La Cina Rimuove le Tariffe di oltre 690 Merci Americane

|

Martedì il governo cinese ha dichiarato che eliminerà le tariffe di oltre 696 prodotti dagli Stati Uniti, come soia, carne di maiale, petrolio greggio, e altri ancora. Secondo la Cina, le esenzioni tariffarie per i prodotti statunitensi qualificati saranno efficaci per un anno.

Questa nuova misura fa parte della "fase 1" recentemente firmata dell'accordo commerciale che metterebbe fine alla faida commerciale tra Stati Uniti e Cina. Quando ha firmato l'accordo con gli Stati Uniti, la Cina si è impegnata ad incrementare i suoi acquisti di beni americani di 200 miliardi di dollari in un periodo di due anni, una promessa che molti hanno ritenuto impossibile rispettare a causa dell'attuale epidemia di coronavirus.

Anche la Commissione delle tariffe doganali del Consiglio di Stato ha lasciato la porta aperta agli importatori che vorrebbero richiedere esenzioni tariffarie. Le parti interessate potrebbero farlo dal 2 marzo e seguire una procedura di approvazione.

Nel frattempo, l'impatto del focolaio di coronavirus sull'industria cinese è stato considerato un "grave" a febbraio rispetto al mese precedente, secondo il vice presidente dell'autorità statale cinese. Ciò è dovuto al tentativo di controllare lo scoppio delle catene di approvvigionamento implicite e delle interruzioni della produzione.

"L'epidemia a sua volta ha avuto un impatto relativamente controllabile nelle operazioni di gennaio e un impatto notevole a febbraio", ha affermato Ren Hongbin, vicepresidente della Commissione cinese per la supervisione e l'amministrazione delle attività.

Il bilancio delle vittime dell'epidemia ha recentemente raggiunto oltre 1700 vittime, tra cui il direttore dell'ospedale Wuchang di Wuhan, Liu Zhiming. Il numero di persone infette in tutto il mondo supera i 73.000.

Di recente, la Banca popolare cinese ha deciso di tagliare i suoi tassi di interesse a medio termine di 10 punti base, dal 3,25% al ​​3,15% per far fronte alle conseguenze economiche dannose dell'epidemia. Gli analisti hanno spiegato che la banca sta cercando di supportare le imprese cinesi con le loro necessità finanziarie a medio termine invece di concentrarsi sul breve termine.

Si prevede che la Cina taglierà più tassi di cassa nei prossimi mesi, insieme a misure di attuazione che aiuterebbero ad aumentare i consumi interni, oltre ad aumentare le spese fiscali.

La crescita economica cinese dovrebbe scendere al 4,5 per cento in questo trimestre, dal 6 per cento al precedente secondo un sondaggio di Reuters. Il servizio Investitori di Moody prevede una crescita economica del 5,2 per cento per il 2020, rivedendo le loro aspettative.

"La crescita rallenta in tutta l'Asia del Pacifico mentre il coronavirus indebolisce la domanda e interrompe la catena di approvvigionamento", hanno spiegato, "Una domanda di importazione cinese inferiore è il motivo principale per rallentare la crescita", hanno aggiunto.

Alle 8:15 GMT il dollaro USA è salito dello 0,22% rispetto allo Yuan cinese, raggiungendo il livello di 7,0017. D'altra parte, il dollaro australiano è sceso dello 0,41 per cento rispetto al biglietto verde, a 0,6686.

Sari Holtz ha iniziato a lavorare presso DailyForex nel 2011, quando è stata assunta per fornire analisi delle notizie quotidiane e gestire i contenuti quotidiani. Da allora, ha continuato a fornire notizie periodiche incentrate sul modo in cui gli eventi politici incidono sull'economia globale. Lavora anche direttamente con dozzine di broker Forex in tutto il mondo per garantire che trasmettano i loro messaggi e che i trader possano trovare il miglior broker per le loro esigenze individuali.