Trump Minaccia Dazi, Yen Più Alto

|

Il dollaro USA ha lottato per guadagnare trazione nel commercio europeo di oggi, specialmente contro le valute rifugio dopo che il presidente degli Stati Uniti ha minacciato ancora una volta dazi commerciali sulle importazioni dalla Cina. Donald Trump ha detto che farà salire i dazi attuali dal 10% al 25% su 200$ miliardi di merci importate dalla Cina, e metterà un altro dazio del 25% su altri 325$ miliardi di merci. Il braccio di ferro del presidente Trump potrebbe ritorcerglisi contro dato che il governo cinese ha dichiarato che non avrebbe rinegoziato se non in buona fede.

Come riportato alle 11:13 (GMT) di Londra, la coppia USD/JPY è stata scambiata al ribasso a 110,7420 Yen, in calo dello 0,3312% e fuori dal minimo della sessione di 111,283 Yen. Il cambio USD/CHF era scambiato a 1,0182 franchi svizzeri, con un guadagno dello 0,1761%; la coppia ha oscillato da un minimo di 1,01518 franchi svizzeri a un massimo di 1,01944 franchi svizzeri.

Preoccupazioni sul commercio colpiscono i dollari Aussie e Kiwi

Anche la propensione al rischio delle valute legate allo yuan cinese è stata messa sotto pressione a causa della rottura dei negoziati commerciali. L'AUD/USD era scambiato a 0,6988$, in calo dello 0,4686% mentre il NZD/USD era scambiato a 0,6617$, in calo dello 0,4079%. Sia l'Australia che la Nuova Zelanda vengono influenzate dall'attività sul continente cinese, data la loro forte relazione commerciale. Tutto ciò che potrebbe sconvolgere l'economia cinese si riverserà nelle valute antipodiche.

Barbara Zigah è una giornalista freelance che vive in Ghana. E’ specializzata in contenuti che riguardano il Forex: i suoi lavori online sono apparsi nell’IB Times, NASDAQ, Benzinga e Seeking Alpha.