L'euro sta Cadendo contro il Dollaro, l'UE Affronta una Recessione

Ibeth Rivero

Euro cade rispetto al DollaroLa coppia di valute più popolare al mondo ha subito una serie negativa dall'inizio della settimana, poiché l'euro è sceso dello 0,99 per cento rispetto al dollaro USA, dopo aver guadagnato il 4,12 per cento durante la settimana precedente.

Penso che sia sicuro presumere che gli orsi stiano attualmente dominando su questo mercato a causa di due fattori principali. Il primo è la prospettiva economica (che è fortemente influenzata dalla diffusione dell'epidemia di coronavirus) e la seconda è la crescente domanda di biglietto verde, che è spinta dalle aspettative di una recessione economica globale, mentre il dollaro tende a superare le valute più rischiose in situazioni come queste, in particolare le valute dei paesi che dipendono fortemente dalle loro esportazioni.

L'Eurozona è pesantemente colpita dalla diffusione dell'epidemia di coronavirus, sia sul piano sanitario che su quello economico. L'Italia è ora ufficialmente il paese più colpito, con circa 105.792 di casi confermati e 12.428 vittime mortali, che hanno superato il bilancio delle vittime della Cina, seguita dalla Spagna che attualmente ha 95.923 casi confermati e un bilancio delle vittime di 8.464. Queste cifre hanno indotto molti individui e analisti a considerare l'Europa come l'attuale epicentro della pandemia.

Da un punto di vista economico, anche l'Eurozona non sta affrontando la migliore situazione. La Commissione europea prevede una recessione più profonda della grande recessione del 2009, collegandola alle interruzioni dell'offerta, in quanto incidono sulle catene del valore globali e sulla capacità di produzione dei paesi. Non abbiamo ancora ottenuto dati ufficiali e chiari sulla performance economica dell'Eurozona nel primo trimestre, ma abbiamo già appreso che l'attività commerciale dell'area potrebbe essere diminuita drasticamente dall'inizio dell'epidemia, poiché il PMI composito preliminare dell'area è sceso a 31,4 a marzo, in netto calo rispetto alla cifra di febbraio.

Annuncio
Forti oscillazioni del dollaro fanno scambi altamente redditizi
Fai la tua mossa ora!

Finora questa settimana, i dati economici dell'Eurozona si sono rivelati deludenti. Lunedì, i mercati hanno appreso che il sentimento economico dell'Eurozona non è attualmente nella sua forma migliore, poiché l'indicatore del sentimento economico è sceso drammaticamente sia nell'Eurozona che nell'Unione Europea. Lo stesso è accaduto con l'indicatore del clima imprenditoriale, in quanto le aspettative di produzione del gestore sono crollate, nonché con l'indicatore delle aspettative di occupazione. Quel giorno abbiamo anche saputo dell'indice preliminare dei prezzi al consumo in Germania, che si è attestato all'1,3 percento a marzo, scendendo dall'1,7 percento di febbraio (da un anno all'altro).

Martedì, l'Ufficio statistico tedesco ha rilasciato il tasso di disoccupazione in Germania, che è rimasto pressoché stabile a marzo al 5 percento. Anche Eurostat ha pubblicato i dati preliminari sull'inflazione, attestandosi allo 0,7 per cento e mostrando un netto calo rispetto al dato del mese precedente, che era all'1,2 per cento.

Per quanto riguarda la domanda in dollari, va notato che è stato più o meno solido dall'inizio della settimana, rispetto alla performance della settimana precedente. L'indice del dollaro USA, che misura la performance del biglietto verde rispetto a un fascio di valute, è avanzato dello 0,69 percento da lunedì nonostante abbia subito una battuta d'arresto ieri. Ciò è notevole alla luce dei dati della settimana precedente, poiché il dollaro ha perso il 4,41% rispetto alle altre valute.

Ora le aspettative per i commercianti di euro potrebbero peggiorare, dal momento che il ministro dell'economia italiano Roberto Gualtieri ha recentemente annunciato che si aspettano un calo del 6 percento del PIL 2020 del paese. Molto probabilmente la Germania subirà lo stesso destino, poiché il consiglio tedesco dei consulenti economici ritiene che una recessione sia ormai inevitabile, prevedendo una contrazione del 5,4 PIL. In ogni caso, devono prestare molta attenzione alla performance del dollaro questa settimana, nonché ai dati sulle richieste di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti che verranno pubblicati giovedì. Alla fine della settimana, IHS Markit sta rilasciando l'indice PMI composito finale dell'Eurozona, che è rilevante anche per coloro che negoziano in base ai fondamentali. Infine, il rapporto sui salari non agricoli (NFP) uscirà venerdì negli Stati Uniti, che chiarirà lo stato del mercato del lavoro negli Stati Uniti e si prevede che mostri un numero angosciante di nuove richieste di sussidi di disoccupazione che potrebbero complicare ulteriormente le cose .

Circa l'autore
Ibeth Rivero

Ibeth contribuisce al commento quotidiano sul mercato sia in inglese che in spagnolo (entrambe le lingue parla fluentemente), gestisce anche l'app mobile DailyForex per garantire che gli operatori di tutto il mondo ricevano importanti aggiornamenti di mercato in tempo reale.

Commenti

exclamation mark

Assicurati che i tuoi commenti siano appropriati e che non promuovano servizi o prodotti, partiti politici, materiale della campagna o proposte di votazione. I commenti che contengono linguaggio abusivo, volgare, offensivo, minaccioso o molesto o attacchi personali di qualsiasi tipo verranno eliminati. Verranno rimossi anche i commenti che includono contenuti inappropriati.

0 Commenti degli utenti
Aggiungi un Commento

exclamation mark

Assicurati che i tuoi commenti siano appropriati e che non promuovano servizi o prodotti, partiti politici, materiale della campagna o proposte di votazione. I commenti che contengono linguaggio abusivo, volgare, offensivo, minaccioso o molesto o attacchi personali di qualsiasi tipo verranno eliminati. Verranno rimossi anche i commenti che includono contenuti inappropriati.

Maggiori informazioni
Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.