3 Motivi per Essere Rialzisti sul Petrolio

Giles Coghlan

Rialzisti sul petrolioIl petrolio ha certamente preso una bella batosta di recente; la guerra commerciale USA-Cina, il rallentamento economico globale, l'attivismo per i cambiamenti climatici, ecc. Tutto questo e molto altro ha pesato sulla materia prima che tendiamo a considerare come una procura per l’attività economica. Il prezzo del petrolio fa da riflesso in questo senso; non rispecchia solo le condizioni dell’economia globale, aiuta a crearle. In calo di oltre il 20% rispetto ai massimi dello scorso anno e di circa il 60% dai suoi massimi storici nel 2008, il petrolio si è lasciato alle spalle i suoi giorni migliori o è tempo di ricominciare a pensare all’oro nero come potenziale opportunità? Di seguito troverai tre validi motivi per cui il momento potrebbe essere buono per iniziare a diventare rialzista nei riguardi del petrolio.

  1. L’OPEC sta tagliando la produzione

La scorsa settimana, i membri dell'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio si sono incontrati a Vienna per coordinare uno dei tagli alla produzione più pronunciati in oltre un decennio. L’incontro comprendeva vari partner strategici tra cui Russia, Messico, Oman e diversi altri attori non membri dell’OPEC che, assieme ai membri dell’OPEC, sono diventati noti collettivamente come OPEC +. L’accordo, guidato dal ministro dell’energia dell’Arabia Saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, vedrà l’OPEC rimuovere dalla fornitura globale ulteriori 500.000 barili di petrolio al giorno, portando il suo obiettivo a 1,7 milioni di barili al giorno fino a marzo 2020.

I membri dell’OPEC saranno responsabili di circa i tre quarti di questo taglio alla produzione, nel frattempo le nazioni periferiche "+" si faranno carico del restante taglio di 130.000 barili. L’Arabia Saudita continuerà a tagliare altri 400.000 barili oltre la propria quota. Il principe Abdulaziz ha espresso la sua “profonda convinzione” che la collaborazione tra le nazioni dell’OPEC + continuerà, dicendosi fiducioso nel conseguire la piena osservanza di questi tagli.

Dall’annuncio dell’accordo, la reazione del mercato è stata provvisoria, e il greggio è uscito dal suo recente intervallo di scambi per negoziare ai massimi su 12 settimane, anche se il prezzo rimane ben al di sotto del picco di aprile. Questi tagli sono progettati per compensare la crescente offerta proveniente da altre fonti non OPEC come l’olio di scisto americano, le sabbie bituminose canadesi e il Subsalt brasiliano.

Goldman Sachs ha successivamente aumentato leggermente le previsioni sui prezzi del petrolio per il 2020, portandole ai 63 dollari al barile per il Brent e ai 58,5 dollari per il WTI. Continuando a ridurre in tal modo l’offerta, l’OPEC resta sospeso in un delicato gioco di bilanciamento della redditività dei propri membri in attesa che la US Shale Revolution oltrepassi le sue capacità.

  1. Lo scisto sta rallentando

Probabilmente l’argomento più controverso nei mercati dell’energia, l’olio di scisto è stato deriso come dispendioso, ecologicamente pericoloso e praticabile solo a prezzi del petrolio elevati. È stato anche etichettato come un Ponzi finanziato dal debito, uno schema impossibile da ottenere senza i soldi a buon mercato che i produttori di petrolio degli Stati Uniti avevano programmato a seguito della crisi del 2008.

Tuttavia, negli ultimi dieci anni circa, le società di scisto statunitensi sono riuscite ad aumentare la loro efficienza, permettendo agli Stati Uniti di liberarsi dalla loro dipendenza dal petrolio mediorientale. Sorprendentemente, nel 2018 gli Stati Uniti sono diventati il più grande produttore di petrolio al mondo grazie allo scisto. Altrettanto sorprendentemente, nel settembre di quest’anno, per la prima volta dal 1973 (quando si sono iniziati a tenere registri mensili), il paese è diventato anche un esportatore netto di petrolio.

Nonostante tutto, lo scisto americano sembra avere i giorni contati. Recentemente IHS Markit ha previsto un “grande rallentamento” della produzione petrolifera statunitense, prevedendo una crescita di 440.000 barili al giorno nel 2020 dopo di che, la produzione di petrolio degli Stati Uniti si appiattirà.

Raoul LeBlanc, vicepresidente di North American Unconventionals presso IHS Markit, ha delineato la gravità del rallentamento atteso:

“Passare da una crescita annuale di quasi 2 milioni di barili al giorno nel 2018, un record globale di tutti i tempi, a sostanzialmente nessuna crescita entro il 2021 rende abbastanza chiaro che si tratta di una nuova era di moderazione per i produttori di scisto ... questo è un cambiamento drammatico dopo diversi anni in cui la crescita annuale di oltre un milione di barili al giorno era la norma”.

