La May Crolla in una Disfatta Epocale

|

Il governo di Theresa May ha sostenuto la più grande sconfitta subita da un governo nella storia della politica britannica moderna, quando il “voto significativo” sul disegno di legge di ritiro dall'UE è stato respinto con una maggioranza di 230 voti. La maggior parte degli osservatori ritiene che, vista l'entità della sconfitta, l'accordo sia morto e sepolto, e che non possa essere ripresentato al parlamento dopo alcune modifiche minori ai termini e al linguaggio. La grande domanda è: tutto questo, in che posizione lascia ora il Regno Unito?

Sulla scia del voto, il governo ha suggerito che avrebbe avuto il tempo per un dibattito con l'opposizione su un voto di sfiducia, che il leader del partito Laburista ha prontamente presentato. Questo dibattito e votazione si terranno oggi, ma la maggior parte degli osservatori ritiene che il governo vincerà il voto, rimanendo al potere. Se ciò non dovesse accadere, allora il governo avrà due settimane per formare un’amministrazione che possa comandare la fiducia del Parlamento, ma se non si riuscisse a formare un governo (e l'opposizione ha il diritto di fare un tentativo) allora si dovranno tenere nuove elezioni generali.

Una volta risolta la questione della fiducia nel governo (supponendo che passi), allora alla May verrà richiesto di tornare alla Casa dei Comuni entro e non oltre lunedì, per delineare come intende procedere. Il Primo ministro ha indicato che desidera parlare con i parlamentari per tentare di trovare una posizione di consenso, tuttavia, incredibilmente, non è ancora chiaro se ciò includa i partiti di opposizione.

Dal dibattito di ieri sera, per molti oratori risulta chiaro che un risultato “senza accordo” debba essere tolto dal tavolo. Se il governo non lo farà, è probabile che i parlamentari tenteranno di forzarlo. Allo stesso modo, molte voci suggeriscono che il governo debba richiedere un’estensione del periodo di notifica dell'articolo 50 per consentire più tempo ai negoziati. La May ha mostrato grande riluttanza nel procedere in questi termini e una simile richiesta esigerebbe il sostegno unanime dell’UE.

La linea dei governi dell’UE è in genere rammaricata del fatto che il miglior accordo che potevano offrire al Regno Unito (entro i limiti della linea rossa del PM) sia stato respinto dal Parlamento.

Chiaramente c'è poca propensione per riaprire i negoziati e gli stati dell’UE chiedono che il Parlamento e / o il Governo del Regno Unito chiariscano esattamente quello che vogliono, prima che l’UE si apra in commenti sostanziali. Donald Tusk ha affermato che il Regno Unito potrebbe ancora decidere di rimanere all’interno dell'UE.

Una volta risolta la questione della fiducia, la posizione ufficiale del partito laburista sarà quella di sostenere le richieste per un ulteriore referendum, ma si sa che l’onorevole Corbyn si oppone a questo.

Il risultato ha fatto sì che la sterlina aumentasse ulteriormente rispetto all’euro e alle altre major, ma i guadagni non sono mai stati sostanziali e sono stati ridimensionati. L’unica sorpresa nel risultato di ieri è stata la portata della sconfitta del governo che ha visto 118 dei suoi parlamentari votare contro. Nel complesso, sembra evidente che i mercati Forex abbiano valutato il risultato nel range sulla Sterlina. Probabilmente, qualsiasi mozione che escluderà un esito “senza accordo” farà aumentare la sterlina.

Dr. Mike Campbell è uno scienziato ed uno scrittore freelance inglese. Mike ha conseguito il suo dottorato di ricerca a Ghent (Belgio) e, dopo aver lasciato il Regno Unito, ha lavorato in Belgio, Francia, Monaco e Austria. Come scrittore, si è specializzato nell’ambito economico, scientifico, medico e ambientale.