Analisi Forex USD/JPY, 06 Mag. 2014

|

Di: DailyForex

La coppia USD/JPY, inizialmente in calo durante la sessione di lunedì, ha poi trovato sufficiente supporto al di sotto per invertire il trend e formare un martello. Quest’ultimo indica forza, dunque credo che questo mercato continuerà a rimanere a galla. Inoltre, sul mio grafico noterete una linea di trend rialzista dalla quale non siamo troppo distanti, e credo che anche questo continuerà ad influenzare il cambio in positivo. Con questo, trovo praticamente impossibile vendere questa coppia, soprattutto considerando che il livello 101,50 ha fornito così tanto supporto.

Tuttavia, andando avanti riconosco che il livello 103 fornisce resistenza, perciò sarà dura superarlo. Malgrado questo, la mia previsione per il lungo periodo di questa coppia è rialzista, soprattutto se guardate ai differenziali dei tassi d’interesse tra Washington e Tokyo. A causa di questo, non ho interesse a vendere in nessun caso.

Formazione di un trend rialzista nel lungo periodo?

I recenti movimenti della coppia USD/JPY mi ricordano un po’ la svolta del 1995. Credo dunque che in definitiva vedremo questo cambio al rialzo nel lungo periodo, e rompere infine il livello 105, dove vedo un’enorme barriera in espansione. Andando avanti, credo che questo mercato sarà come il carry trade di anni fa, dato che questa coppia è essenzialmente un tipo di mercato in cui si compra nei momenti di flessione. Credo infine che fare trading sul cambio Dollaro/Yen possa far fare carriera, ma ora ci stiamo girando intorno cercando di capire quale sia la prossima mossa da fare. Alla fine la Bank of Japan esaudirà il suo desiderio di indebolire lo Yen, e quella sarà una grande opportunità di fare trading.

A questo punto vendere è per me praticamente impossibile, dato che trovo troppe ragioni per non farlo. Credo che il livello 101,50 sarà un po’ un pavimento in questo mercato, dunque comprerò solamente fin quando arriveremo al di sotto della maniglia 101.

USD/JPY Daily

Christopher Lewis è un trader Forex da diversi anni. Scrive sul Forex per molte pubblicazioni online, incluso il suo sito, giustamente chiamato The Trader Guy.