I Colloqui Commerciali tra Stati Uniti e Cina si Concludono Senza Progressi

|

colloqui commerciali USA/CinaI colloqui commerciali tra i rappresentanti degli Stati Uniti e le loro controparti cinesi sono terminati, senza segnalare alcun progresso significativo.

Il capo del commercio degli Stati Uniti, Robert Lightizer insieme al segretario al Tesoro Steven Mnuchin è arrivato questa settimana a Shangai per tenere colloqui commerciali con il vice premier cinese Liu He e il suo team. Dopo mezza giornata di trattative mercoledì, Lightizer e il suo team hanno lasciato lo Xijiao State Guest Hotel di Shanghai per fare una sessione fotografica e sono partiti per l'aeroporto.

Nessuna dichiarazione relativa all'argomento è stata consegnata alla stampa, sebbene le aspettative riguardo a una possibile risoluzione fossero già basse. In effetti, i colloqui si sono concentrati su "gesti di buona volontà" che non sono direttamente correlati alle richieste degli Stati Uniti, come l'acquisizione di beni agricoli statunitensi da parte dei cinesi o l'allentamento delle sanzioni per Huawei Technologies Co Ltd.

"Le due parti hanno discusso del crescente acquisto di prodotti agricoli statunitensi e la parte statunitense ha concordato di creare condizioni favorevoli per questo. Terranno colloqui futuri ", ha detto Hu Xijin, direttore di un tabloid statale molto importante.

Le tensioni sottostanti sono rimaste rilevanti durante il ciclo di colloqui, poiché il presidente degli Stati Uniti ha messo in guardia i cinesi dal bloccare i negoziati, forse con la speranza di vedere un governo democratico entrare al potere dopo le imminenti elezioni presidenziali. La portavoce del ministero degli Esteri cinese ha ignorato le lamentele di Trump, aggiungendo che non ha senso per gli Stati Uniti continuare con "la sua campagna di massima pressione".

"Credo che non abbia alcun senso per gli Stati Uniti esercitare la sua campagna di massima pressione in questo momento. È inutile dire agli altri di prendere le medicine quando si è malati ", ha detto Hua Chunying, portavoce del ministero degli Esteri.

Gli Stati Uniti chiedono alla Cina di soddisfare le sue richieste relative a barriere commerciali non tariffarie e questioni di proprietà intellettuale al fine di colmare il divario commerciale tra i due paesi. Per renderlo conforme alle loro richieste, il governo degli Stati Uniti ha fissato le tariffe sui beni cinesi, interrompendo le catene di approvvigionamento globali. Non è ancora chiaro se raggiungeranno un accordo prima della scadenza dell'attuale mandato presidenziale di Trump.

Sara Patterson ha un Master in Scienze Politiche e si occupa dell’analisi di entrambi gli eventi attuali e dei mercati internazionali per ottenere un quadro più completo del mercato valutario. Prima di passare alla scrittura finanziaria, ha insegnato inglese scritto agli studenti delle scuole superiori. I testi di Sara sono stati pubblicati su diversi blog finanziari e Forex.