I Futures del Petrolio si Abbassano dopo il Picco

|

futures petrolio greggioI future sul petrolio hanno chiuso in rialzo mercoledì dopo che i dati provenienti dagli Stati Uniti hanno mostrato che le forniture di greggio sono aumentate per la quarta settimana consecutiva. L'Information Energy Administration ha riferito che gli inventari del greggio degli Stati Uniti sono aumentati di 1,4 milioni di barili, un aumento sostanziale, ma ben al di sotto delle stime più alte di ben 6 milioni di barili previste martedì dall'American Petroleum Institute, ha riferito MarketWatch. I prezzi del petrolio sono aumentati di oltre il 3% mercoledì dopo il rilascio della VIA.

I futures sul petrolio hanno iniziato a scendere giovedì mattina, tuttavia, con il sell-off provocato dalle persistenti preoccupazioni sulla guerra commerciale USA-Cina e dal discutibile passaggio della "fase 1" dell'accordo commerciale. Mercoledì scorso, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato una legge sui diritti umani a sostegno di Hong Kong, che secondo gli analisti potrebbe mettere a dura prova le già deboli relazioni tra Stati Uniti e Cina. Gli analisti temono che la domanda rimarrà bassa se non viene raggiunto un accordo e che i prezzi scenderanno se l'offerta continua a superare la domanda. A partire dalle 14:34 HK / SIN, i futures WTI statunitensi sono scesi dello 0,32 per cento a 56,83 $ al barile e i future sul greggio Brent sono scesi dello 0,30 per cento a 62,2 $ al barile.

I commercianti stanno ora guardando all'OPEC per vedere se estenderanno i loro tagli alla produzione fino al 2020. Mercoledì scorso, il presidente russo Vladimir Putin si è impegnato nuovamente a sostenere l'OPEC. L'anno scorso l'OPEC si è impegnata a ridurre la produzione di petrolio di 1,2 milioni di barili al giorno. Il prossimo incontro si terrà a dicembre a Vienna e valuterà le possibilità di tagli della produzione ancora più marcati per il 2020.

Azioni lottano per le preoccupazioni commerciali

I mercati azionari sono stati pesantemente sollecitati dalle preoccupazioni della guerra commerciale negli ultimi mesi e il commercio di giovedì non è stato diverso. Il Nikkei 225 del Giappone ha toccato un minimo di tre settimane durante la sessione di negoziazione, poiché i trader sono rimasti preoccupati che l'accordo commerciale si stesse disintegrando. L'indice è sulla buona strada per il suo più grande declino giornaliero in sette settimane. A metà pomeriggio è sceso dello 0,48 per cento. L'indice Hang Seng di Hong Kong ha visto i cali più ripidi, scambiando in ribasso dell'1,61 per cento, mentre il Kospi della Corea del Sud ha seguito da vicino, scambiando in ribasso dell'1,53 per cento. I benchmark cinesi sono stati entrambi inferiori di mezzo punto percentuale in meno e l'ASX 200 australiano è sceso dello 0,74 per cento.

I mercati valutari hanno visto pochi movimenti durante la sessione asiatica di giovedì. Il dollaro è sceso modestamente rispetto allo yen, scambiando in ribasso dello 0,02 per cento a 108,58. La sterlina britannica si è rafforzata rispetto al dollaro, scambiando in rialzo dello 0,03 per cento a 1,2962 $, e l'euro è salito dello 0,02 per cento contro il biglietto verde a 1,1074 $.

Sari Holtz ha iniziato a lavorare presso DailyForex nel 2011, quando è stata assunta per fornire analisi delle notizie quotidiane e gestire i contenuti quotidiani. Da allora, ha continuato a fornire notizie periodiche incentrate sul modo in cui gli eventi politici incidono sull'economia globale. Lavora anche direttamente con dozzine di broker Forex in tutto il mondo per garantire che trasmettano i loro messaggi e che i trader possano trovare il miglior broker per le loro esigenze individuali.