I Prezzi dell'Oro Scendono Dopo Aver Toccato i Massimi di Sei Anni

|

oro, XAU/USDDopo aver toccato un massimo di sei anni martedì mattina, i prezzi dell'oro sono scesi in base alla notizia che il rappresentante commerciale degli Stati Uniti potrebbe ritardare le tariffe su alcune importazioni cinesi. Tra i prodotti le cui tariffe possono essere ritardate ci sono telefoni cellulari e laptop, ha riferito Al Jazeera. I futures sull'oro sono stati scambiati a 1,506,80 $ per oncia a 5:11 a HK / SIN dopo aver toccato un minimo di 1,501,22 $ per oncia.

Gli analisti non credono che il ritardo tariffario reprimerà la salita dell'oro, ma che potrebbe ridurre l'interesse per l'asset rifugio a breve termine. Secondo OilScore, l'attuale "corsa all'oro" continuerà probabilmente man mano che gli investitori correranno per liberarsi dei dollari. La Russia e la Cina hanno annunciato piani per accelerare la loro "de-dollarizzazione" alla luce delle sanzioni del presidente Trump. I paesi hanno anche pianificato di utilizzare le loro valute native per gli scambi in modo che possano negoziare senza che i prezzi siano fissati sul dollaro USA. La Serbia e le Filippine hanno anche iniziato a perdere il loro dollaro USA e ad aumentare le loro riserve auree, mosse che sono servite ad aumentare il prezzo dell'oro sia nel recente passato che probabilmente nel prossimo futuro. La Serbia ha aumentato la sua riserva a 30 tonnellate da 20, e mira a raggiungere le 50 tonnellate entro la fine del prossimo anno.

Tuttavia, nonostante i segnali che i prezzi dell'oro abbiano più alti da raggiungere, gli analisti ribassisti sostengono che il metallo prezioso è ipercomprato e che è probabile una correzione a breve termine prima che i prezzi aumentino.

Wall Street fa una pausa

I prezzi dell'oro potrebbero essere calati in seguito alle notizie sul ritardo tariffario, ma i benchmark di Wall Street sono stati aumentati dalle notizie, interrompendo infine la loro serie di perdite e chiudendo la giornata in generale. L'S&P 500 ha chiuso l'1,48 percento, il NASDAQ ha chiuso in rialzo dell'1,95 % e il Dow Jones Industrial Average ha guadagnato l'1,44 % nel giorno. Una giornata di scambi positivi martedì pomeriggio ha aumentato l'ottimismo in Asia, facendo salire i benchmark. Il Nikkei 225 è cresciuto dello 0,76 %, l'indice Hang Seng di Hong Kong è salito dello 0,90 % e il Kospi della Corea del Sud ha registrato un guadagno dell'1,12 % nei primi scambi.

Sara Patterson ha un Master in Scienze Politiche e si occupa dell’analisi di entrambi gli eventi attuali e dei mercati internazionali per ottenere un quadro più completo del mercato valutario. Prima di passare alla scrittura finanziaria, ha insegnato inglese scritto agli studenti delle scuole superiori. I testi di Sara sono stati pubblicati su diversi blog finanziari e Forex.