La Camera Bassa del Giappone ha Approvato un Accordo Commerciale con gli Stati Uniti

|

GiapponeLa Camera bassa giapponese ha appena concluso un accordo commerciale con gli Stati Uniti che apre le porte a riduzioni tariffarie su diversi tipi di merci, ad eccezione di automobili e parti di automobili giapponesi.

Questa incapacità di raggiungere un accordo favorevole per l'industria automobilistica giapponese mette completamente in dubbio i reclami del primo ministro giapponese Shinzo Abe sull'accordo.

"Quindi il risultato di questo negoziato è in realtà una soluzione vantaggiosa per il Giappone e gli Stati Uniti", ha detto Abe durante una conferenza stampa congiunta a settembre, dopo aver concordato un accordo che avrebbe aperto il mercato giapponese a miliardi di prodotti agricoli americani e macchine utensili giapponesi.

Ora l'accordo dovrà affrontare il controllo della camera alta, tuttavia le possibilità di entrare in vigore a gennaio del prossimo anno sono molto alte.

Il governo giapponese prevedeva che con questo nuovo accordo gli Stati Uniti avrebbero tagliato circa 212,8 miliardi di yen di tariffe sulle esportazioni giapponesi, aumentando l'economia dello 0,8 per cento nei prossimi 10-20 anni. Tuttavia, tali cifre si basavano sul presupposto che gli Stati Uniti avrebbero rimosso le tariffe sulle automobili e sulle parti di automobili giapponesi, tuttavia, gli Stati Uniti sono stati deliberatamente poco chiari su questa specifica questione affermando che tale argomento è soggetto a ulteriori negoziati.

"L'accordo è stato lasciato vago sulla questione delle riduzioni tariffarie su auto e ricambi auto giapponesi. Altrimenti, non avremmo potuto raggiungere l'accordo", ha affermato una fonte.

Ora il Giappone ha la possibilità di continuare ulteriori colloqui con gli Stati Uniti, tuttavia, è altamente improbabile che raggiunga condizioni più favorevoli poiché la priorità degli Stati Uniti in questo momento è la sua faida commerciale con la Cina e dato che le elezioni presidenziali stanno arrivando.

"Non è chiaro se Washington voglia seriamente continuare i colloqui commerciali", ha detto una fonte a Reuters, "La domanda è: quanto tempo gli Stati Uniti possono dedicare ai colloqui con il Giappone, anche se iniziamo i negoziati. C'è poco tempo per concludere i colloqui prima delle elezioni presidenziali ", ha aggiunto.

Alcuni addirittura mettono in dubbio l'idea che Trump smetterà di minacciare il Giappone di imporre tariffe sui suoi prodotti, con l'obiettivo di fare appello ai suoi elettori.

"C'è una possibilità che Trump metterà sotto pressione il Giappone sul commercio per fare appello ai suoi elettori", ha dichiarato Junichi Sugawara del Mizuho Research Institute, "C'è la possibilità che possa rinnovare la sua minaccia sulle tariffe automobilistiche", ha aggiunto.

L'economia giapponese è attualmente in fase di rallentamento. È cresciuto dello 0,2 per cento nel terzo trimestre, sfidando le aspettative più ottimistiche degli economisti e un forte calo rispetto alla crescita dell'1,8 per cento del secondo trimestre. Dietro questa decelerazione c'è il calo delle esportazioni, che sono diminuite del 5% a settembre e che ha rallentato i consumi.

Alle 10:53 GMT la coppia USD/JPY ha guadagnato lo 0,14 per cento, raggiungendo il livello di 108,81. Il GBP/JPY ha seguito la tendenza, aumentando dello 0,01 per cento, a 140,76, mentre l'EUR/JPY è salito dello 0,14 per cento, a 120,46.

Ibeth contribuisce al commento quotidiano sul mercato sia in inglese che in spagnolo (entrambe le lingue parla fluentemente), gestisce anche l'app mobile DailyForex per garantire che gli operatori di tutto il mondo ricevano importanti aggiornamenti di mercato in tempo reale.