Vigilare sulla Guerra Commerciale -11 Luglio 2018

Martedì il presidente degli Stati Uniti Trump ha annunciato che avrebbe avviato il processo di implementazione delle tariffe su altri 200 miliardi di beni cinesi, e la Cina ha risposto rapidamente e con durezza. Mercoledì, Pechino ha accusato gli Stati Uniti di bullismo e ha minacciato di vendicarsi, anche se non ha specificato i suoi piani esatti. Pechino ha anche detto che si lamenterebbe con l'Organizzazione mondiale del commercio (OMC).

"Questa è una lotta tra unilateralismo e multilateralismo, protezionismo e libero scambio, forza e regole", ha detto il portavoce del ministero degli Esteri, Hua Chunying, mercoledì.

Secondo il rappresentante commerciale degli Stati Uniti, che ha pubblicato ampie direttive sulle nuove tariffe proposte, centinaia di nuovi prodotti sarebbero inclusi in molte industrie manifatturiere ed esportazioni. Nella lista sono inclusi componenti elettronici come frigoriferi, metalli come prodotti in acciaio e alluminio e tessuti in cotone. Sono inclusi anche prodotti di bellezza come cosmetici e shampoo, prodotti ittici tra cui sardine, merluzzo e tonno.

Tra gli altri articoli sulla lista ci sono la crusca, le farine, i sostituti all'aceto e l'aceto, il cibo animale, una gamma di prodotti del tabacco, gesso, carbone e minerali metalliferi. L'elenco si estende su quasi 200 pagine ed è estremamente dettagliato.

Non tutti gli alleati repubblicani di Trump sono a favore delle tariffe o dell'escalation della guerra commerciale. Il presidente della commissione finanziaria del Senato, Orrin Hatch, è tra i detrattori, così come la Camera di commercio degli Stati Uniti.

"Le tariffe sono tasse, chiare e semplici. Imporre tasse su altri 200 miliardi di prodotti aumenterà i costi di beni giornalieri per famiglie americane, agricoltori, allevatori, lavoratori e creatori di posti di lavoro. Ciò comporterà anche tariffe di ritorsione, danneggiando ulteriormente i lavoratori americani ", ha detto Reuters un portavoce della Camera di commercio degli Stati Uniti.

L'ottimismo degli investitori è calato mercoledì mentre sia Pechino che Washington hanno intensificato i loro sforzi invece di cercare modi per negoziare una risoluzione più vantaggiosa per entrambi.

Sara Patterson ha un Master in Scienze Politiche e si occupa dell’analisi di entrambi gli eventi attuali e dei mercati internazionali per ottenere un quadro più completo del mercato valutario. Prima di passare alla scrittura finanziaria, ha insegnato inglese scritto agli studenti delle scuole superiori. I testi di Sara sono stati pubblicati su diversi blog finanziari e Forex.