I guai per lo scisto non finiscono qui. I mercati hanno punito le azioni petrolifere statunitensi per non essere state redditizie. Quest’anno il settore ha notevolmente sottoperformato nell’Indice S&P 500 e viene scambiato a livelli visti l’ultima volta nel 2009. Un effetto a catena, è la difficoltà che queste aziende incontrano nel raccogliere il capitale necessario per l’esplorazione. Aggiungete a ciò gli effetti dei riacquisti di azioni e dei maggiori pagamenti di dividendi richiesti dagli azionisti, e potrete chiarire perché i nuovi progetti sono in declino. Man mano che i progetti attuali raggiungeranno la loro massima capacità, questa situazione non farà altro che aggravare il rallentamento della produzione a livelli inferiori.

  1. Si valuta anche l’effetto della guerra commerciale

Come la Brexit nel Regno Unito, da quando il Presidente Trump l’ha inaugurata nel 2018, la guerra commerciale USA-Cina è stata utilizzata come spiegazione e scusa per ogni capriccio del mercato. È stato proprio allora che gli Stati Uniti hanno iniziato a imporre tariffe e restrizioni commerciali sui prodotti cinesi a causa di “pratiche commerciali sleali” come il furto di proprietà intellettuale.

Ciò che è iniziato come un diverbio tra due partner commerciali, man mano che si trascinava, ha influenzato le economie in lungo e in largo. La Germania, un innocente spettatore con relazioni altrimenti buone con la Cina, è stata particolarmente colpita dalla guerra commerciale, così come il Canada e l’Australia, paesi che dipendono dai mercati cinesi per le loro esportazioni di materie prime.

Tuttavia, si sono già sentiti gli effetti negativi della guerra commerciale, in particolare nelle materie prime come il petrolio, perché estremamente sensibili alle aspettative della domanda. Se si considerano i recenti attacchi dei droni di Abqaiq-Khurais che hanno dimezzato la produzione saudita (il 5% dell’offerta globale) ma che si sono malapena registrati nei grafici del petrolio, ci si inizia a chiedere se, almeno per quanto riguarda il sentimento, non ci si stia avvicinando a toccare il fondo.

Le scorte statunitensi di petrolio e gas rappresentano un’altra area in cui le cose sembrano avvicinarsi al minimo. Le stesse azioni che erano solite scambiare 8-10 volte l’EBITDA alcuni anni fa, ora sono scambiate a circa 4-8 volte l’EBITDA, agli stessi livelli di prezzo in cui venivano scambiate subito dopo la crisi del 2008.

Il punto è che ora potrebbe esserci una maggiore probabilità di shock al rialzo, piuttosto che di uno al ribasso. La guerra commerciale non andrà avanti indefinitamente e ci vuole tempo per ottenere nuove fonti online che faranno aumentare la produzione. La pura negatività del mercato verso qualsiasi cosa legata al petrolio è una ragione sufficiente per iniziare a guardare nella direzione opposta, specialmente se vediamo con sorpresa gli inventari iniziare a ridursi.

Considerazioni finali

Quasi un decennio dopo il timore d’aver raggiunto il “picco del petrolio”, la nostra dipendenza dall’oro nero ci ha portato a trovare modi più ingegnosi per estrarlo dal terreno in quantità maggiori. Mentre la maggior parte di noi ha ampiamente accettato che in futuro si farà affidamento su fonti energetiche alternative, questo significativo cambio di regime non è ancora alle porte. Il greggio subirà un’ultima corsa maniacale prima di essere sostituito come fonte di energia dominante? I fattori discussi qui sopra sembrano suggerire questo come una possibilità distinta. Inoltre, una transizione globale tanto radicale quanto quella necessaria a passare ad energie più ecologiche, molto più probabilmente si verificherà in un contesto di prezzi del petrolio alti piuttosto che bassi, il che è sicuramente uno spunto di riflessione.

Giles Coghlan

Giles Coghlan è il responsabile analista di valuta di HYCM, uno dei broker più antichi del settore. Da quando è entrato a far parte dell'azienda nell'aprile 2018, Giles ha svolto un ruolo chiave nel fornire la sua esperienza agli investitori di HYCM.

Ti è piaciuto quello che hai letto? Facci sapere cosa ne pensi!

exclamation mark

Assicurati che i tuoi commenti siano appropriati e che non promuovano servizi o prodotti, partiti politici, materiale della campagna o proposte di votazione. I commenti che contengono linguaggio abusivo, volgare, offensivo, minaccioso o molesto o attacchi personali di qualsiasi tipo verranno eliminati. Verranno rimossi anche i commenti che includono contenuti inappropriati.

0 Commenti degli utenti

exclamation mark

Assicurati che i tuoi commenti siano appropriati e che non promuovano servizi o prodotti, partiti politici, materiale della campagna o proposte di votazione. I commenti che contengono linguaggio abusivo, volgare, offensivo, minaccioso o molesto o attacchi personali di qualsiasi tipo verranno eliminati. Verranno rimossi anche i commenti che includono contenuti inappropriati.

Maggiori informazioni
Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.