Mercati Petroliferi, Prossima Vittima nel Mercato Instabile

|

petrolio in rialzoI futures sul petrolio sono saliti significativamente più in alto giovedì mattina in Asia dopo che sia il greggio Brent che i futures WTI statunitensi sono crollati di oltre il 4% mercoledì, respinti dalle continue preoccupazioni per il rallentamento economico globale. Mercoledì sia Brent che WTI negli Stati Uniti hanno raggiunto i livelli più bassi dall'inizio del 2019, dopo che un rilascio di dati ha mostrato che le scorte di greggio statunitensi sono aumentate più del previsto.

Secondo i rapporti di Bloomberg, l'OPEC sta discutendo la possibilità di adottare nuove misure per sostenere i prezzi del petrolio. Secondo il rapporto, un funzionario saudita ha affermato che il suo paese è in trattative con altri produttori su come agire in modo da impedire che i prezzi diminuiscano ulteriormente.

I futures WTI degli Stati Uniti sono aumentati del 3,11 % rispetto alle 10:19 HK / SIN, scambiando a 52,68 $ al barile, mentre i future sul greggio Brent hanno guadagnato il 2,38 % per scambiare a $ 57,82 al barile.

Oltre alla recente volatilità dei mercati petroliferi, gli analisti si lamentano della volatilità dei mercati valutari, sostenendo che la guerra commerciale USA-Cina si sta trasformando in una guerra valutaria, soprattutto perché le recenti fluttuazioni dello yuan cinese hanno fatto pressione sul dollaro USA. A sua volta, l'indebolimento del dollaro è stato accreditato da alcuni analisti per allentare una parte della pressione sui prezzi del petrolio.

I metalli preziosi hanno raggiunto livelli record

L'oro e l'argento hanno continuato la loro recente corsa forte. Ieri si è assistito a un aumento dell'argento di circa il 4% rispetto al dollaro USA a prezzi superiori a 17 $ l'oncia, che non si vedono da un anno. L'oro, nel frattempo, ha raggiunto un nuovo massimo di 6 anni al di sopra del livello psicologicamente significativo di 1500 $.

L'indice del dollaro è rimasto invariato giovedì mattina presto, attestandosi a 97,55. DX, anche se il dollaro ha continuato a lottare contro lo yen, scambiando in ribasso dello 0,05 % a 106,21. Il biglietto verde è anche sceso contro la sterlina britannica e l'euro. La sterlina ha guadagnato lo 0,17 % rispetto al dollaro per scambiare a 1,2161$, mentre l'euro è salito dello 0,11 % a 1,1208 $. Secondo un recente sondaggio di Reuters, la maggior parte degli analisti ritiene che se la Federal Reserve cedesse alle richieste del presidente Trump di riduzioni dei tassi fino a 50 punti percentuali, il dominio del dollaro sui mercati valutari finirà effettivamente.

Sara Patterson ha un Master in Scienze Politiche e si occupa dell’analisi di entrambi gli eventi attuali e dei mercati internazionali per ottenere un quadro più completo del mercato valutario. Prima di passare alla scrittura finanziaria, ha insegnato inglese scritto agli studenti delle scuole superiori. I testi di Sara sono stati pubblicati su diversi blog finanziari e Forex.