Dati record per il deficit giapponese

Il Giappone resta la terza economia più grande a livello mondiale e la sua forza è sempre stata vincolata alle esportazioni verso il resto del mondo. L'equilibrio di una nazione commerciale è semplicemente la differenza di valore tra esportazione e importazazione. Ciò nonostante, il Giappone ha sofferto della crisi finanziaria globale più di tutti visto che la sua moneta è stata spesso percepita come un "rifugio sicuro" - nonostante la Banca del Giappone abbia operato una politica di "quasi zero" interessi per molti anni.

La domanda per lo yen come un rifugio sicuro ha spinto verso l'alto il suo valore contro i suoi principali concorrenti. Naturalmente, l'incertezza nella zona euro dalla crisi del debito sovrano non ha aiutato le cose, nonostante una recente ripresa, la moneta è ancora 7,9% al di sotto del livello registrato un anno fa e fino ad un enorme 38,5% dal suo picco nei confronti dello yen (169,75 euro nel luglio 2008). Insieme al devastante disastro naturale nel marzo dello scorso anno e il inondazioni nel sud-est asiatico, il Giappone ha dovuto affrontare momenti difficili.

Il deficit commerciale registrato durante il mese di gennaio è stato di $ 19 miliardi, un alto record. Oltre allo Yen, anche le importazioni sono state frenete, vista la mancata capacità di generazione nucleare della nazione dopo lo tsunami e i danni alla centrale nucleare di Fukushima. Una delle conseguenze dirette del disastro naturale, è stata la necessità d’ importazione di gas e combustibili fossili per fornire energia e per compensare la perdita di capacità di generazione di energia elettrica. Secondo il Ministero delle Finanze, le importazioni di gas naturale e carbone sono aumentate del 74% e del 26% nelle figure gennaio 2010, rispettivamente.

Secondo numerosi analisti, il bilancio in Giappone rimarrà in rosso nei primi due trimestri dell'anno visto la riduzione della domanda nei mercati di esportazione del Giappone, in particolare, l'UE e gli USA.