Rallenta la Crescita Annuale Cinese

|

L’economia cinese è la seconda più grande al mondo, ma è ancora nominalmente l’economia controllata di uno stato comunista. I dati economici rilasciati dalla Cina sono sempre stati trattati col beneficio del dubbio se non possono essere verificati in modo indipendente.

Se si crede ai titoli dei giornali, la Cina è messa male da quando la crescita annuale dello scorso anno è stata la più debole in quasi tre decenni: sicuramente, la politica della guerra commerciale di Trump sta dando i suoi frutti...beh forse, ma forse no. Il dato sulla crescita annuale del 2018 pubblicato dalla Cina farebbe morire d’invidia qualsiasi altra economia leader. Dopo la peggiore produzione economica dal 1990, la Cina ha comunque gestito una crescita di un enorme 6,6%. Molte nazioni occidentali vorrebbero avere simili problemi di crescita.

Se i dati provenienti dalla Cina fossero assolutamente accurati, ci si aspetterebbe una progressiva riduzione della crescita, all’aumentare del valore dell’economia. Secondo i dati, il PIL della Cina è più che raddoppiato dal 2010 da 6,100 miliardi di dollari, a 12,400 miliardi di dollari nel 2017 - quindi, per raggiungere una crescita del 5% nel 2010, l’economia ha dovuto espandersi di 3,050 miliardi di dollari; ora, questo livello di crescita richiede un aumento di 6,000 miliardi di dollari. Un’altra caratteristica sorprendente del profilo di crescita economica cinese è che è riuscito a non essere colpito durante la crisi finanziaria globale!

La comunità degli investitori è preoccupata che il debito pubblico in Cina possa essere a livelli insostenibili. I timori che la disputa commerciale tra Cina e Stati Uniti danneggi già il rallentamento della domanda globale significano anche che i dati (così come sono) sono attentamente esaminati. Il dato relativo al PIL del quarto trimestre si attesta al 6,4%, in calo rispetto al 6,5% del secondo trimestre 2018, che indica un’economia in rallentamento (i dati sono su base annua).

La Cina continua nei suoi tentativi di riequilibrare l’economia dalla dipendenza dalle esportazioni stimolando la domanda interna. Ciò ha comportato tagli alle tasse e maggiori spese per progetti infrastrutturali. Anche i requisiti di liquidità per le banche cinesi sono stati allentati.

Dr. Mike Campbell è uno scienziato ed uno scrittore freelance inglese. Mike ha conseguito il suo dottorato di ricerca a Ghent (Belgio) e, dopo aver lasciato il Regno Unito, ha lavorato in Belgio, Francia, Monaco e Austria. Come scrittore, si è specializzato nell’ambito economico, scientifico, medico e ambientale.