Analisi EuroDollaro, 07 Dicembre 2012

|

Nella sessione di trading di giovedì, dopo la conferenza stampa della BCE, l’EUR/USD è crollato precipitosamente. Il Presidente della BCE, Mario Draghi, ha infatti suggerito la possibilità che nel consiglio di amministrazione stia aumentando il consenso per la necessità immediata di un tagli dei tassi all’interno dell’Unione Europea. Non c’è bisogno di dire che a questo punto molti trader si sono tirati indietro.

Se eliminassimo il differenziale dei tassi d’interesse su questa coppia, quello che dovremmo chiederci sarebbe: perché qualcuno dovrebbe volerla acquistare? Garantito, per quanto riguarda il differenziale nei tassi d’interesse la coppia è influenzata da pregiudizi lievemente rialzisti, che però diventeranno talmente lievi da non contare più nulla. Se le cose andassero così, potremmo assistere ad un cambiamento nella dinamica di questa coppia di valute.

1.30

Siamo riusciti nella sessione di trading di giovedì a portarci al di sotto della maniglia 1,30, certamente un segnale pesantemente ribassista. Vedo però supporto lungo tutto il sentiero che conduce alla maniglia a 1,29, e dunque non siamo ancora completamente collassati. Nondimeno, ritengo che tutto ciò sia solo un precursore di quanto succederà in futuro, specialmente se mettiamo sulla bilancia anche la possibilità di un fallimento dei negoziati sul precipizio fiscale negli Stati uniti, che potrebbe portare ad una vendita degli asset più rischiosi.

Ecco perché ho tirato fuori di nuovo la mia posizione ribassista su questa coppia, e onestamente devo ammettere di essere sorpreso dalla velocità con cui il mercato si è ribaltato. Vediamo una candela come questa apparire dal nulla, il che ci mostra esattamente quanto i trader saranno capricciosi. Se i rialzisti volessero liberarsi di questo trade velocemente, ovviamente, ben poco ci farebbe essere fiduciosi.

A causa di tutto ciò, sto vendendo tutti i recuperi in avanti fino alla rottura al di sopra della maniglia a 1,3150. Non inizierò di nuovo ad acquistare Euro finché non saremo al di sopra di questo livello. Se riuscissimo a rompere al di sotto della maniglia a 1,29, saremmo arrivati a concludere, com’è scontato, che rivisiteremo il livello 1,27,e forse anche altri livelli ancora più in basso.

Grafico Giornaliero EuroDollaro 07 Dicembre

Christopher Lewis è un trader Forex da diversi anni. Scrive sul Forex per molte pubblicazioni online, incluso il suo sito, giustamente chiamato The Trader Guy.