I Prezzi del Petrolio Aumentano, l'Epidemia di Coronavirus Minaccia i Fornitori

Ibeth Rivero

Il petrolio ha perso terreno rispetto al dollaro USA dalla fine del 2019. Dal 30 gennaio 2019 al 4 febbraio 2020, i futures sul petrolio Brent hanno perso circa il 10 per cento del loro valore, mentre i futures sul greggio intermedio del Texas occidentale hanno perso circa il 7 per cento. Sembra che il recente focolaio di coronavirus abbia pesato sui mercati del greggio, facendo abbassare i prezzi globali del petrolio poiché la domanda cinese di greggio è diminuita del 20 per cento dall'inizio dell'epidemia.

prezzi del petrolio aumentanoL'epidemia di coronavirus, che attualmente ha un bilancio di circa 500 vittime, ha colpito in modo significativo i servizi cinesi e i settori manifatturieri, con conseguente riduzione del consumo di greggio. Non è ancora chiaro fino a che punto l'epidemia influenzerà la domanda di petrolio nei prossimi mesi e questa, ovviamente, non è una buona notizia per un mercato già in eccesso di offerta, soprattutto vista la drammatica caduta dei prezzi del petrolio dal 2015 e i falliti sforzi del petrolio i fornitori per mantenere tali prezzi stabili e ad un livello ragionevole dal loro punto di vista.

I prezzi del petrolio più bassi possono essere gestibili per i grandi fornitori di petrolio, ma quelli più piccoli ne soffriranno senza dubbio a causa di ciò poiché tali condizioni di solito significano minori ricavi, investimenti e produzione, quindi la necessità di un'azione immediata. Di fatto, l'OPEC e gli esperti tecnici dei suoi alleati si sono recentemente incontrati a Vienna per discutere gli effetti dell'epidemia sulla domanda globale e su quale politica dovrebbero attuare per aumentare i prezzi di mercato. L'organizzazione a 23 nazioni (che fornisce circa la metà della fornitura mondiale di petrolio) continua a discutere la questione mercoledì e dovrebbe annunciare i passi che verranno adottati dopo l'incontro.

L'OPEC e i suoi alleati hanno attuato e sostenuto a lungo gli sforzi per mantenere un cartello per la produzione di petrolio che contribuirebbe a mantenere i prezzi del petrolio a livelli ragionevoli dal punto di vista dei fornitori di petrolio. Nell'ottobre 2018 l'organizzazione ha concordato di ridurre l'offerta di petrolio del 3 per cento, concordando un accordo che scade alla fine di marzo 2020. La domanda che l'organizzazione si trova ad affrontare è se dovrebbero estendere questo termine e se sono necessari ulteriori tagli alla fornitura di petrolio .

Nonostante il fatto che grandi attori come l'Arabia Saudita stiano spingendo per ulteriori tagli dell'offerta, altri produttori di petrolio non sembrano concordare con l'idea. Ad esempio, la Russia, che ha infranto più volte i termini del cartello e la cui produzione di petrolio ha recentemente toccato il massimo di 5 mesi, non sembra concordare con questa iniziativa, data l'elevata resilienza della sua industria petrolifera.

Il problema è che, in base all'accordo attuale, e anche se il termine fosse esteso, si prevede che il mercato continuerà a essere sovraccaricato di circa 600.000 barili al giorno nel primo trimestre e di un milione di barili al giorno nel trimestre successivo. Questa disposizione tiene conto dello scenario peggiore considerato dal dipartimento di ricerca dell'OPEC +, che prevede un taglio della domanda di circa 400.000 barili al giorno. Il recente annuncio dell'American Petroleum Institute in merito all'ascesa degli inventari grezzi statunitensi non aiuta neanche gli ottimisti.

La Cina ha cercato di persuadere i pessimisti, mettendo in guardia contro quella che hanno definito una "reazione eccessiva". È stato anche riferito che i funzionari cinesi hanno cercato di convincere i rappresentanti dell'OPEC + che l'impatto dell'epidemia sulla domanda di petrolio sarebbe stato limitato.

"Qualsiasi esagerazione e qualsiasi reazione eccessiva non è nel migliore interesse del pubblico e tanto meno del mercato", ha affermato l'ambasciatore cinese Wang Qun.

Le aspettative di intervento sul mercato petrolifero hanno dato un tono positivo agli operatori durante la sessione asiatica di mercoledì. Tuttavia, questo sentimento rialzista tra gli investitori potrebbe essere di breve durata, soprattutto se l'OPEC + sceglie di non approfondire i tagli all'offerta.

Ibeth Rivero

Ibeth contribuisce al commento quotidiano sul mercato sia in inglese che in spagnolo (entrambe le lingue parla fluentemente), gestisce anche l'app mobile DailyForex per garantire che gli operatori di tutto il mondo ricevano importanti aggiornamenti di mercato in tempo reale.

Ti è piaciuto quello che hai letto? Facci sapere cosa ne pensi!

exclamation mark

Assicurati che i tuoi commenti siano appropriati e che non promuovano servizi o prodotti, partiti politici, materiale della campagna o proposte di votazione. I commenti che contengono linguaggio abusivo, volgare, offensivo, minaccioso o molesto o attacchi personali di qualsiasi tipo verranno eliminati. Verranno rimossi anche i commenti che includono contenuti inappropriati.

0 Commenti degli utenti

exclamation mark

Assicurati che i tuoi commenti siano appropriati e che non promuovano servizi o prodotti, partiti politici, materiale della campagna o proposte di votazione. I commenti che contengono linguaggio abusivo, volgare, offensivo, minaccioso o molesto o attacchi personali di qualsiasi tipo verranno eliminati. Verranno rimossi anche i commenti che includono contenuti inappropriati.

Maggiori informazioni
Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.