Le Preoccupazioni della Brexit Spingono la Sterlina al Minimo di 28 mesi

|

sterlina ingleseIl nuovo primo ministro britannico Boris Johnson ritaglia il suo lavoro - oltre a lavorare per far uscire il Regno Unito dall'Unione Europea, deve anche preoccuparsi della sterlina che cade continuamente, che ha toccato nuovi minimi di 28 mesi lunedì contro il dollaro e minimi di 24 mesi contro l'euro. La sterlina si è schiantata di oltre il cinque percento da maggio contro le sue principali coppie di valute, una spirale discendente di cui sarà difficile uscire una volta completata la Brexit e che il commercio del Regno Unito con i suoi vicini più vicini sarà permanentemente modificato.

Una sterlina inferiore può essere utile per alcuni esportatori, ma nel complesso è probabile che causi un aumento dei prezzi al consumo, il che limiterà la spesa e potrebbe provocare un aumento dell'inflazione. Nel frattempo, la sterlina più bassa ha fatto salire i prezzi delle azioni britanniche, con gli indici di riferimento del paese che si sono ripresi dalle prime perdite di lunedì per chiudere la giornata in rialzo. La Banca d'Inghilterra si riunirà giovedì e si prevede in gran parte che accennerà a futuri aumenti dei tassi in un'era in cui molte banche centrali si inclinano verso politiche fiscali più accomodanti.

La sterlina è crollata dello 0,34 % alle 10:46 del mattino HK / SIN martedì, scambiando a 1,2174 $. L'euro è salito contro la sterlina, guadagnando lo 0,34 %. Anche la sterlina è scivolata contro lo yen.

D'altro canto, il dollaro si è rafforzato rispetto a molti dei suoi principali partner commerciali martedì, scambiando contro l'euro a 1,114 $ e anche contro il dollaro canadese. L'indice del dollaro ha guadagnato lo 0,07 % nei primi scambi asiatici per commerciare a 98.12. DXY.

Prezzi del petrolio più alti

I prezzi del petrolio sono stati più alti martedì mattina sebbene tendano a essere inversamente correlati alla forza del dollaro. I futures WTI statunitensi hanno guadagnato lo 0,60 % per scambiare a 57,20 $ al barile, mentre i future sul greggio Brent sono saliti dello 0,50 % a 64,03 $ al barile. Lunedì, i futures sul petrolio hanno guadagnato l'1,2 %, estendendo i guadagni della scorsa settimana, mentre i trader si preparano per un taglio atteso dei tassi alla fine di questa settimana. Nonostante i recenti guadagni, il petrolio sta affrontando il suo secondo declino mensile dell'anno, poiché il rallentamento economico globale e le persistenti preoccupazioni tariffarie minacciano di ridurre la domanda più di quanto non abbiano già fatto.

Sara Patterson ha un Master in Scienze Politiche e si occupa dell’analisi di entrambi gli eventi attuali e dei mercati internazionali per ottenere un quadro più completo del mercato valutario. Prima di passare alla scrittura finanziaria, ha insegnato inglese scritto agli studenti delle scuole superiori. I testi di Sara sono stati pubblicati su diversi blog finanziari e Forex.