Germania, Calo Ordini di Fabbrica nel Quarto Trimestre

|

Calo Ordini di Fabbrica in GermaniaGli ordini di fabbrica tedeschi sono calati inaspettatamente segnalando che la recessione che ha portato la crescita economica a raggiungere il livello più basso dal 2013 è tutt'altro che finita.

Secondo i dati diffusi dal Ministero dell'Economia tedesco, gli ordini di produzione sono diminuiti dello 0,5 per cento nel terzo trimestre del 2019. A dicembre sono diminuiti del 2,1 andando contro le aspettative degli analisti, che prevedevano un’avanzata dello 0,6 per cento.

Il ministero ha attribuito questo calo agli importanti movimenti nella domanda di grandi mezzi di trasporto, che rappresentano circa un terzo del calo della domanda alla fine dello scorso anno.

“Nel complesso, le prospettive per l’economia industriale rimangono modeste” ha spiegato il ministero.

Le prospettive per la crescita economica tedesca non sono le migliori perché si prevede che gli effetti dell’epidemia di coronavirus causino una contrazione della produzione tedesca.

D’altra parte, il PMI delle costruzioni di IHS Markit è salito ai 54,9 a gennaio dopo il dato di 53,8 alla fine dello scorso anno. Questi dati segnalano una più rapida espansione del settore edile tedesco, al ritmo più veloce in due anni, con l'edilizia residenziale che ha toccato un massimo di 10 mesi e i nuovi ordini in crescita al ritmo più rapido da febbraio 2019. Il tasso di inflazione dei costi ha raggiunto il suo massimo in sei mesi mentre l'ottimismo delle imprese è rimasto moderato.

BCE: la politica monetaria sta causando condizioni di prestito più facili

Nel suo ultimo bollettino economico, la Banca centrale europea ha dichiarato che le sue misure di politica monetaria stanno causando condizioni di prestito più facili che facilitano la spesa dei consumatori e gli investimenti delle imprese.

“L'attività economica globale rimane moderata, ma ci sono segni di stabilizzazione”, hanno affermato, “anche se le prospettive per l'attività economica globale rimangono modeste”, hanno aggiunto, sottolineando che i rischi per le prospettive globali sono alti, ma meno inclinati al ribasso.

Durante la conferenza di giovedì, il vicepresidente della Banca centrale europea Luis de Guindos ha dichiarato che l'attuale accomodamento della politica monetaria supporta i volumi di prestiti.

“Allo stesso tempo, la politica monetaria continua a sostenere i volumi di prestiti e le banche hanno compiuto progressi significativi nella riparazione dei loro bilanci”, ha aggiunto, aggiungendo che vengono attentamente monitorati gli effetti collaterali della politica monetaria.

Alle 10:35 GMT l'euro è aumentato dello 0,06 per cento contro il dollaro USA, raggiungendo il livello degli 1,1004. La moneta unica ha guadagnato lo 0,16 per cento anche contro il franco svizzero agli 1,0719, mentre è salito dello 0,07 per cento contro lo yen giapponese, ai 120,83.

Ibeth contribuisce al commento quotidiano sul mercato sia in inglese che in spagnolo (entrambe le lingue parla fluentemente), gestisce anche l'app mobile DailyForex per garantire che gli operatori di tutto il mondo ricevano importanti aggiornamenti di mercato in tempo reale.