Continua la Strage del Mercato Azionario

|

mercati azionariLunedì i mercati azionari statunitensi hanno visto il loro giorno peggiore nel 2019, poiché le preoccupazioni della guerra commerciale hanno continuato a preoccupare gli investitori e le vendite rapide. Il NASDAQ ha registrato i cali più ripidi, chiudendo il 3,47 %. L'indice S&P500 ha chiuso in calo del 2,98 % e la media industriale di Dow Jones ha chiuso la giornata in calo del 2,90 %. Tutti e tre gli indici principali dovrebbero scendere ulteriormente martedì. Alla fine della giornata di trading di lunedì, l'S&P 500 ha cancellato  1,4 trilioni di dollari di valore dai suoi titoli negli ultimi quattro giorni di negoziazione. Il Dow è crollato di 767 punti, il suo sesto peggior declino giornaliero di sempre.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha alimentato le fiamme contro la Cina accusando Pechino, tramite Twitter, di manipolazione della valuta, dopo che la Cina ha lasciato che lo yuan abbia raggiunto il suo livello più basso contro il dollaro lunedì in più di dieci anni, scendendo al di sotto del livello del 7 per dollaro. In passato, la Cina ha gestito attivamente la propria valuta per evitare tale indebolimento.

Martedì mattina presto in Asia, il Ministero del Commercio cinese ha annunciato di aver smesso di acquistare prodotti agricoli statunitensi, un altro chiodo nella bara dei negoziati commerciali degli Stati Uniti/Cina e un'altra ragione per cui i commercianti si preoccupano dello stato non solo dell'economia degli Stati Uniti, ma anche dell'economia globale. Il ministero ha anche annunciato che sta prendendo in considerazione l'imposizione di nuove tariffe sui prodotti agricoli statunitensi che creerebbero attrito tra il presidente Trump e i suoi collegi elettorali agricoli prima delle elezioni del 2020.

Il bagno di sangue continua nel commercio asiatico

Il massacro del mercato azionario di Wall Street è proseguito nella sessione di negoziazione asiatica di martedì mattina, con tutti i principali parametri di riferimento in forte calo nei primi scambi. L'ASX australiano era in calo del 2,40 % rispetto alle 10:11 di HK / SIN, in testa alla tendenza, con l'indice Hang Seng di Hong Kong che si avvicinava alle spalle, in calo del 2,10 per cento. Il composito di Shenzhen è sceso dell'1,81 % e il Nikkei 225 del Giappone è sceso dell'1,67 %.

Sui mercati valutari, il dollaro USA è cresciuto dello 0,21 % rispetto allo yen, scambiando a 106,16. L'euro si è rafforzato rispetto al biglietto verde, in rialzo dello 0,21 % a 1,1225 $, mentre la sterlina è salita dello 0,06 % rispetto al dollaro a 1,2148 $. Anche il dollaro USA si è allentato rispetto al dollaro canadese, scendendo dello 0,16 % a 1,3196 $.

Sara Patterson ha un Master in Scienze Politiche e si occupa dell’analisi di entrambi gli eventi attuali e dei mercati internazionali per ottenere un quadro più completo del mercato valutario. Prima di passare alla scrittura finanziaria, ha insegnato inglese scritto agli studenti delle scuole superiori. I testi di Sara sono stati pubblicati su diversi blog finanziari e Forex.