Il Dow Jones Soffre il Peggior Giorno dell'Anno per i Timori di recessione

|

Dow Jones peggioreGli analisti potrebbero prevedere che nei prossimi mesi arriverà una recessione, ma i trader hanno iniziato a supportare immediatamente questa teoria, svendendo le scorte su larga scala mercoledì per portare la media industriale del Dow Jones a scendere di oltre 800 punti, il peggiore dei dati finora quest'anno. Giovedì mattina in Asia, le azioni globali sono scese ai minimi di due mesi, con il Nikkei 225 giapponese che affondava del 2% prima di rimbalzare leggermente. L'indice era in calo dell'1,21 % alle 10:51 di HK / SIN. Gli indici di riferimento cinesi, Shanghai Composite e Shenzhen Composite, erano rispettivamente in calo dello 0,86% e dell'1,05%. Solo il Kospi della Corea del Sud ha invertito la tendenza, scambiando allo 0,65 % al mattino presto.

Il selloff di Wall Street è stato provocato da un calo dei rendimenti dei titoli del Tesoro USA a 10 anni che sono scesi per la prima volta al di sotto del tasso di due anni dal 2007. Questa mossa, conosciuta dagli operatori come inversione della curva dei rendimenti, è un segno per i trader che sta arrivando una recessione. In effetti, l'ultima volta che la curva degli Stati Uniti si è invertita, nel 2007, è stata appena prima del crollo economico del 2008. Anche i rendimenti dei 30 anni degli Stati Uniti sono diminuiti, raggiungendo un minimo record del 2,015 %. Oltre ai nervosismi del mercato creati dall'inversione dei rendimenti, le continue preoccupazioni sulla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina stanno preoccupando i commercianti e causando dubbi sul fatto che l'economia globale sia diretta verso un ulteriore disastro.

Gli ultimi movimenti dei rendimenti del Tesoro USA mettono in discussione se il taglio dei tassi di interesse della Federal Reserve a luglio sia stato, in realtà, un "aggiustamento a metà ciclo" come inizialmente sostenuto, o se sia stato l'inizio della modifica della politica della Fed per far fronte all'economia sfide che si stanno preparando.

I mercati valutari rimangono stabili

Sui mercati valutari, le coppie principali sono rimaste stabili giovedì mattina. La coppia dollaro-yen è rimasta invariata, scambiando a 105,90. Il dollaro è stato leggermente inferiore rispetto all'euro, con la valuta comune che ha guadagnato lo 0,04 % a 1,1142 $. La sterlina è leggermente diminuita rispetto al dollaro, in calo dello 0,05 % a 1,2055 $.

Mercati Europei

Nelle ultime settimane, l'euro è stato sostenuto dalla debolezza dei suoi rivali, la sterlina e il dollaro USA (USD). Ciò ha impedito il crollo della valuta condivisa, anche se i dati dell'Eurozona peggiorano.

Tuttavia, poiché i dati dell'Eurozona di questa settimana indicano una continua debolezza dell'economia e delle prospettive del blocco, l'euro sta lottando per continuare a mantenere la propria posizione.

I dati tedeschi di questa settimana sono stati generalmente deludenti, con i dati sul sentimento economico tedesco di ieri di ZEW che si sono ritirati molto più del previsto.

La peggiore performance di questo "mercoledì nero" è stata per la borsa di Milano, che è crollata del 2,53 %, seguita dal Dax di Francoforte, che è sceso del 2,19 %, mentre quella di Londra ha registrato la perdita del 1,42 %

Nel mercato dei cambi, la Banca centrale europea (BCE) ha fissato il prezzo ufficiale dell'euro rispetto al dollaro a 1,1188, che ha rappresentato un aumento di 0,0034 unità (0,30 %) rispetto allo scorso martedì, quando era a 1,122 $.

Sara Patterson ha un Master in Scienze Politiche e si occupa dell’analisi di entrambi gli eventi attuali e dei mercati internazionali per ottenere un quadro più completo del mercato valutario. Prima di passare alla scrittura finanziaria, ha insegnato inglese scritto agli studenti delle scuole superiori. I testi di Sara sono stati pubblicati su diversi blog finanziari e Forex.