Il Crollo del Mercato Azionario del 2020 Può Dirsi Finito?

Adam Lemon

È improbabile che la forte e acuta svendita nei mercati azionari innescata dalla pandemia di coronavirus nel febbraio / marzo 2020 finisca presto, indipendentemente dai rally di sollievo e dai pacchetti di stimolo. Analisi tecniche e fondamentali suggeriscono la probabilità di un continuato mercato azionario ribassista finché i mercati non saranno scesi del 50% dai loro massimi storici, e forse anche di più, poiché dovranno digerire gli sbalorditivi costi economici delle misure adottate per contenere la pandemia. È probabile che l’indice S&P 500 scenda di almeno 1750 punti durante il 2020.

Puoi negoziare andando short o long sugli indici di borsa, scegliendo dalla lista dei nostri migliori broker in primo piano.

Il crollo del mercato azionario del 2020

Il 19 febbraio 2020 il mercato azionario statunitense ha raggiunto il massimo storico, misurato dall’indice di riferimento S&P 500. L’indice si è schiantato perdendo oltre il 20% di valore rispetto al suo massimo in soli 15 giorni di negoziazioni. Questo è stato il crollo del mercato azionario più rapido verificatosi negli Stati Uniti nell’ultimo secolo, superando anche la velocità del grande crollo del mercato azionario del 1929, che ha impiegato 30 giorni di negoziazioni per completare un calo del 20% dal suo massimo. Un calo del 20% da un picco è la definizione tradizionale di un mercato ribassista e, se accade in maniera molto rapida, può essere praticamente descritto come un crollo.

Il crollo del mercato azionario del 2020 non ha colpito solo gli Stati Uniti, ma anche tutti i mercati azionari mondiali. La maggior parte dei mercati e degli indici di mercato ha registrato cali di oltre un terzo del valore dal picco al minimo, sebbene a questi ribassi siano seguiti rally a livelli più alti, ma al momento della stesura di questi dati è stato recuperato appena un terzo dei declini totali.

Crollo del mercato azionarioLa grande domanda per trader ed investitori è: i mercati azionari possono cadere ulteriormente a nuovi minimi, e in tal caso, di quanto? O riusciranno ad avviare un processo di recupero senza violare i minimi recenti (a suggerire che è ora il momento di acquistare azioni)? In effetti, si tratta di una domanda rivolta a tutti, poiché la salute del mercato azionario può avere un impatto diretto sulla salute dell’economia “reale”, sugli utili e sulla disoccupazione. Possiamo provare a rispondere a questa domanda esaminando due fattori: cosa ha causato il crollo del mercato azionario del 2020 e come si confronta con altri crolli verificatisi nell’ultimo secolo.

Cause del crollo del mercato azionario del 2020

L’ovvia causa primaria è la pandemia globale di coronavirus diffusasi dalla Cina per raggiungere rapidamente il cuore delle nazioni del G7 in Europa occidentale e Nord America. Una malattia altamente infettiva e senza cura che inizialmente sembrava avere un tasso di mortalità tra il 2% e il 4%, un evento estremamente allarmante e senza un vero precedente nelle nazioni sviluppate dopo la pandemia di influenza spagnola del 1918. Questa singolare ragione ha posto il panico iniziale del mercato in una categoria psicologica unica, sicuramente contribuendo alla forte velocità e intensità del crollo. La situazione unica rende difficile confrontare questo crollo con gli altri crolli storici del mercato azionario.

Vengono spesso citate due principali cause secondarie: una guerra dei prezzi del petrolio tra Russia e Arabia Saudita, che potrebbe essere vista come il fuoco che per primo ha acceso la polvere da sparo, e il fatto che ci sia semplicemente stato un mercato rialzista fortemente esteso e di lunga durata che ha visto aumentare notevolmente le azioni in termini di valore da quando il presidente Trump è stato eletto nel novembre 2016, a cui si deve una forte correzione. I mercati sono stati ampiamente visti come “ipercomprati”.

Queste cause potranno essere in seguito confrontate con le cause percepite dei crolli storici del mercato azionario, per aiutare a determinare quale precedente storico abbia più probabilità di servire da buona guida a ciò che accadrà al mercato azionario nei prossimi mesi e anni.

