Consigliere di Theresa May Attacca l’Accordo sulla Brexit di Johnson

Ibeth Rivero

eurozonaSecondo l’ex consigliere di Theresa May, Gavin Barwell, membro della Camera dei Lord, l’accordo sulla Brexit di Boris Johnson realizza i desideri di Bruxelles riguardo l’Irlanda del Nord.

Bruxelles chiedeva al Regno Unito di evitare la creazione di un confine tra l’Irlanda del Nord e la Repubblica d’Irlanda. Al fine di soddisfare questa richiesta, il governo di Theresa May aveva concordato di includere la controversa clausola di backstop irlandese, che avrebbe mantenuto il Regno Unito e l’Irlanda del Nord allineati in alcuni aspetti all’Unione doganale dell’UE e al mercato unico europeo, senza lasciare che L'Irlanda del Nord uscisse dall’unione previo il consenso di Bruxelles.

“Il governo è tornato a quello che inizialmente voleva l’UE, un accordo solo per l’Irlanda del Nord”, ha spiegato Barwell, “Il risultato è che le merci dovranno essere sottoposte a controlli doganali quando vengono spostate dalla Gran Bretagna all’Irlanda del Nord, creando un confine nel nostro mercato unico”, ha continuato.

Nonostante le sue critiche, ha comunque riconosciuto che l’accordo di Johnson è migliorato rispetto alla situazione di Stormont, in quanto consente ai residenti di Stormont di decidere se concordare o meno con l’accordo.

Barwell ha anche chiesto al governo del Regno Unito di essere onesto riguardo alla prossima fase del processo di negoziazione sulla Brexit, aggiungendo che sarà particolarmente difficile in quanto non vi è alcun precedente.

“Stiamo per negoziare qualcosa di completamente senza precedenti”, ha affermato Barwell, “un accordo di libero scambio che non riguarda la rimozione di eventuali ostacoli agli scambi, ma al contrario quando e in che misura dovranno essere introdotti”, ha aggiunto.

Johnson ottimista riguardo al raggiungimento di un accordo commerciale con Bruxelles

Sebbene abbia sottolineato il suo ottimismo, durante la sua prima intervista nel 2020, il Primo Ministro del Regno Unito Boris Johnson non ha escluso la possibilità del mancato raggiungimento di un accordo commerciale con l’Unione Europea entro la fine del 2020.

“Penso sia molto probabile. Non ti darò una percentuale”, ha detto a BBC Breakfast, “Ovviamente, bisogna sempre preventivare un completo fallimento del buon senso, questo è ovvio. Ma io sono molto, molto, molto fiducioso, di ottenere un accordo”, ha aggiunto.

Dopo che i mercati hanno appreso una maggiore possibilità di un taglio del tasso di cassa, visti i recenti dati sulla debole crescita economica e gli ultimi commenti di Mark Carney della BoE, la sterlina ha perso terreno rispetto al dollaro USA.

Alle 11:00 GMT la sterlina inglese è scesa contro il dollaro USA, perdendo lo 0,12 per cento e toccando il livello degli 1,2953. Il dollaro è rimasto stabile nei confronti dell'Euro, agli 1,11340.

Ibeth Rivero

Ibeth contribuisce al commento quotidiano sul mercato sia in inglese che in spagnolo (entrambe le lingue parla fluentemente), gestisce anche l'app mobile DailyForex per garantire che gli operatori di tutto il mondo ricevano importanti aggiornamenti di mercato in tempo reale.

Ti è piaciuto quello che hai letto? Facci sapere cosa ne pensi!

exclamation mark

Assicurati che i tuoi commenti siano appropriati e che non promuovano servizi o prodotti, partiti politici, materiale della campagna o proposte di votazione. I commenti che contengono linguaggio abusivo, volgare, offensivo, minaccioso o molesto o attacchi personali di qualsiasi tipo verranno eliminati. Verranno rimossi anche i commenti che includono contenuti inappropriati.

0 Commenti degli utenti

exclamation mark

Assicurati che i tuoi commenti siano appropriati e che non promuovano servizi o prodotti, partiti politici, materiale della campagna o proposte di votazione. I commenti che contengono linguaggio abusivo, volgare, offensivo, minaccioso o molesto o attacchi personali di qualsiasi tipo verranno eliminati. Verranno rimossi anche i commenti che includono contenuti inappropriati.

Maggiori informazioni
Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.