Corbyn: Un'Elezione Generale Fermerebbe la Crisi della Brexit

|

brexitIl deputato britannico e leader del partito laburista Jeremy Corbyn ha dichiarato che un'elezione generale improvvisa fermerebbe la crisi della Brexit.

"Un'elezione generale innescata dalla crisi della Brexit sarà un crocevia per il nostro paese. Sarà una possibilità unica nella generazione di un reale cambio di direzione, potenzialmente sulla scala del 1945 o 1979", ha affermato Corbyn secondo a un discorso trapelato dalla BBC.

Corbyn ha aggiunto che, dato che le elezioni generali si terranno in autunno, i laburisti chiederanno un altro referendum che chiederebbe agli elettori se preferiscono andarsene o rimanere nell'Unione europea.

Il discorso di Corbyn è apparso subito dopo un rapporto del governo che affermava che ci sarebbe stata una carenza di cibo e medicine nel Regno Unito durante uno scenario Brexit senza accordo.

"Questo è un cinico tentativo di impadronirsi del potere da parte di un uomo che rovinerebbe l'economia, è gentile con il crimine e non si difenderà dalla Gran Bretagna", ha dichiarato il deputato Tory James Cleverly, "Solo Boris Johnson e i conservatori possono fornire la leadership La Gran Bretagna ha bisogno e consegna Brexit entro il 31 ottobre, qualunque cosa accada ", ha aggiunto.

L'obiettivo di Corbyn è diventare il primo ministro temporaneo e convocare un'elezione a scatto per ritardare la Brexit. Perché ciò accada, il partito laburista e i suoi alleati dovrebbero spingere un voto di sfiducia che rimuoverà Boris Johnson dal suo incarico e fornirà un periodo di 14 giorni in cui potrebbe essere formato il nuovo governo temporaneo.

Non è ancora chiaro se uno scenario del genere sia fattibile poiché molti si oppongono a Corbyn nel suo stesso campo.

Documenti del governo britannico mettono in guardia contro una Brexit senza accordo.

Il quotidiano britannico "The Sunday Times" ha recentemente fatto trapelare diversi documenti ufficiali che mettono in guardia contro uno scenario senza accordi. Il documento menziona la carenza di cibo e medicine, un duro Bor-der irlandese e un "tracollo" di tre mesi.

Il ministro britannico Michael Gove ha respinto i documenti dicendo che stavano solo contemplando lo scenario peggiore e che "hanno preso provvedimenti" per evitare una simile situazione.

"Ma il documento che è apparso sul Sunday Times è stato un tentativo, in passato, di capire quale sarebbe stata la situazione peggiore, in modo da poter prendere provvedimenti per mitigarla", ha detto Gove, "E abbiamo preso passaggi ", ha aggiunto.

Johnson ha promesso ai suoi elettori di rispettare il risultato del referendum e di lasciare l'Unione europea con o senza un accordo. Anche se intende rinegoziare un accordo con Bruxelles, al momento non è disposto a farlo, dal momento che la leadership dell'UE rifiuta di abbandonare la clausola irlandese Backstop.

Sara Patterson ha un Master in Scienze Politiche e si occupa dell’analisi di entrambi gli eventi attuali e dei mercati internazionali per ottenere un quadro più completo del mercato valutario. Prima di passare alla scrittura finanziaria, ha insegnato inglese scritto agli studenti delle scuole superiori. I testi di Sara sono stati pubblicati su diversi blog finanziari e Forex.