Confronto tecnico dei mercati azionari ribassisti degli Stati Uniti dal 1929 al 2020

Un mercato ribassista può essere definito da un calo del valore di un maggiore indice di mercato di almeno il 20% dal picco al minimo. È anche utile selezionare solo i picchi che rappresentano i massimi storici, poiché non vi è alcun dubbio concettuale che un mercato sia rialzista quando sta realizzando un nuovo massimo su tutti i tempi. Secondo questi criteri, ci sono stati 13 mercati al ribasso dal 1929, incluso il mercato orso (così viene anche chiamato un mercato ribassista) iniziato nel 2020. Le statistiche cruciali di tutti questi mercati ribassisti sono presentate nella tabella seguente, classificati al ribasso in ordine di gravità decrescente misurata dal picco totale, al declino al minimo. Possiamo vedere che il mercato ribassista del 2020 (evidenziato in giallo nella tabella seguente) è già il settimo mercato orso più grave dal 1929. Naturalmente, non sappiamo ancora per quanto tempo durerà questo mercato ribassista o quanto severo sarà il peggior declino dal picco al minimo.

Mercati ribassisti degli Stati Uniti dal  1929 al 2020

Mercati ribassisti degli Stati Uniti dal  1929 al 2020

Da questo confronto di analisi tecnica, è possibile trarre una serie di conclusioni:

  • Il mercato orso del 2020 ha visto la transizione da mercato al rialzo a mercato al ribasso più rapida da oltre un secolo.
  • Solo un altro mercato al ribasso ha visto un calo delle dimensioni di quello del 2020 senza effettuare un calo dal picco al minimo di almeno il 50%.
  • I due mercati ribassisti più recenti visti dal 2000 hanno prodotto ciascuno un calo massimo dal picco al minimo superiore al 50%. Può darsi che la volatilità dei crolli anomali abbia teso ad aumentare negli ultimi decenni a causa della nuova tecnologia che consente il trading remoto istantaneo e l’utilizzo di algoritmi ad alta frequenza, che probabilmente accelerano ed esagerano i movimenti del mercato.
  • Dei quattro peggiori mercati orso, tre hanno impiegato almeno 185 giorni per svilupparsi. I mercati al ribasso che si sono sviluppati molto rapidamente tendono a subire cali finali meno gravi. Ciò rappresenta un caso più ottimistico per i mercati azionari nel 2020 e nel 2021.

Dai dati presentati sopra, non è possibile trarre conclusioni chiare sulla probabile gravità ultima del mercato ribassista del 2020. Tuttavia, un’analisi tecnica dei prezzi potrebbe fornire alcuni indicatori tecnici da adottare come utili precedenti.

Prevedere lo sviluppo del crollo del mercato azionario del 2020

Nei titoli azionari, i mercati ribassisti tendono a scendere più rapidamente di quanto non salgono i mercati rialzisti. Inoltre, una volta registrati forti cali di oltre il 20% dal picco, se i mercati continuano a scendere eseguendo nuovi minimi, raramente ritracciano di oltre il 50% dal loro pieno declino. Tendono a fare minimi significativi che durano per un po’, e che vengono poi fortemente spazzati via al ribasso, dando un segnale ribassista affidabile. Possiamo applicare questi principi all’azione dei prezzi per il 2020 mostrata nel grafico mensile qui sotto dell’indice S&P 500.

Grafico mensile dei prezzi dell’indice S&P 500 del 2020

Grafico mensile dei prezzi dell’indice S&P 500 del 2020

Il movimento di febbraio e marzo dal picco al minimo è stato compreso tra circa i 3400 e i 2200. Ciò significa che l’ancoraggio (mentale) euristico del “punto di svolta” del 50% verrà visto ai 2800. Se il mercato riesce ad effettuare una prima chiusura mensile sopra i 2800 senza eseguire una rottura significativa al di sotto dell’attuale oscillazione inferiore ai 2200, rivelerebbe in tal caso un segnale rialzista e il minimo non verrà testato di nuovo. Un altro motivo per cui il livello dei 2800 è tecnicamente importante, risiede nel fatto che è molto vicino al punto in cui questo mercato ha completato il suo calo iniziale del 20% dal picco nel febbraio 2020.

Un altro segnale rialzista si avrebbe con la prima chiusura finale del mese superiore al prezzo di chiusura effettuato sei mesi prima.

Se questo mercato orso farà fatica a stabilirsi al di sopra dei 2800, e inizierà invece a negoziare in modo convincentemente inferiore all’oscillazione minima giusto al di sotto dei 2200, ciò suggerirà tecnicamente che questo mercato ribassista si svilupperà come i mercati ribassisti del 2008, 2001, 1973 o anche del 1929, continuando a scendere molto di più.

Il crollo del mercato azionario del 2008

Di seguito è riportato il grafico dei prezzi mensili del crollo del mercato azionario del 2008, iniziato nel 2007.

