Azioni, Mercati Petroliferi si Muovono, Speranze dei Trader

|

Martedì i prezzi del petrolio sono saliti, sostenuti dal rinnovato ottimismo dei trader che gli Stati Uniti raggiungeranno un accordo commerciale con la Cina e dai continui tagli di produzione da parte dell'OPEC e dei suoi partner produttori di petrolio. I futures statunitensi sul WTI sono scambiati a 48,53 dollari al barile, in rialzo dello 0,02%, mentre i future sul petrolio di Brent sono aumentati dello 0,03%, a 57,35 dollari al barile. Sebbene i movimenti fossero modesti, riflettevano la speranza dei commercianti che un accordo commerciale sarebbe stato raggiunto nel prossimo futuro. Lunedì pomeriggio, il segretario al commercio degli Stati Uniti, Wilbur Ross, ha affermato che Pechino e Washington potrebbero raggiungere un accordo commerciale con cui "possiamo convivere", dopo il primo giorno di incontri tra i rappresentanti commerciali dei paesi. I negoziati proseguiranno fino a martedì.

Le borse asiatiche hanno negoziato posizioni contrastanti, con i mercati cinesi in calo per timore che l'accordo potrebbe non essere nel migliore interesse della Cina. Lo Shanghai Composite era in calo dello 0,20% a partire dalle 1:50 del pomeriggio. HK / SIN, e il Composite di Shenzhen era in calo dello 0,18%. Il Nikkei 225 giapponese è salito dell'1,2 percento nel primo pomeriggio e l'ASX 200 australiano ha guadagnato lo 0,69 percento. Tutti e tre i principali indici di Wall Street hanno chiuso in rialzo lunedì successivo al primo giorno di negoziati commerciali a Pechino.

L'indice del dollaro è salito dello 0,22% a 95,88 .DXY, poiché i trader hanno trovato nuovi motivi per favorire il dollaro. Il biglietto verde è avanzato contro lo yen, guadagnando lo 0,11 percento a 108,81. Il dollaro ha anche guadagnato contro l'euro, la sterlina e il dollaro australiano. A sostegno del dollaro vi sono alcune parole della Federal Reserve che indicano che la banca centrale USA potrebbe alzare i tassi solo una volta nel 2019. L'indice del dollaro è diminuito di circa il 2% da metà dicembre, sebbene il dollaro sia ancora riuscito a terminare il 2018 in rialzo del 4,3% .

Sara Patterson ha un Master in Scienze Politiche e si occupa dell’analisi di entrambi gli eventi attuali e dei mercati internazionali per ottenere un quadro più completo del mercato valutario. Prima di passare alla scrittura finanziaria, ha insegnato inglese scritto agli studenti delle scuole superiori. I testi di Sara sono stati pubblicati su diversi blog finanziari e Forex.