PMI Cina Affonda Kiwi e Aussie

Nelle contrattazioni asiatiche di venerdì, sia il dollaro neozelandese che il dollaro australiano hanno perso terreno contro il dollaro USA dopo il rilascio delle cifre del PMI dalla Cina per gennaio. La lettura del Caixin Manufacturing PMI è arrivata a 48,3, al di sotto della lettura del 49,5 prevista nell'ultimo sondaggio; la lettura precedente era al 49,7. Qualsiasi numero al di sotto del segno 50,0 indica una contrazione nel settore o nell'industria. Ieri è stato pubblicato con un numero simile il sondaggio NBS Manufacturing PMI, uscito al di sotto della soglia dei 50,0; la lettura a 49,5 per gennaio è stata almeno un leggero miglioramento rispetto al 49,3 previsto.

Come riportato alle 10:36 (JST) a Tokyo, il NZD/USD era scambiato a 0,6906$, in calo dello 0,15%; la coppia ha oscillato da un minimo di sessione di 0,68990$ e un picco di 0,69223$. L'AUD/USD è stato scambiato a 0,7243$, in calo dello 0,40% e ha superato il precedente massimo di 0,72784$, mentre il minimo è stato registrato a 0,72390$ nella sessione.

Migliora l'outlook dei dollari australiano e neozelandese

Gli analisti sostengono che nel lungo termine si aspettano di vedere sia il dollaro Kiwi che quello australiano resistere al dollaro USA, data la posizione più accomodante presa dalla Federal Reserve Bank statunitense che ha contribuito a migliorare la propensione al rischio. All'inizio della settimana, la banca centrale degli Stati Uniti ha mantenuto i tassi ai livelli attuali, ma ha espresso una prospettiva più accomodante per quanto riguarda la promessa di alzare gradualmente i tassi di interesse, dicendo che avrebbe esercitato pazienza prima di adeguare la politica. Inoltre, a sostenere le valute a più alto rischio, c'è il miglioramento delle prospettive per un accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina.

Barbara Zigah è una giornalista freelance che vive in Ghana. E’ specializzata in contenuti che riguardano il Forex: i suoi lavori online sono apparsi nell’IB Times, NASDAQ, Benzinga e Seeking Alpha.