BCE Agisce per Stimolare l’Economia dell’Eurozona

|

L'Eurozona richiede un grado relativamente elevato di allineamento dalle sue economie membri per consentire alla moneta unica che le azioni dei 19 Stati membri continuino a funzionare. Ciò ha comportato la cessione di un grado di sovranità economica da parte di questi paesi alla Banca centrale europea, che è incaricata di proteggere i loro interessi.

Da marzo 2016 la BCE applica una politica di tasso di interesse pari allo zero percento, nel tentativo di incoraggiare la stimolazione dell'economia mediante prestiti bancari a basso costo (i prestiti bancari commerciali applicano un piccolo tasso di interesse positivo, i fondi depositati dalle banche commerciali con la BCE non fruttano interessi) ed è stata fortemente impegnata in un programma di acquisto di asset, anche se la fase di investimento in nuovi fondi si è conclusa nel dicembre 2018. Si prevedeva che i tassi di interesse della BCE potessero iniziare a normalizzarsi già quest'estate, ma alla riunione del 7 marzo, la BCE lo ha escluso.

I tassi di interesse della BCE dovrebbero restare a zero fino al prossimo anno (non prima) e la banca ha annunciato ulteriori misure di stimolo per contribuire a rilanciare l'economia dell'Eurozona.

Il presidente della BCE, Mario Draghi, ha annunciato che la banca ha ridotto le sue previsioni di crescita per il 2019 dall'1,7% all'1,1% e che l'inflazione dovrebbe ora essere inferiore al previsto, all'1,2% piuttosto che all'1,6% - l'obiettivo per l'inflazione è del 2% . Ha osservato: “Siamo in un periodo di continua debolezza e incertezza pervasiva, le prospettive di crescita a breve termine saranno più deboli di quanto precedentemente previsto”.

La banca si impegnerà in un ulteriore round di operazioni di rifinanziamento a lungo termine che forniranno alle banche una fonte di finanziamento a basso costo, sperando che gli consenta di rilanciare l'economia concedendo prestiti alle imprese e ai consumatori (ovviamente con un margine di profitto). Il nuovo round (noto con la sigla di TLTRO) è fissato per settembre 2019.

Il programma di investimento in titoli della BCE ha visto la vendita di beni per 2,500 miliardi di euro. Questi beni naturalmente attraggono interesse, e la BCE continua a reinvestire questo flusso di reddito nel continuo acquisto di asset (ma senza denaro “fresco” dalla banca). La banca ha segnalato che questa politica è destinata a continuare per un lungo periodo di tempo.

L'azione della BCE ha portato a un indebolimento dell'euro nei confronti della sterlina e del dollaro USA di rispettivamente lo 0,6% e lo 0,1%.

Dr. Mike Campbell è uno scienziato ed uno scrittore freelance inglese. Mike ha conseguito il suo dottorato di ricerca a Ghent (Belgio) e, dopo aver lasciato il Regno Unito, ha lavorato in Belgio, Francia, Monaco e Austria. Come scrittore, si è specializzato nell’ambito economico, scientifico, medico e ambientale.