Grafico dei prezzi mensili dell’indice S&P 500 2007/08

Grafico dei prezzi mensili dell’indice S&P 500 2007/08

Il secondo mese del declino iniziale (contrassegnato dalla candela sopra la freccia in su) ha prodotto un minimo che ha resistito per più di un mese prima di essere rotto. Ciò rafforza l’importanza di un’iniziale depressione minima che viene poi testata dopo un certo periodo di tempo a seguito di un considerevole ritracciamento. Non è contrassegnato, ma è osservabile come non vi sia stata alcuna chiusura mensile al di sopra dell’iniziale livello di ritracciamento del 50%.

Dopo alcuni mesi, ci fu un forte ritracciamento rialzista, che raggiunse il picco della candela contrassegnato dalla freccia in giù. Si noti che questa candela non è riuscita a chiudere mensilmente al di sopra del livello di ritracciamento del 50% e il mercato ha continuato a eseguire nuovi minimi e un calo dei prezzi a lungo termine.

Il crollo del mercato azionario del 2001

Questo mercato ribassista ha impiegato un tempo relativamente lungo a svilupparsi rispetto al picco del mercato nel 2000, ma una volta raggiunto il calo del 20%, il prezzo non si è mai avvicinato a un ritracciamento del 50% rispetto al movimento in ribasso dal picco. Ciò aggiunge peso all’argomentazione secondo cui il mantenimento del prezzo al di sopra del livello attuale di ritracciamento del 50% è un indicatore molto cruciale, sull’ipotesi che il mercato ribassista abbia ulteriore margine di discesa.

Il crollo del mercato azionario del 1929

La stessa cosa accadde nel mercato orso del 1973 e anche nel crollo del mercato azionario del 1929. Dopo i primi mesi dal peggior crollo del mercato azionario di sempre, l’inizio del 1930 vide i prezzi rafforzarsi a poco più di 25 dopo il rialzo dal minimo a breve termine a circa 20, che era l’area del ritracciamento del 50% dal movimento al ribasso da circa 30 a 20. Tuttavia, il ritracciamento del 50% è stato nuovamente rispettato.

Annuncio
I mercati azionari si stanno schiantando

Confronto fondamentale tra i crolli dei mercati azionari

Vi sono solide ragioni tecniche per ritenere che vi sia una ragionevole probabilità che il mercato ribassista del 2020 si estenderà per competere con i grandi mercati al ribasso del 2008, 2002, 1973 e persino dell’inizio degli anni ‘30, se l’indice S&P 500 scambiando decisamente al di sotto dei 2200 farà fatica a stabilirsi sopra i 2800. Tuttavia, un’analisi comparativa dovrebbe anche esaminare le condizioni fondamentali prevalenti con lo sviluppo di questi mercati ribassisti.

Se iniziamo dal caso peggiore, quello del 1929, l’opinione condivisa è che il problema sia iniziato con il crollo iniziale del mercato, che ha scatenato una crisi di liquidità a causa della sovraesposizione di istituzioni e governi finanziari, portando poi a una massiccia riduzione della domanda. Il crollo del 2008 è stato simile, ma la domanda è stata preservata con un programma coordinato di ingenti prestiti governativi mascherati da altre misure. Il crollo del 1973 fu probabilmente diverso, essendo ampiamente visto come il risultato di un’emergente recessione piuttosto che come causa della stessa, in cui la recessione fu provocata dal crollo di fattori strutturali ben consolidati come il petrolio a buon mercato e l’accordo di Bretton Woods.

Naturalmente ci sono stati crolli anomali del mercato azionario che si sono rivelati improvvisi e gravi, ma in cui il prezzo è tornato indietro molto rapidamente, come nel 1987, 1990 e 1998. Vale la pena studiarli perché si può sostenere che ciascuno di questi casi fosse causato da eventi singolari, rapidamente visti come un grosso problema dopo un iniziale lampo di allarme. I crolli anomali del 1987 e del 1998 erano dovuti a correzioni da tempo attese per via di mercati molto ipercomprati, innescate per il contagio del debito istituzionale; entrambi hanno visto recuperi estremamente rapidi continuando a diventare forti mercati rialzisti. Lo schianto del 1990 è stato provocato dall’invasione shock dell’Iraq e dall’annessione dello stato del Kuwait, che ha causato allarme poiché ha sollevato la prospettiva di una grave interruzione delle forniture di petrolio del Golfo, gravi danni ambientali e la prospettiva allora quasi impensabile di una grande guerra che potesse coinvolgere gli Stati Uniti. In effetti, la prima guerra del Golfo è stata un evento relativamente secondario per tutti al di fuori dell’Iraq e del Kuwait, e i mercati si sono ripresi rapidamente.

