Brexit, Continua la Debacle

|

Il governo del Regno Unito continua con la pretesa di negoziare con Bruxelles per risolvere l'impasse sulle clausole del backstop sull'Irlanda del Nord nell'accordo di ritiro. I Brexiters della linea dura nel (quasi) partito conservatore al potere e i suoi sostenitori nel DUP sono fermamente convinti che l'accordo di backstop debba essere rimosso dall'accordo o che al Regno Unito venga concesso un limite di tempo per la sua applicabilità, o la possibilità di lasciarlo in un’applicazione unilaterale. Il backstop ha lo scopo di evitare l'implementazione di una frontiera “dura” nell'Isola d'Irlanda, che è un requisito dell'Accordo del Venerdì Santo che ha portato a termine i “problemi” quando i gruppi paramilitari hanno accettato di seguire il sentiero della pace.

L'ovvio elefante nella stanza è che un backstop, che è limitato nel tempo o può essere scartato unilateralmente, non è un backstop. Mentre né l'UE, né il Regno Unito, prevedono una situazione in cui il backstop diventerebbe una caratteristica permanente, questo non è sufficiente per i puristi. Ciò significa che il Procuratore generale del Regno Unito e il Segretario della Brexit hanno visitato Bruxelles nella speranza di una svolta fantasiosa che potrebbe soddisfare il DUP e l'ERG e dare all'accordo sul ritiro la possibilità di passare attraverso la Casa dei Comuni. Praticamente un safari politico a caccia di unicorni.

La May è impegnata ad offrire un altro “voto significativo” sul suo accordo entro il 12 marzo. Se fallisce, il parlamento voterà per determinare se sia accettabile un'uscita “senza accordo” (che ovviamente non lo è). Poi si voterebbe per chiedere al Primo Ministro di chiedere a Bruxelles un'estensione del periodo di preavviso dell'A50. Ciò richiederebbe l'accordo unanime dei restanti Stati membri dell'UE e non è scontato che possa essere concesso. Se ciò dovesse accadere, il Regno Unito dovrebbe scegliere tra una Brexit disordinata o il ritiro della sua notifica all’A50.

Nel caso in cui l'UE conceda un'estensione, alcuni suggeriscono che lo farebbe solo per un lungo periodo (sono menzionati 21 mesi); altri pensano che potrebbe funzionare fino a quando il parlamento europeo non si riunirà nuovamente dopo le elezioni europee (1 luglio), poiché il Regno Unito non avrebbe nessun eurodeputato dopo quella data a generare problemi legali. La posizione francese (al momento) è che acconsentirebbe a un'estensione solo se ci fosse un cambiamento sostanziale nel Regno Unito: un cambiamento nelle linee rosse della May o un ulteriore referendum. Tuttavia, la situazione è fluida e la politica britannica è la più volatile in una generazione.

Dr. Mike Campbell è uno scienziato ed uno scrittore freelance inglese. Mike ha conseguito il suo dottorato di ricerca a Ghent (Belgio) e, dopo aver lasciato il Regno Unito, ha lavorato in Belgio, Francia, Monaco e Austria. Come scrittore, si è specializzato nell’ambito economico, scientifico, medico e ambientale.