I Mercati Reagiscono al Discorso sullo Stato dell’Unione

|

Nel suo secondo discorso sullo stato dell'Unione, consegnato martedì sera, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha elogiato i suoi sforzi e gli sforzi della sua amministrazione per la creazione di 5,3 milioni di nuovi posti di lavoro, aumentare i salari al ritmo più veloce da decenni e attuare i tagli fiscali su cui è stata fondata gran parte della tua campagna. Ha lodato il fatto che "le aziende stanno tornando in gran numero nel paese" e che gli Stati Uniti sono diventati il maggior produttore mondiale di petrolio e gas naturale.

Il presidente Trump ha chiesto un'azione bipartisan, perché sia i partiti repubblicani che quelli democratici lavorino insieme per costruire il paese verso un'ulteriore grandezza. La chiamata è arrivata solo 10 giorni prima che la proposta di muro di confine di Trump venisse sottoposta a un altro voto, un voto che riavvierebbe la chiusura del governo che ha tormentato il paese per oltre tre settimane negli ultimi mesi. Trump ha seguito questa chiamata con commenti su come le sue tariffe sulle merci cinesi hanno inviato il messaggio alla Cina che il furto di proprietà intellettuale non sarà più tollerato. Ha menzionato le sue recenti sanzioni sul Venezuela e il suo desiderio di raggiungere un accordo politico in Afghanistan che consenta alle truppe statunitensi di tornare a casa. Ha affermato che, nonostante i risultati ottenuti finora dalla sua amministrazione, "i nostri risultati più elettrizzanti sono ancora in vantaggio".

I commercianti, tuttavia, hanno adottato un approccio più moderato all'ottimismo di Trump e sono rimasti incerti sul futuro del commercio internazionale. L'indice del dollaro statunitense è cresciuto dello 0,16% mercoledì pomeriggio in Asia, scambiando a 96,22 a 3:31 pm. HK / SIN. Il biglietto verde ha guadagnato contro la maggior parte dei suoi principali partner commerciali, ma ha faticato contro lo yen, dove è crollato dello 0,25% a 109,69. L'euro ha allentato lo 0,25 per cento rispetto al dollaro, per scambiare a 1,1382 $.

I prezzi del petrolio sono stati leggermente inferiori, con i futures statunitensi WTI in calo dello 0,07% a 53,62 dollari al barile e quelli del Brent in calo dello 0,10% a 61,92 dollari al barile, nonostante l'apprezzamento di Trump per gli sforzi di produzione negli Stati Uniti.

Sara Patterson ha un Master in Scienze Politiche e si occupa dell’analisi di entrambi gli eventi attuali e dei mercati internazionali per ottenere un quadro più completo del mercato valutario. Prima di passare alla scrittura finanziaria, ha insegnato inglese scritto agli studenti delle scuole superiori. I testi di Sara sono stati pubblicati su diversi blog finanziari e Forex.