Yuan Fisso Sotto 7 per la Terza Sessione Consecutiva

|

yuan fisso sotto 7La Banca popolare cinese ha fissato il riferimento del punto medio ufficiale o la valuta del paese a 7,0211 per dollaro lunedì, la terza sessione consecutiva in cui la valuta cinese è scesa al di sotto del livello di 7 per dollaro. I commercianti sono diventati sempre più interessati al cross dollaro-yuan mentre i negoziati nella guerra commerciale si sono disintegrati nei giorni scorsi. La più grande preoccupazione è che uno yuan più debole renderà i prodotti a base di dollari più costosi, dando alla Cina un grande vantaggio commerciale.

La caduta dello yuan al di sotto del segno del 7 per dollaro ha interessato gli operatori che ricordano ancora chiaramente la svolta del mercato solo pochi anni fa nel 2015-2016, quando il deprezzamento improvviso e disorganizzato dello yuan ha avuto rapidi impatti sul mercato globale. Eppure, nonostante queste preoccupazioni, gli analisti di MarketWatch hanno sostenuto che le attuali fluttuazioni valutarie non sono così simili alle situazioni passate perché l'Unione Europea e il Giappone probabilmente faranno pressioni sulla Cina per tenere sotto controllo la propria valuta. Secondo la CNBC, Pechino ha anche promesso di evitare un rapido deprezzamento della sua valuta poiché "una sostanziale svalutazione determinerebbe deflussi di capitale e creerebbe scommesse unidirezionali sul mercato per un ulteriore deprezzamento, come visto nel 2015 e nel 2016".

Nel frattempo, domenica, Goldman Sachs ha riferito di aver rinunciato alla speranza di raggiungere un accordo commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina prima delle elezioni presidenziali del 2020. Secondo i rapporti di Reuters, la banca invia una nota ai suoi clienti che si aspetta che una nuova serie di tariffe entrerà in vigore su ulteriori 300 miliardi di dollari di beni cinesi e che la guerra commerciale stia aumentando i timori di recessione. Goldman Sachs ha ridotto le previsioni di crescita degli Stati Uniti del quarto trimestre di 20 punti base sulle sue crescenti preoccupazioni sull'industria, all'1,8 %.

Movimenti del mercato del lunedì mattina

Il dollaro USA è stato relativamente stabile lunedì mattina, con l'indice del dollaro invariato a 97,49 alle 10:14 HK / SIN, anche se il biglietto verde ha lottato contro lo yen, scendendo dallo 0,16 % a 105,48. Anche il dollaro è stato più basso rispetto alla sterlina e all'euro, scambiando rispettivamente a 1,204 $ e 1,1207 $.

Sui mercati azionari, i benchmark asiatici hanno iniziato la settimana prevalentemente in rialzo. Il Nikkei 225 è aumentato dello 0,44 % al mattino presto, mentre il Kospi della Corea del Sud ha guadagnato lo 0,21 %. Entrambi i benchmark cinesi erano più alti, con lo Shanghai Composite in rialzo dello 0,38 % e lo Shenzhen Composite che guadagnava lo 0,40 %. L'ASX 200 australiano era leggermente più basso, in calo dello 0,02%

Sara Patterson ha un Master in Scienze Politiche e si occupa dell’analisi di entrambi gli eventi attuali e dei mercati internazionali per ottenere un quadro più completo del mercato valutario. Prima di passare alla scrittura finanziaria, ha insegnato inglese scritto agli studenti delle scuole superiori. I testi di Sara sono stati pubblicati su diversi blog finanziari e Forex.