin e altre criptovalute. La sua valuta è il “Ripple”, ma supporta qualsiasi unità di valore, che si tratti di una valuta legale come il Dollaro statunitense o addirittura miglia aeree e token! Questa flessibilità, così come la sua adozione da parte delle banche, attrae alcuni investitori che ritengono che la tecnologia Ripple prevarrà sul mercato e alla fine supererà Bitcoin e Ethereum per capitalizzazione di mercato. Ad ogni modo, c’è da dire che il suo valore è salito molto più lentamente nel secondo e terzo trimestre del 2017 rispetto al valore delle altre criptovalute principali.

Litecoin

LitecoinLitecoin è la quinta criptovaluta per dimensioni. La sua capitalizzazione di mercato il 1 settembre 2017 era di 3,4 miliardi di Dollari. È entrata nel mercato nel 2011 in seguito a un hard fork del Bitcoin, dunque è una sua derivata. Le sue operazioni sono praticamente identiche a quelle del Bitcoin sotto ogni forma, eccetto per la velocità:  il Litecoin ha sempre avuto una maggior velocità di elaborazione, e attualmente può elaborare transazioni ad una velocità quattro volte superiore a quella del Bitcoin.

 

 

Panoramica Delle 5 Maggiori Criptovalute

Che si tratti di investire o fare trading, è bene dare un’occhiata alle somiglianze e alle differenze esistenti fra le principali criptovalute come punto di partenza. In questo modo potete essere certi di non star acquistando troppo dello stesso tipo di valute. Cerchiamo dunque di descrivere ognuna delle criptovalute. Gli elementi principali che li differenziano e che probabilmente influenzeranno le loro prospettive e funzionalità, capitalizzazione di mercato, immagine, popolarità, sicurezza e velocità di elaborazione sono i seguenti:

  Bitcoin Ethereum Bitcoin Cash Ripple Litecoin
Lanciato 2009 2015 2017 2017 2012
Market Cap. $ 77 bn $ 36 bn $10 bn $ 9bn $ 3 bn
Valuta o rete Valuta Valuta Valuta Rete Valuta
Record di sicurezza Buono Discutibile Buono Eccellente Buono
Famoso? Vero Piuttosto Piuttosto Leggermente Leggermente
Transazione veloce Lento Lento Veloce Molto veloce veloce
Sostenitori corporativi? no JPMorgan Chase, Microsoft, CME Group, BNY Mellon No Google Ventures, Standard Chartered, accenture, Santander, InnoVentures No
Immagine Alternativa Aziendale Alternativa  Molto aziendale Alternativa
link al Bitcoin N/A No

Yes-hard

fork

No Yes -fork


L’anomalia più notevole è Ripple: è molto aziendale, ed è più una rete che una semplice valuta. In futuro potrebbe diventare la matrice attraverso la quale passeranno tutte o quasi tutte le transazioni di criptovaluta.

A parte Ripple, la rivalità maggiore è fra Bitcoin e Ethereum, e l’ultimo spera di superare presto il Bitcoin come leader per capitalizzazione di mercato.

Bitcoin Cash e Litecoin possono essere considerate entrambe valute destinate ad essere ottimizzate per lo scambio, piuttosto che come deposito o investimento.

Per tutte queste ragioni, possiamo dividere le cinque criptovalute in tre gruppi:

  • Ripple
  • Bitcoin e Ethereum
  • Bitcoin Cash e Litecoin

Per quanto riguarda analisi tecniche e prezzi di mercato, la faccenda è più complessa. Il grafico di seguito mostra il valore di Bitcoin, Ethereum, Litecoin e Ripple espresso in Dollari statunitensi dal 1 marzo a settembre 2017.

BTC/USD

Mentre tutte sono cresciute molto durante questo periodo, il Ripple è ancora ben al di sotto del prezzo più alto toccato il 17 maggio, mentre le altre (vere) criptovalute hanno tutte continuato a salire durante l’estate 2017. Bitcoin e Ethereum hanno continuato stabilmente a registrare nuovi massimi, mentre il Litecoin è ancora lontano dal suo picco, come si può vedere nel grafico:

BTC/USD 2

I movimenti di prezzo  degli ultimi sei mesi sembrano avvalorare la nostra categorizzazione in gruppi. Notate anche che le criptovalute con minor capitalizzazione di mercato sembrano avere maggior volatilità, che non sorprende, visto che gli asset illiquidi sono generalmente più volatili.

Criptovalute Minori

Se state considerando l’idea di diventare un investiture nel lungo periodo con le criptovalute, vale la pena pensare di acquistare piccole quantità di valute meno conosciute e che potrebbero crescere d’importanza. Quando si investe in portafogli estremamente rischiosi, spesso i profitti migliori vengono fatti con guadagni spettacolari in solo uno o due asset. Un portafoglio di piccoli investimenti in criptovalute minori potrebbe avere dunque un grande potenziale.

Se decidete di investire in criptovalute meno conosciute, è importante che facciate le vostre ricerche. Qui trovate una lista delle 100 criptovalute più importanti per capitalizzazione di mercato. Nel frattempo, elenchiamo alcune alternative minori che potrebbero distinguersi dalla folla.

Golem – basata su una rete nella quale chiunque può fare soldi affittando il proprio computer inutilizzato su un cloud. Ora è la ventisettesima valuta per capitalizzazione di mercato.

Monero – pubblicizzata come virtualmente impossibile da manomettere con livelli di sicurezza senza precedenti. Ora è l’ottava valuta per capitalizzazione di mercato.

Storj – è la valuta di un sistema di archiviazione cloud con alla base una block chain, nella quale la valuta viene creata in cambio dello spazio di archiviazione fornito.

Adam è un trader Forex che ha lavorato nei mercati finanziari per oltre 12 anni, inclusi 6 anni con Merrill Lynch. Adam è certificato nella Gestionedi Fondi e nella Gestione di investimenti dal Chartered Institute for Securities & Investment del Regno Unito.