GBP perde terreno mentre la crisi Brexit è di nuovo in prima pagina

Ibeth Rivero

GBPLa scorsa settimana la sterlina inglese ha perso terreno per la terza settimana consecutiva, scendendo dello 0,19 per cento.

Proprio come il resto del mondo, il Regno Unito sta affrontando l'avanzata del pandemico Covid-19. Al momento ci sono 310.250 casi di coronavirus segnalati nel Regno Unito, nonché un bilancio delle vittime di 43.514, rendendo il paese il quinto più colpito al mondo e il paese più colpito in Europa.

Il Regno Unito sta ora allentando alcune delle misure che ha dovuto imporre per fermare l'avanzata della pandemia. Ad esempio, dal 6 luglio le restrizioni non essenziali ai viaggi all'estero saranno alleggerite, il che ha aumentato notevolmente le prenotazioni delle vacanze. Alcune aziende, come ristoranti, pub, biblioteche e hotel potranno riaprire dal 4 luglio ora che la regola "2 metri di distanza" verrà revocata e sostituita da una regola di "1 metro di distanza".

Ciò è preoccupante, tenendo conto del fatto che il numero di casi sta raggiungendo un picco in determinati luoghi, come la Cina e gli Stati Uniti, il che suggerisce che la pandemia è tutt'altro che finita. In effetti, il principale consigliere scientifico, Sir Patrick Vallance, ha sottolineato che la decisione del governo britannico non implica che la crisi sia finita.

"Non farti ingannare dal fatto che questo significa che è andato via. La malattia sta crescendo in tutto il mondo. Sta venendo giù nel Regno Unito ma non è andato via ", ha avvertito.

Un altro fatto che sta aumentando l'incertezza è che i negoziati sulla Brexit continuano e che il Regno Unito sta ora valutando l'opportunità di chiedere un'altra proroga entro il 30 giugno. Il prossimo round di colloqui dovrebbe iniziare lunedì, che sarebbe la prima volta che entrambe le parti si incontreranno da marzo, e ci sono già segnali di profondo disaccordo tra le squadre di negoziazione.

Mercoledì scorso, il principale negoziatore dell'Unione Europea, Michael Barnier, ha affermato che il Regno Unito non sta dimostrando la volontà di impegnarsi in determinati settori chiave, ma allo stesso tempo desidera mantenere il privilegio di rimanere vicino al mercato unico. Barnier ha sottolineato che l'Unione europea farà tutto ciò che è in suo potere per raggiungere un accordo e che l'UE non sacrificherà i suoi interessi economici e politici a lungo termine per il bene del Regno Unito.

Annuncio
Forti oscillazioni del dollaro fanno scambi altamente redditizi

Fai la tua mossa ora!

"Abbiamo bisogno di un chiaro segnale che il Regno Unito è pronto a lavorare sull'accordo che rispetta la dichiarazione politica nello spirito e nella lettera", ha commentato Barnier.

A seguito delle osservazioni di Barnier, il principale negoziatore del Regno Unito, David Frost ha affermato che per avanzare nei negoziati, l'Unione europea dovrebbe cambiare le sue "posizioni non realistiche", aggiungendo che la sovranità, i tribunali, le leggi e le acque di pesca del Regno Unito non sono aumentate alla discussione.

Se il governo del Regno Unito decide di non chiedere una proroga del periodo di transizione, il paese, in collaborazione con l'Unione europea, dovrebbe concordare un accordo commerciale entro la fine dell'anno.

In termini di calendario economico, i mercati hanno appreso che il PMI manifatturiero preliminare IHS Markit è aumentato a 45 a giugno dopo essere stato a 40,7 del mese precedente. Si tratta di un miglioramento significativo, ma segnala ancora una contrazione nel settore manifatturiero. Al contrario, il settore dei servizi ha sperimentato una contrazione più lieve a giugno, poiché l'indice è salito da 29 nel mese precedente a 40 a giugno.

Il governatore della Banca d'Inghilterra, Andrew Bailey, ha sottolineato la necessità di adeguare il livello delle riserve prima di considerare l'ulteriore riduzione dei tassi di interesse. Il tasso di cassa di riferimento è attualmente allo 0,1 per cento, poiché la banca si è impegnata ad espandere il suo programma di allentamento quantitativo di 300 miliardi di sterline.

Secondo alcuni analisti, la sterlina inglese si sta ora comportando come una valuta emergente, dati i rischi sottostanti associati alla crisi politica della Brexit e il fatto che il paese soffra sia di un deficit di bilancio elevato sia di un grande deficit delle partite correnti. Ciò rende la valuta più incline a soffrire di elevata volatilità, almeno relativamente alla performance di attività rischiose più convenzionali.

Nella prossima settimana, gli operatori dovrebbero prestare attenzione allo sviluppo dei colloqui commerciali tra il Regno Unito e l'Unione europea e se il risultato di tali colloqui farà luce sulle future relazioni economiche del Regno Unito e del Blocco.

Ibeth Rivero

Ibeth contribuisce al commento quotidiano sul mercato sia in inglese che in spagnolo (entrambe le lingue parla fluentemente), gestisce anche l'app mobile DailyForex per garantire che gli operatori di tutto il mondo ricevano importanti aggiornamenti di mercato in tempo reale.

Ti è piaciuto quello che hai letto? Facci sapere cosa ne pensi!

exclamation mark

Assicurati che i tuoi commenti siano appropriati e che non promuovano servizi o prodotti, partiti politici, materiale della campagna o proposte di votazione. I commenti che contengono linguaggio abusivo, volgare, offensivo, minaccioso o molesto o attacchi personali di qualsiasi tipo verranno eliminati. Verranno rimossi anche i commenti che includono contenuti inappropriati.

0 Commenti degli utenti

exclamation mark

Assicurati che i tuoi commenti siano appropriati e che non promuovano servizi o prodotti, partiti politici, materiale della campagna o proposte di votazione. I commenti che contengono linguaggio abusivo, volgare, offensivo, minaccioso o molesto o attacchi personali di qualsiasi tipo verranno eliminati. Verranno rimossi anche i commenti che includono contenuti inappropriati.

Maggiori informazioni
Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.