Carney: la Brexit Farebbe Alzare il Costo della Vita

Phillip Hammond, il cancelliere dello scacchiere del Regno Unito, ha detto che nessuno ha votato per una Brexit più povera, ma sta diventando sempre più chiaro che sarà così. Sulla scia di una proiezione ufficiale del governo per cui il Regno Unito in termini di PIL peggiorerebbe del 3,9% in 15 con un accordo più favorevole di quello negoziato dalla May, Mark Carney ha avvertito sui costi di (da leggere come “nessun accordo”) una Brexit disordinata.

Parlando alla commissione Tesoro, il Governatore della Banca d’Inghilterra ha avvertito che una Brexit disordinata potrebbe vedere un aumento dei prezzi nel Regno Unito tra il 5 e il 10%, a seconda dell'estensione della rottura.

Poiché il Regno Unito importa circa la metà del cibo che consuma, qualora il valore della Sterlina diminuisse i prezzi sarebbero suscettibili ad un aumento ma, secondo le regole dell'OMC, è probabile che una Brexit disordinata vedrebbe applicati i dazi sulle importazioni. Anche l'aumento dei costi frontalieri (a causa delle ispezioni obbligatorie) potrebbe tradursi in un aumento dei prezzi.

Carney ha detto alla commissione: “Nello scenario più estremo, la spesa per gli acquisti salirebbe del 10%. A questo punto, i porti non sono pronti per passare a una relazione amministrata dall’OMC. Per essere assolutamente chiari, noi, i nostri agenti, i miei colleghi siamo andati in questi porti discutendo direttamente con le parti in questione. Abbiamo parlato con le compagnie di logistica private, quindi abbiamo raccolto informazioni dirette su questo tema”.

Se il Regno Unito ricade sotto le regole dell’OMC, i dazi varierebbero in funzione della natura delle merci oggetto di scambio. Mentre i combustibili minerali e i prodotti farmaceutici attirano un rating a zero dazi, i prodotti alimentari trasformati sono soggetti a una percentuale compresa tra il 20% e il 35% mentre le importazioni di carne vedono dazi tra il 45% e il 50%. Se il Regno Unito applicasse un’aliquota zero sulle importazioni dell'UE, sarebbe costretto a offrire lo stesso accordo a tutti gli altri membri dell'OMC (mentre questi non sarebbero obbligati a ricambiare).

La Banca d'Inghilterra è stata accusata di “allarmismo” per la sua recente previsione post-Brexit nel caso di un’uscita disordinata, ma Carney ha sottolineato che le previsioni si basano sul lavoro di un nucleo centrale di 20 senior economist e sono state redatte sulle valutazioni di 150 professionisti per alcuni anni. Le valutazioni sono state esaminate dai comitati di politica Monetaria e Finanziaria presso la Banca.

Una nota positiva, Carney ha detto che il settore finanziario è stato preparato per tutti gli scenari di Brexit, osservando: “Stiamo dormendo sonni tranquilli, perché il settore finanziario, il nucleo del settore finanziario, si trova già nella posizione in cui dovrebbe essere per affrontare uno scenario difficile“.

Finora, il settore finanziario ha visto la perdita di 5000 posti di lavoro a causa della Brexit. Il settore impiega circa mezzo milione di persone, quindi la perdita equivale all'1% della forza lavoro fino ad oggi.

Dr. Mike Campbell è uno scienziato ed uno scrittore freelance inglese. Mike ha conseguito il suo dottorato di ricerca a Ghent (Belgio) e, dopo aver lasciato il Regno Unito, ha lavorato in Belgio, Francia, Monaco e Austria. Come scrittore, si è specializzato nell’ambito economico, scientifico, medico e ambientale.