“Riprendere il Controllo”

Il grido di battaglia degli attivisti del Leave era che il Regno Unito dovesse ritirarsi dall'UE e “riprendere il controllo” delle sue leggi, dei suoi confini e dei suoi soldi; suonava bene ma era sempre solo un espediente retorico. Tutti gli stati nazione dell'UE sono sovrani e non esiste un organismo globale che possa dire a uno stato membro cosa fare, tranne in circostanze molto limitate. Gli stati membri della zona euro accettano di rispettare gli standard comuni in materia di ambiente, standard di negoziazione dei diritti dei lavoratori e simili. Essi concordano che la legislazione pertinente relativa a tali aree venga incorporata nelle loro leggi nazionali, al fine di consentire il funzionamento del mercato unico e dell'unione doganale. Gli stati membri della zona euro accettano alcune regole di disciplina fiscale, ma come abbiamo visto in Grecia e in Italia, queste non sempre vengono rispettate. Mentre alcune leggi vengono approvate dal voto a maggioranza qualificata, gli stati membri mantengono il veto su qualsiasi legislazione controversa.

Ora il Regno Unito è nella posizione in cui il suo Primo Ministro deve scrivere al Presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, per chiedere se gli altri stati dell'UE acconsentiranno ad estendere il periodo di preavviso del Regno Unito sotto la sua notifica all’Articolo 50 del Trattato di Lisbona per, si suggerisce, 3 mesi. Se non tutti sono d'accordo, la risposta è no.

Il gabinetto della May è irrimediabilmente diviso e al momento sembra altamente improbabile che il suo accordo di ritiro europeo possa ottenere la maggioranza alla Casa dei Comuni, anche se può essere rappresentato. Lungi dal “riprendere il controllo”, il destino del Regno Unito non è più nelle sue mani.

Michel Barnier è il principale negoziatore della Brexit per l'UE e ha chiarito che l'estensione non è una conclusione scontata. La lettera della May deve offrire proposte concrete che giustifichino un'estensione, un punto di svolta. Tale elemento potrebbe essere la promessa di un ulteriore referendum o di un'elezione generale, ma è improbabile che un patteggiamento per avere più tempo condizioni i parlamentari nel sostenere il suo accordo per paura di qualcosa di peggio.

Il Consiglio europeo si riunirà domani e verrà discussa la richiesta del Regno Unito. Se anche solo uno stato rifiuta di concedere l'estensione o non accetta la lunghezza del posticipo proposto (o la controproposta sulla durata dell'UE), il Regno Unito si appresta ad uscire senza alcun accordo - contro i desideri espressi dal parlamento - in nove giorni. In tal caso, non ci sarebbe alcun periodo di transizione e il 30/3/19 il Regno Unito diventerebbe uno stato-nazione terzo. In queste circostanze, la sterlina crollerà nel suo valore come una pietra. Molti commercianti stanno ripensando le loro posizioni attualmente long in Sterline, a meno che non scommettano sul fatto che il Regno Unito revocherà la sua notifica all’Articolo 50 prima delle 23:00 del 29/3/19 che, naturalmente, sarebbe la sua ultima possibilità sovrana di agire sul suo destino.

Dr. Mike Campbell è uno scienziato ed uno scrittore freelance inglese. Mike ha conseguito il suo dottorato di ricerca a Ghent (Belgio) e, dopo aver lasciato il Regno Unito, ha lavorato in Belgio, Francia, Monaco e Austria. Come scrittore, si è specializzato nell’ambito economico, scientifico, medico e ambientale.