Prezzi del Petrolio Stabili, Permane la Pressione del Crollo

Mahmoud Abdallah

I prezzi del petrolio si sono stabilizzati dopo il calo di ieri, ma le previsioni rimangono deboli a causa del rallentamento dell'economia globale, la mancanza di offerta e di spazio di stoccaggio. Per paura di un altro crollo, i trader potrebbero uscire dai contratti di giugno prima del previsto.

Prezzi del Petrolio Stabili, Permane la Pressione del CrolloDurante le negoziazioni di ieri, i prezzi del greggio sono diminuiti drasticamente, per poi ritracciare la traiettoria e stabilizzarsi successivamente, ma le pressioni rimangono. Le preoccupazioni per le prospettive della domanda globale di energia, l’aumento dell’offerta nei mercati globali e la mancanza di stoccaggio, hanno continuato a influenzare le materie prime. I prezzi hanno ricevuto un certo sostegno dalla notizia dell’esplosione di una bomba su una petroliera in Siria. I futures sul greggio WTI sono scesi a 10,27$ al barile prima di recuperare a circa 14,20$ al barile al momento della stesura. I futures sul greggio Brent sono scesi a 20$ al barile. Durante gli scambi della scorsa settimana, i prezzi sono crollati del 32,3%, il calo più grande mai visto e il 20 aprile i futures di maggio sono stati negoziati in una regione negativa per la prima volta nella storia dei prezzi dell’energia.

Poiché la pandemia del virus Covid-19 continua a distruggere le economie globali, è improbabile che la domanda di petrolio vedrà un aumento significativo a breve e medio termine. Lunedì, lo US Oil Fund LP - il più grande fondo commerciale mondiale di petrolio - ha dichiarato che uscirà dalle sue posizioni nei futures sul greggio di giugno e potrebbe dover mantenere più liquidità per soddisfare i potenziali requisiti di margine.

Annuncio pubblicitario
Il calo dei prezzi del petrolio sta offrendo grandi opportunità commerciali

Fai trading sul petrolio ora!

La scorsa settimana Goldman Sachs ha avvertito che il mercato testerà la capacità di stoccaggio globale entro le prossime 3-4 settimane. Gli investitori petroliferi monitorano i rapporti settimanali sull’inventario petrolifero statunitense dell’American Petroleum Institute (API) e della US Energy Information Administration (EIA). Reuters, citando i primi rapporti dell’agenzia di stampa turca dell’Anatolia, ha riferito martedì che l’esplosione sull’autocisterna nella città di Afrin, nel nord della Siria, ha ucciso almeno dieci persone.

Gli analisti ritengono che i trader temano un nuovo crollo dei prezzi, come è avvenuto con i contratti di maggio, portando alcuni investitori a uscire dai contratti di giugno prima del previsto. Gli interessi sui contratti di giugno sono diminuiti del 44% nell’ultima settimana. Attualmente, la capacità di stoccaggio sta diminuendo in tutto il mondo a causa della chiusura economica dovuta all’epidemia globale che ha colpito la domanda di petrolio.

Da una prospettiva tecnica: il petrolio greggio WTI potrebbe costituire un intervallo in quanto il prezzo è rimbalzato dal supporto attorno ai 10,50$ al barile e potrebbe mettere gli occhi sulla resistenza ai 18,20$ al barile. La media mobile semplice a 100 giorni è inferiore alla media mobile semplice a 200 giorni, a conferma che la tendenza generale è ancora al ribasso, e probabilmente il supporto si romperà piuttosto che mantenersi. Il prezzo è aumentato dopo la media mobile semplice a 100 giorni ha effettuato una prima indicazione della pressione rialzista, ma i deviatori dinamici della media mobile semplice a 200 giorni non sono ancora stati testati. Lo stocastico ha già raggiunto la zona di ipercomprato a riflettere la fatica tra gli acquirenti e una flessione potrebbe aumentare la pressione di vendita. L’ADX (il movimento direzionale medio) superiore ai 25 indica una possibile tendenza, ma le dimensioni rimangono deboli quindi la coesione può continuare.

Il greggio sta ancora lottando per riguadagnare forza dopo il forte calo ai livelli negativi della scorsa settimana. I futures di giugno sembrano finora positivi, insieme ai contratti che hanno una scadenza molto più lunga, ma i dubbi sul fatto che le economie globali possano presto riprendersi influenzano la propensione al rischio e la domanda di energia.

Mahmoud Abdallah
Mahmoud lavora a tempo pieno nei mercati valutari da 12 anni. Offre analisi, articoli e raccomandazioni sui siti Web più rinnovati e specializzati nei mercati finanziari globali e la sua esperienza ha suscitato molto interesse tra gli operatori. Lavora fornendo analisi tecniche, notizie di mercato, segnali gratuiti con follow-up per almeno 12 ore al giorno e mira a semplificare il trading di valuta e il concetto di trading per il suo pubblico.

Ti è piaciuto quello che hai letto? Facci sapere cosa ne pensi!

exclamation mark

Assicurati che i tuoi commenti siano appropriati e che non promuovano servizi o prodotti, partiti politici, materiale della campagna o proposte di votazione. I commenti che contengono linguaggio abusivo, volgare, offensivo, minaccioso o molesto o attacchi personali di qualsiasi tipo verranno eliminati. Verranno rimossi anche i commenti che includono contenuti inappropriati.

0 Commenti degli utenti

exclamation mark

Assicurati che i tuoi commenti siano appropriati e che non promuovano servizi o prodotti, partiti politici, materiale della campagna o proposte di votazione. I commenti che contengono linguaggio abusivo, volgare, offensivo, minaccioso o molesto o attacchi personali di qualsiasi tipo verranno eliminati. Verranno rimossi anche i commenti che includono contenuti inappropriati.

Maggiori informazioni
Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.