Aumentano le Esportazioni Cinesi a Luglio tra le Tensioni Commerciali

|

esportazioni cinesiLe esportazioni cinesi sono aumentate sorprendentemente a luglio, nonostante le crescenti tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti. Tuttavia, oltre alle importazioni che rimangono deboli durante quel mese, potrebbe essere temporaneo poiché Trump ha minacciato di imporre più tariffe nel prossimo mese.

Le esportazioni sono aumentate del 3,3 % (da un anno all'altro), il ritmo più veloce da marzo e battendo le aspettative degli analisti, prevedendo un calo del 2,0 %. Le importazioni, d'altra parte, sono diminuite del 5,6 % (da un anno all'altro), rimanendo deboli ma battendo le previsioni degli analisti poiché ci aspettavano un calo dell'8,3%.

Nonostante sia sorprendentemente alto, questo effetto può essere temporaneo poiché la guerra commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina è aumentata di recente. Il presidente Donald Trump ha minacciato di imporre tariffe per merci cinesi per un valore di 300 miliardi di dollari a partire dal mese prossimo mentre accusava la Cina di manipolare la propria valuta. Il governo cinese ha risposto che avrebbero smesso di acquistare prodotti agricoli americani.

Questo aumento delle esportazioni potrebbe essere spiegato dalle società cinesi che tentano di diversificare le loro regioni di esportazione poiché le esportazioni verso gli Stati Uniti si sono ridotte a luglio a causa delle crescenti tensioni. Il Centro informazioni statale lo attribuisce alla "Belt and Road Initiative", una strategia di sviluppo globale promossa dal governo cinese il cui scopo è rafforzare le relazioni commerciali e la cooperazione tra Cina e altri paesi.

"Quest'anno, la Cina non ha solo aumentato la propria quota di mercato nelle principali economie come l'Unione europea, inoltre, eccezionale è il tasso di crescita nei mercati emergenti è molto chiaro, in particolare i paesi con cui lavoriamo su Belt and Road", ha affermato il direttore di Think Thank del dipartimento di previsione.

Il presidente Donald Trump chiede alla Cina di soddisfare le richieste degli Stati Uniti relative a molti settori chiave, come le questioni relative alla proprietà intellettuale e le barriere commerciali non tariffarie. Lo scopo principale di ciò è risolvere lo squilibrio commerciale tra i due paesi poiché attualmente favorisce la Cina.

"La Cina intende continuare a ricevere centinaia di miliardi di dollari dagli Stati Uniti con pratiche commerciali sleali e manipolazione della valuta", ha dichiarato Trump su Twitter all'inizio di questa settimana.

Poiché i negoziati commerciali sono attualmente bloccati, non è ancora chiaro se il feudo commerciale continuerà ad intensificarsi o si concluderà con un accordo tra le due parti. Di recente, un senatore degli Stati Uniti ha suggerito che il Congresso potrebbe intervenire se la situazione non cambia.

"Se questo non cambierà presto, penso che il Congresso potrebbe finire per recitare. Ci sono conti che ho in sospeso con il senatore Alexander e il senatore Portman e penso che se questo non finirà presto, il Congresso inizierà ad intervenire più di quanto non abbiano fatto in passato ", ha affermato il senatore dell'Alabama Doug Jones.

Sara Patterson ha un Master in Scienze Politiche e si occupa dell’analisi di entrambi gli eventi attuali e dei mercati internazionali per ottenere un quadro più completo del mercato valutario. Prima di passare alla scrittura finanziaria, ha insegnato inglese scritto agli studenti delle scuole superiori. I testi di Sara sono stati pubblicati su diversi blog finanziari e Forex.