Stati Uniti e Giappone Pronti per il Prossimo Incontro Commerciale

|

USA JapanI rappresentanti del governo giapponese e le loro controparti americane si incontreranno da mercoledì per discutere di questioni commerciali. L'incontro si sta svolgendo proprio prima di un possibile incontro tra il presidente Donald Trump e il primo ministro giapponese Shinzo Abe durante il vertice del G7 in Francia.

"Sarà una trattativa molto dura", ha detto a Reuters un funzionario giapponese.

Il presidente degli Stati Uniti Donalt Trump ha minacciato di imporre tariffe sulle esportazioni di automobili giapponesi negli Stati Uniti, sostenendo che si tratta di una questione di sicurezza nazionale. Tuttavia, ha deciso di ritardare l'imposizione di tariffe di sei mesi. Nel frattempo, il governo degli Stati Uniti chiede al Giappone di aprire i suoi mercati per i prodotti agricoli americani e di fare tutto ciò che ritengono necessario per correggere lo squilibrio commerciale tra i due paesi. Il Giappone chiede a Washington di tagliare le tariffe sulle importazioni di automobili giapponesi e sui beni industriali.

Entrambi i paesi sono stati riluttanti a soddisfare le richieste dell'altra parte, quindi i colloqui non sono progrediti molto.

"Se ci deve essere un" accordo ", dobbiamo avere qualcosa che possiamo formalmente annunciare, il che è duro", ha detto a Reuters un altro funzionario giapponese, aggiungendo che sarà difficile raggiungere un accordo se gli Stati Uniti non vogliono scendere a compromessi sulla sua posizione.

Il Giappone potrebbe trovarsi di fronte ad una situazione economica negativa.

Le esportazioni giapponesi verso gli Stati Uniti sono in aumento da otto mesi consecutivi, aumentando dell'8,4% a luglio, mentre le importazioni dagli Stati Uniti sono aumentate del 3,5%, portando la crescita del surplus commerciale del Giappone (con gli Stati Uniti) al 15,6%. Secondo Trump, questa mancanza di equilibrio è inaccettabile ed è ciò che lo spinge ad usare le tariffe per premere paesi come il Giappone (e la Cina) per soddisfare le richieste di Washington.

Il Giappone sta già subendo gli effetti delle guerre commerciali, poiché le sue esportazioni sono scese per l'ottavo mese consecutivo a luglio, principalmente a causa della situazione tra Stati Uniti e Cina, poiché quest'ultimo è uno dei suoi principali partner commerciali.

I giapponesi stanno anche affrontando un aumento delle imposte sulle vendite dall'8% al 10% in ottobre, che alimenta preoccupazioni per il futuro dell'economia. Il motivo principale alla base di ciò è l'invecchiamento della popolazione giapponese, che ha aumentato le spese di sicurezza sociale, alimentando il debito pubblico giapponese, che ora è più del doppio del PIL.

Per contrastare gli effetti potenzialmente devastanti sui consumi, i giapponesi stanno pianificando di attuare alcune misure fiscali temporanee, tra cui l'introduzione di istruzione gratuita per la prima infanzia, buoni acquisto per famiglie a basso reddito e la riduzione dell'aliquota d'imposta sulle vendite di alimenti, bevande e giornali.

Sara Patterson ha un Master in Scienze Politiche e si occupa dell’analisi di entrambi gli eventi attuali e dei mercati internazionali per ottenere un quadro più completo del mercato valutario. Prima di passare alla scrittura finanziaria, ha insegnato inglese scritto agli studenti delle scuole superiori. I testi di Sara sono stati pubblicati su diversi blog finanziari e Forex.