Le Attività di Trading della Scorsa Settimana in Prospettiva

|

Attività di Trading della Scorsa SettimanaI mercati devono ancora riprendersi completamente dalle vacanze di fine anno, quindi la scorsa settimana è stata relativamente tranquilla dal punto di vista commerciale. La notizia principale della settimana è arrivata venerdì quando è emerso che gli Stati Uniti hanno assassinato con un attacco di droni un eminente generale iraniano, Qassem Suleimani, mentre si trovava in visita in Iraq. L’Iran ha promesso di vendicare la sua morte e le tensioni nella regione sono alte.

Questo rapporto include le performance dei mercati e delle valute durante l’anno.

Mercati azionari

In Europa nel corso della settimana, il FTSE è sceso dello 0,8229% ai 7622,4 rispetto alla chiusura della settimana precedente, guadagnando il 13,5% nel 2019; il Dax tedesco è terminato a quota 13219, in calo dello 0,88% rispetto alla chiusura della scorsa settimana, ma ha reso il 26% l’anno scorso; il CAC è aumentato dello 0,11% per terminare la sessione ai 6044,2, realizzando il 29% sull’anno.

Il Dow ha chiuso la settimana piatto, in ribasso dello 0,0%, chiudendo ai 28635, raggiungendo il 24% nel 2019. L’indice composito del Nasdaq è aumentato dello 0,16% ai 9020,8 nel corso della settimana, guadagnando il 37% nell’anno 2019.

Il Nikkei 225 ha chiuso le negoziazioni settimanali in calo dello 0,76% per terminare la sessione a quota 23657, realizzando nel corso dell’anno il 19%.

Mercati valutari

La settimana scorsa sui mercati valutari, lo Yen ha beneficiato dei migliori scambi, probabilmente in risposta agli eventi di venerdì e alla sua reputazione di valuta di rifugio sicuro. Il dollaro si è leggermente indebolito contro la sterlina la scorsa settimana chiudendo agli 1,3093$ a sterlina, con una perdita dello 0,03% sulla settimana, ma diminuendo complessivamente del 3,1% nel corso dell’anno. Il biglietto verde si è leggermente rafforzato contro l’euro la scorsa settimana, marcando un rialzo dello 0,02% per chiudere a 1,1172$ a euro; nel corso del 2019 ha segnato un aumento del 2,4%.
 
Il Dollaro si è indebolito rispetto alla valuta giapponese chiudendo ai 107,9 Yen a Dollaro, registrando una perdita dell’1,4% nella settimana e perdendo lo 0,79% nel 2019.

L’Euro si è indebolito nei confronti dello Yen, chiudendo ai 120,6 una perdita dell’1,5% nel corso della settimana e del 3,1% durante l’intero anno. La moneta unica si è leggermente indebolita rispetto alla sterlina la scorsa settimana, la chiusura ha visto 1£ acquistare € 1,1720, una perdita dello 0,05%. Rispetto all’euro, la sterlina ha guadagnato il 5,6% durante l’anno.

L’euro acquista ora 1,0841 CHF, una perdita dello 0,42% sulla settimana, ma è scivolato del 3,3% nel corso dell’anno.

Mercati delle materie prime

Sul mercato delle materie prime, il prezzo del petrolio greggio Brent ha chiuso ai 68,7$ al barile, un aumento dello 0,79% nel corso degli scambi settimanali (ma un picco del 4% venerdì dopo l’attacco degli Stati Uniti) e del 28% nel 2019. Il valore dell’oro è stato più elevato la scorsa settimana chiudendo ai 1551,7$ per oncia, un aumento del 2,8% nel corso della settimana e del 18% nel corso dell’anno.

I dati che supportano questo articolo sono tratti da Bloomberg, The Financial Times e X-rate.

Dr. Mike Campbell è uno scienziato ed uno scrittore freelance inglese. Mike ha conseguito il suo dottorato di ricerca a Ghent (Belgio) e, dopo aver lasciato il Regno Unito, ha lavorato in Belgio, Francia, Monaco e Austria. Come scrittore, si è specializzato nell’ambito economico, scientifico, medico e ambientale.