Futures del Brent: Fine a Sei giorni di Profitto

|

Di: DailyForex.com

Dopo aver toccato un picco su due mesi i titoli asiatici sono scesi durante la notte, e le valute dei paesi emergenti si sono indebolite, poiché le preoccupazioni per le condizioni dell’economia globale hanno fatto scendere la domanda di asset più rischiosi. I prezzi del greggio si sono mossi leggermente al rialzo sulla notizia di un calo della produzione di petrolio negli Stati Uniti, per poi scendere nuovamente.

L’indice MSCI Asia-Pacific ha perso lo 0,7%, con le azioni energetiche che sono scese di oltre l’1,5%. Il giapponese Topix è sceso per la terza giornata consecutiva, guidati dai titoli legati alle spedizioni, dopo che la Mitsubishi UFJ Morgan Stanley ha abbassato il target dei prezzi per le tre maggiori compagnie del settore. Lo Hang Seng di Hong Kong ha perso lo 0,4%, lo Shanghai Composite il 2,4%.

Tuttavia, i titoli europei potrebbero far meglio con gli spreadbetter finanziari, e ci si aspetta che il britannico FTSE 100 FTSE, il DAX tedesco e il CAC francese aprano ciascuno a circa il +0,1%.

Crude Oil Scende

L’inversione dei prezzi del petrolio ha posto fine a sei giorni di profitto per i futures del Brent, seguiti dai dati industriali, che hanno mostrato che la scorsa settimana le scorte degli Stati Uniti hanno raggiunto di nuovo massimi record. Martedì il Brent LCOc1 ha perso il 2,9% dopo aver toccato un picco sul 2016 a quota 41,48$ durante la prima parte della sessione, recuperando le perdite precedenti per salire dello 0,4% a 39,81$ mercoledì. I prezzi sono saliti del 47% dal minimo su 12 anni di 27,10$ toccato il 20 gennaio.

Secondo Tatsushi Maeno, amministratore delegato della Pine Bridge Investments: "Nonostante i prezzi del greggio siano risaliti bruscamente, parecchi investitori non sono ancora convinti che le cose siano realmente migliorate, e sospetto che pensino sia un buon momento per vendere”.

Anche i titoli statunitensi hanno toccato i minimi per la giornata di martedì, con i titoli energetici che sono scesi dopo aver toccato un picco su due mesi venerdì.

Lo S&P 500 ha perso l’1,12% attestandosi a 1.979,26 punti, mentre il tecnologico Nasdaq è sceso dell’1,26% a 4.648,83 punti.

Cina Coren è una ex broker di Wall Street ed una consulente finanziaria. Ha conseguito una laurea in Comunicazioni ed ha passato molti anni a scrivere per agenzie di stampa internazionali e pubblicazioni giornalistiche. Oggi, Cina passa la maggior parte del suo tempo scrivendo articoli per blogs e siti, mantenendosi costantemente aggiornata sulle notizie economiche e finanziarie dal mondo.