Si Intensifica il Caos della Brexit

|

Suppongo che il primo ministro britannico debba cercare di vedere il lato positivo delle cose nei confronti dell'ultima debacle sulla Brexit. Questo significa che la May ha trasformato la più grande sconfitta nella storia parlamentare britannica nella quarta sconfitta in assoluto quando ha messo il suo accordo di ritiro alla Camera dei Comuni ieri sera...un certo tipo di progresso. Non sorprende che l'accordo ieri sera sia stato di nuovo pesantemente rifiutato perché, coniando la frase, “nulla è cambiato”. Nonostante avesse quelli che sosteneva fossero cambiamenti legalmente vincolanti legati all'elemento controverso del meccanismo di blocco nell'accordo di ritiro, il suo stesso procuratore generale, Geoffrey Cox, ha detto al parlamento che il Regno Unito poteva ancora rimanere “intrappolato” nel backstop; questo è stato sufficiente a convincere i parlamentari che supportano la Brexit ad unirsi ai ranghi dell'opposizione per non approvarlo, di nuovo.

Mancano solo 16 giorni alla Brexit, ed è un casino. Si dice che la May possa avere un terzo tentativo per far passare la legge, ma sembra una prospettiva irrealistica. Oggi i parlamentari voteranno per consentire al Regno Unito di lasciare l'UE senza un accordo e si prevede che una forte maggioranza voterà contro tale risultato. La May si è adoperata nel dire che un risultato del genere non precluderebbe l'uscita “senza accordo”, ma per il momento la fermerebbe. Ovviamente i parlamentari possono modificare la legislazione, quindi sarà fondamentale vedere quale formula passerà finalmente stasera.

Supponendo che venga esclusa la possibilità di “nessun accordo”, domani si terrà un ulteriore voto per chiedere una proroga del termine di preavviso ai sensi dell'articolo 50. Qui ci spostiamo in acque inesplorate. Allo stato attuale, un'estensione richiede il sostegno unanime degli Stati dell'UE e, di conseguenza, tutto ciò che il parlamento britannico può fare è presentare una richiesta. Gli stati dell'UE sono stati chiari sul fatto che qualsiasi estensione deve essere accompagnata da motivi sostanziali, sebbene non abbiano specificato esattamente le richieste. Chiaramente, un ulteriore referendum nel Regno Unito otterrebbe il sostegno dell'UE, ma il parlamento deve ancora approvare un simil percorso.

Lo scenario più probabile per un ulteriore voto sarebbe sulla falsariga di un emendamento proposto (l'emendamento Kyle) che fornirebbe tacito sostegno all'accordo di ritiro della May, ma a condizione di ottenere il sostegno pubblico in un'altra votazione, dove la scelta data all'elettorato deve accettare l'accordo della May e lasciare l'UE (a tali condizioni) o decidere di rimanere uno stato dell'UE. L'emendamento non è ancora decollato, ma è sicuramente un'alternativa valida.

Il mondo politico del Regno Unito è molto volatile al momento e nessuno sta facendo previsioni certe su come si svolgeranno gli eventi. Di più, indubbiamente, domani ...

Dr. Mike Campbell è uno scienziato ed uno scrittore freelance inglese. Mike ha conseguito il suo dottorato di ricerca a Ghent (Belgio) e, dopo aver lasciato il Regno Unito, ha lavorato in Belgio, Francia, Monaco e Austria. Come scrittore, si è specializzato nell’ambito economico, scientifico, medico e ambientale.