Carney Avverte di una Brexit Senza Accordo

Va da sé che nel referendum del 2016, nessuno di chi si è battuto per l’uscita del Regno Unito dalla UE, abbia mai parlato della possibilità di una Brexit sull’orlo del precipizio, senza accordo, in cui il regime giuridico cambi letteralmente, da un giorno all'altro. Rimane tutt'altro che chiaro se il governo del Regno Unito consentirà tale situazione, ma al momento, senza il raggiungimento di un accordo o un ulteriore evento sostanziale (cancellazione della notifica all’Articolo 50 o ulteriore referendum) è la posizione predefinita.

Il governatore della Bank of England è una figura politicamente neutrale, ma come i lettori abituali di questa rubrica apprezzeranno, è ora impossibile separare la politica dalla pura economia. Mark Carney si è espresso contro una Brexit "senza accordo", esortando i politici a trovare una soluzione. Carney ha avvertito che tale risultato in un momento di crescenti tensioni commerciali globali e un rallentamento dell'economia cinese, potrebbe creare uno “shock economico”.

Parlando al Barbican Centre di Londra, Carney ha osservato: “È nell'interesse di tutti, probabilmente ovunque, che venga trovata una soluzione alla Brexit: è possibile che si sviluppino nuove norme per un'economia globale più inclusiva e resiliente. Allo stesso tempo, c'è il rischio che i paesi si chiudano, indebolendo la crescita e la prosperità per tutti: un no-deal sarebbe uno shock economico per questo paese, che invierebbe un segnale globale sulla rifondazione della globalizzazione. Sarebbe davvero un peccato”.

Carney ha sottolineato che la Brexit ha creato un “alto livello di incertezza” e di conseguenza “le aziende frenano nel prendere decisioni importanti”. Questo, ha sostenuto, è il motivo per cui il Regno Unito ha bisogno di ottenere un buon accordo di ritiro e un periodo di transizione (che verrebbe abbandonato nel caso di uno scenario “senza accordo”). Ha osservato che la recente crescita globale ha raggiunto il picco del 4% nel 2016 e da allora ha rallentato gradualmente. Mentre [Carney] credeva che la crescita globale si sarebbe stabilizzata, l'aumento delle tensioni commerciali e un ulteriore rallentamento della Cina potrebbero invece deviarla:

“La Banca d'Inghilterra stima che un calo del PIL cinese del 3%  taglierebbe l'1% dell'attività globale, con un taglio di mezzo punto del PIL britannico, degli Stati Uniti e dell'area euro”, ha detto Carney.

Il governatore ha avvertito che “un maggiore aumento di 10 punti percentuali sui dazi tra gli Stati Uniti e tutti i suoi partner commerciali potrebbe togliere il 2,5% dalla produzione USA e l'1% dalla produzione globale”.

Carney ha fatto un appello generale ai politici per affrontare i rischi economici piuttosto che ignorarli semplicemente, sottolineando:

“Sebbene gli squilibri economici e finanziari nell'economia globale non sembrano ancora le cause della loro stessa scomparsa, lo slancio globale si sta attenuando”.

Dr. Mike Campbell è uno scienziato ed uno scrittore freelance inglese. Mike ha conseguito il suo dottorato di ricerca a Ghent (Belgio) e, dopo aver lasciato il Regno Unito, ha lavorato in Belgio, Francia, Monaco e Austria. Come scrittore, si è specializzato nell’ambito economico, scientifico, medico e ambientale.