Brexit ad una Svolta?

|

La Brexit è piena di frasi insensate come “Brexit significa Brexit” e “nulla è deciso fino a quando non viene tutto concordato”, ma forse la seconda di queste potrebbe ancora dimostrarsi vera.

I due principali partiti nel Regno Unito sono divisi sulla questione “Europa”, e lo sono sempre stati. Il referendum sulla Brexit, piuttosto che cauterizzare le ferite dell'euroscetticismo e dell’europeismo, le ha intensificate aggravandole. Nel partito dei Tory, è salita la rabbia perché si pensa che l’ala destra dell’ERG, fortemente euroscettica, abbia avuto troppa influenza sul processo Brexit, mentre sono state ignorate le voci più moderate.

Nel partito laburista, molti sospettano che il leader del partito sia rimasto fedele alle sue radici euroscettiche e, nonostante le rimostranze, auspicherebbe che la Brexit si realizzi sotto la volontà (attuale) espressa della stragrande maggioranza del suo partito.

Le pressioni all'interno dei due principali partiti sono precipitate così tanto da far sì che otto deputati laburisti e tre parlamentari conservatori si siano dimessi dai loro partiti per sedersi come Gruppo Indipendente in parlamento (con l'aspettativa di formare un partito separato nei prossimi mesi). Questo esodo è troppo piccolo per causare in sé le preoccupazioni di entrambe le parti, ma molti parlamentari di entrambi i partiti si sentono solidali nel seguire la causa, a meno che i leader non prestino maggiore attenzione alle loro opinioni.

Per i laburisti, questo processo si è culminato con la dichiarazione di essere disposti a spingere per un ulteriore referendum se le loro proposte sulla Brexit verranno respinte dal parlamento (praticamente una certezza). Per i conservatori, la minaccia della May di lasciare l'UE senza stipulare un accordo probabilmente costringerà molti nel governo e all’interno del partito a ribellarsi contro gli emendamenti che costringerebbero il PM ad una proroga (o piuttosto a chiedere all'UE di accettare una proroga) alle negoziazioni dell’Articolo 50. La portata dell’insurrezione è tale che circolano voci per cui la May escluderà una Brexit “senza accordo” nel tentativo di mantenere l'unità del partito - tuttavia, una tale mossa farebbe infuriare i membri dell'ERG del suo partito.

La notizia del sostegno del partito Laburista ad un secondo referendum ha spinto la sterlina in rialzo di circa un centesimo contro l'euro. Resta da vedere se il sostegno dei laburisti per un voto (una posizione sostenuta da tutti i partiti di opposizione) sarà sufficiente ad ottenere una maggioranza in parlamento. Ci sono probabilmente 25 parlamentari laburisti che voterebbero contro di esso, mentre solo una dozzina dei parlamentari dei Tory si sono schierati pubblicamente a supporto del voto. Tuttavia, questi sono periodi incerti e molti parlamentari del partito Tory potrebbero essere più felici nel riconsegnare la responsabilità al popolo, in particolare quando il parlamento rimane irrimediabilmente diviso sulla questione della Brexit e tutti, tranne il più radicalmente euroscettico, riconoscono la catastrofe rappresentata da un ”no deal”.

Dr. Mike Campbell è uno scienziato ed uno scrittore freelance inglese. Mike ha conseguito il suo dottorato di ricerca a Ghent (Belgio) e, dopo aver lasciato il Regno Unito, ha lavorato in Belgio, Francia, Monaco e Austria. Come scrittore, si è specializzato nell’ambito economico, scientifico, medico e ambientale.