Regno Unito, Perdite Lavoro nel Manifatturiero a Max su 6 Anni

|

Il sommo sacerdote degli aspetti economici della Brexit, il professor Patrick Minford dell'Università di Cardiff, suggerisce apertamente che la Brexit potrebbe eliminare ampie sezioni di ciò che rimane della sezione manifatturiera e dell'allevamento del bestiame del Regno Unito (se non l'agricoltura nel suo insieme). Questo perché, nella sua mente, il Regno Unito andrebbe a un futuro a dazi zero, a significare che i beni prodotti in altri paesi dove l’ambiente, i diritti dei lavoratori, gli standard di produzione e le protezioni sanitarie non sono così rigidi come nell'UE. I beni sarebbero molto più economici e allagherebbero il mercato del Regno Unito, mettendo fuori gioco la produzione nativa di beni concorrenti. Senza menzionare le norme fitosanitarie e le pratiche zootecniche, l'agricoltura del Regno Unito sarebbe minacciata dalla concorrenza straniera sulla base della sua portata. Minford pensa che ci adatteremo e andremo alla produzione di fascia alta e ad un'economia più completamente basata sui servizi. Lo vede come l'equivalente moderno della distruzione dell'industria mineraria e pesante del Regno Unito negli anni '80 sotto la Tatcher. Naturalmente, dimentica il dolore delle perdite di lavoro e la distruzione delle comunità che provengono da quel capitolo.

Minford è nella minoranza, anche tra i Brexiteers, che favorisce il taglio unilaterale dei dazi - per la semplice ragione che, se abbiamo già offerto un accesso senza restrizioni al nostro mercato, perché qualsiasi altra nazione cercherà di concederci un accesso preferenziale al suo?

Poiché l'incertezza della Brexit continua fino alla fine, il PMI per la produzione è rallentato dai 52,8 di gennaio ai 52 di febbraio (un valore superiore a 50 indica l'espansione). Un commento sull'indagine di IHS Markit/CIPS spiega perché un'evidente espansione potrebbe essere ancora una brutta notizia:

“Anche le scorte di acquisti sono aumentate al tasso più rapido da quando è iniziato il sondaggio nel 1992, poiché il timore di ritardi doganali, dazi e uno scenario di “no deal” sembrava reale per molti: la malattia del settore era visibile anche nei livelli occupazionali con la perdita di posti di lavoro più profonda in sei anni e con l’ottimismo delle imprese ai suoi livelli più bassi dal 2012, è improbabile che le imprese inizino ad assumere presto”.

Nell'attuale sondaggio, il 70% degli intervistati ha accusato la necessità di accumulare scorte e materie prime a causa dell'incertezza della Brexit.

Christopher Lewis è un trader Forex da diversi anni. Scrive sul Forex per molte pubblicazioni online, incluso il suo sito, giustamente chiamato The Trader Guy.