Fattori fondamentali suggeriscono che il crollo del 2020 sarà grave come quello iniziato nel 1973 e forse anche nel 1929.

Impatto economico della pandemia di coronavirus del 2020

Al momento in cui scrivo, sta diventando sempre più chiaro che il mondo in generale, e in particolare le nazioni più sviluppate del G7 e del G20, subiranno un impatto economico molto grave a causa della pandemia di Covid-19. La domanda è: quanto velocemente la pandemia potrà essere messa sotto controllo e in quanto tempo si rianimeranno le economie in difficoltà?

Prima d’inizio aprile 2020, i principali istituti finanziari avevano già previsto un tasso di disoccupazione negli Stati Uniti oltre il 32% e un calo annuale del PIL del 23%. Il problema non è che il coronavirus è particolarmente letale, il problema è che nella maggior parte dell’Europa e degli Stati Uniti il virus è andato fuori controllo, le società civili dovranno proteggere la loro popolazione anche da un presunto tasso di mortalità di circa lo 0,8%, e il costo di questa protezione risulterà in un massiccio semi-arresto economico che anche nel migliore dei casi, durerà diversi mesi. Ciò comporterà la distruzione di ricchezza, affari, capitale e richiederà un’enorme estensione del debito pubblico per mantenere il lockdown, debito pubblico che si trova già ai massimi storici in termini globali. Ciò può essere mitigato dal fatto che quasi tutti i governi interessati hanno agito molto rapidamente nell’allentare la politica monetaria, prendendo pesantemente in prestito o stampando denaro per sostenere le loro popolazioni colpite. Tuttavia, ciò solleva la questione se sia sostenibile un’estensione così infinita del debito. Ancor peggio, è possibile che diversi mesi di blocco non siano sufficienti a porre fine al virus, che potrebbe tornare a ruggire in un secondo momento, senza alcuna garanzia di trovare un vaccino in tempo.

È difficile credere che anche nel migliore dei casi, in cui le nazioni del G7 gestiscono un blocco efficace solo per 2 o 3 mesi e riformulano le loro economie con un atto unificato di volontà politica e sociale, non si provocherà comunque abbastanza danno da spingere i prezzi del mercato azionario a minimi più bassi di quelli già visti. Ciò dovrebbe diventare ovvio entro la fine di maggio 2020 e l’accettazione di questo scenario da parte del mercato verrà segnalata dall’indice S&P 500 che negozia fermamente al di sotto dei 2200. In tal caso, entro la fine del 2020 probabilmente l’indice scenderà ad almeno i 1750.

Domande Frequenti

Il mercato subirà un crollo nel 2020?

Il mercato ha già subito un crollo nel 2020. A febbraio 2020, l’indice S&P 500 è sceso di quasi il 37% dal suo massimo storico in sole cinque settimane e tutti i principali indici azionari del gruppo di nazioni del G7 sono diminuiti di oltre 20% nello stesso periodo.

Crollerà anche il mercato azionario globale?

Il mercato azionario globale è crollato nel 2020 e potrebbe diminuire ulteriormente. La borsa di ogni nazione del G7 è diminuita di oltre il 20% rispetto al suo recente picco, e anche 14 nazioni del G20 hanno registrato lo stesso al 29 marzo 2020.

Quanto è crollato il mercato azionario nel 2020?

I principali indici dei mercati azionari sono fortemente crollati dai picchi del 2020 ai minimi, ben oltre il territorio del mercato ribassista. Al 29 marzo 2020, l’indice S&P 500 era sceso del 35,87%, il Dow Jones Industrial Average del 38,22%, il NASDAQ del 32,05%, il NIKKEI 225 del 31,29% e il DAX del 40,16%.

Qual è stato il peggior crollo del mercato azionario?

Il peggior crollo del mercato azionario è stato il crollo del mercato azionario del 1929. Il mercato azionario statunitense ha perso l’86,19% del suo valore tra il 1929 e il 1931 dopo essere diminuito del 20% in soli 30 giorni di scambi. Il mercato statunitense non ha riguadagnato il suo valore per quasi 25 anni dopo l’inizio del crollo e il mondo intero ne è stato gravemente colpito.

Adam Lemon
Adam è un trader Forex che ha lavorato nei mercati finanziari per oltre 12 anni, inclusi 6 anni con Merrill Lynch. Adam è certificato nella Gestionedi Fondi e nella Gestione di investimenti dal Chartered Institute for Securities & Investment del Regno Unito.