Stati Uniti, Si Amplia il Deficit Commerciale

Il deficit commerciale (o surplus, quando positivo) è la differenza nel valore dei beni che una nazione esporta meno quelli che importa. In un mondo ideale, le nazioni vogliono eseguire un surplus commerciale, ma affinché ciò accada, qualcun altro deve avere un deficit. Negli Stati Uniti, il presidente Trump ha usato il deficit commerciale degli Stati Uniti con il resto del mondo come arma politica (proprio come un deficit commerciale può essere calcolato contro un singolo partner commerciale, può essere aggregato per dare una cifra globale). Trump ha promesso che avrebbe posto fine alle pratiche commerciali “sleali” e affrontato il deficit commerciale degli Stati Uniti. Come parte di questa strategia, ha intrapreso una guerra commerciale con altri paesi, in particolare contro la Cina, riscuotendo dazi sulle loro esportazioni verso gli Stati Uniti con l'intenzione di escluderli dal mercato statunitense a vantaggio dei produttori nazionali. Questo è semplice protezionismo e fa male al commercio globale e alla crescita per una serie di motivi, non ultimo dei quali che le nazioni colpite rispondono con i propri dazi sulle importazioni statunitensi.

Sarà un po’ deludente per Trump che, nonostante le sue azioni (quasi) dello scorso anno, il deficit commerciale degli Stati Uniti si sia allargato, non chiuso. Ora si trova al suo livello peggiore dal 2008 a 621 miliardi di dollari.

Mentre lo scorso anno le esportazioni statunitensi sono cresciute di 148,9 miliardi di dollari, queste sono state superate dalla crescita delle importazioni che si attestano a 217,7 miliardi di dollari rispetto ai livelli dell'anno precedente. Nonostante la disputa commerciale con la Cina, le cifre mostrano che il deficit si è ampliato di 43,6$ miliardi a 419,2$ miliardi. Ironicamente, le esportazioni statunitensi verso la Cina sono diminuite, mentre gli Stati Uniti hanno importato più merci cinesi.

La mossa di Trump per tagliare le tasse ha spinto il valore del dollaro in rialzo rispetto alle principali valute, rendendo le esportazioni statunitensi meno competitive (anche senza dazi di ritorsione), ma ha anche dato una spinta ai consumi interni, alcuni dei quali sono stati soddisfatti dalle merci importate.

Dr. Mike Campbell è uno scienziato ed uno scrittore freelance inglese. Mike ha conseguito il suo dottorato di ricerca a Ghent (Belgio) e, dopo aver lasciato il Regno Unito, ha lavorato in Belgio, Francia, Monaco e Austria. Come scrittore, si è specializzato nell’ambito economico, scientifico, medico e ambientale.