L'attività Manifatturiera Europea scende a Luglio

|

attività manifatturiera europeaSecondo un sondaggio recentemente pubblicato da PMI (Purchasing Managers' Index), l'attività manifatturiera dell'Eurozona è scesa a luglio, raggiungendo il suo passo più veloce dalla fine del 2012, rafforzando i timori per le prospettive economiche del blocco.

L'indice dei responsabili degli acquisti di PMI era a 46.5, dietro a 47.6 di giugno, essendo il suo sesto mese dietro a 50 (quando l'indice è dietro questa cifra significa che il settore manifatturiero si sta contraendo). Questa è la cifra più bassa dal dicembre 2012 e, secondo il capo economista di PMI, è un segno di un deterioramento della situazione economica.

"Il cruscotto della zona euro PMI è un mare di rosso, con tutte le luci che avvertono del deterioramento della salute dei produttori della regione", ha detto

Le guerre commerciali di Donald Trump e la Brexit sono alla base di questo rallentamento poiché mina la domanda e influisce sulla fiducia degli agenti economici. In effetti, il futuro indice di produzione è passato da 56,6 a 52,6, anche la sua lettura più bassa da dicembre 2012.

"Le crescenti preoccupazioni geopolitiche, comprese le guerre commerciali e la Brexit, e le preoccupazioni per il rallentamento della crescita economica sia a livello nazionale che internazionale sono state ampiamente segnalate come se avessero attenuato la domanda attuale e raggiunto la fiducia nelle prospettive", ha aggiunto.

Recentemente sono stati diffusi dati sulla crescita preliminare, che mostrano un rallentamento della crescita economica nella zona euro. Il PIL dell'Eurozona è cresciuto dello 0,2% nel secondo trimestre, in calo dallo 0,4% nel primo trimestre. La crescita del PIL da un anno all'altro è stata dell'1,1% in calo dall'1,2% nell'ultimo periodo. Il livello di disoccupazione è sceso al 7,4% dal 7,5%, il più basso da metà 2008.

L'inflazione dovrebbe attestarsi all'1,1%, molto indietro rispetto all'obiettivo della Banca centrale europea e in calo dall'1,3% di giugno.

Si prevede che la BCE avvierà un piano di stimolo per contrastare gli effetti dell'incertezza economica globale, che consiste in tagli dei tassi e acquisti di obbligazioni.

Le azioni europee sono scese questa mattina dopo che gli investitori si sono sentiti delusi dall'ultimo segnale della Federal Reserve. L'indice azionario di riferimento STOXX Europe 600 è sceso dello 0,2% di 0708 GMT, ma è tornato indietro, aumentando dello 0,3% di 0923 GMT.

Sara Patterson ha un Master in Scienze Politiche e si occupa dell’analisi di entrambi gli eventi attuali e dei mercati internazionali per ottenere un quadro più completo del mercato valutario. Prima di passare alla scrittura finanziaria, ha insegnato inglese scritto agli studenti delle scuole superiori. I testi di Sara sono stati pubblicati su diversi blog finanziari e Forex.