Analisi Settimanale dell'Oro - 31 dicembre 2018

I prezzi dell'oro hanno chiuso la settimana su di 22,54$ a 1280,50$ l'oncia, sostenuti da un indice del dollaro USA più basso e un calo dei rendimenti del Tesoro statunitensi. Il dollaro è sotto pressione da quando le autorità della Fed hanno abbassato le loro previsioni per i futuri rialzi dei tassi. L'oro ha anche beneficiato di una migliore impostazione dei grafici e di un'elevata volatilità nei mercati azionari mondiali. Lo XAU/USD ha esteso i suoi guadagni dopo aver penetrato una resistenza tecnica chiave nella zona 1266$-1265$. I prezzi dell'oro hanno guadagnato oltre il 10% dopo essere caduti a metà agosto a 1160,05$ l'oncia, il minimo da gennaio 2017, ma rimangono in calo del 2,1% rispetto all'anno.

Il mercato sta scambiando sopra le nuvole di Ichimoku nel grafico giornaliero e in quello a 4 ore. La Tenkan-Sen (media mobile a nove periodi, linea rossa) e la Kijun-Sen (media mobile a ventisei periodi, linea verde) sono allineate positivamente sui grafici settimanale e giornaliero. Il Chikou-span (il prezzo di chiusura tracciato su 26 periodi indietro, linea marrone) è sopra ai prezzi. I tori del mercato dell'oro hanno ancora uno slancio tecnico dalla loro parte, ma ricordate che la nuvola settimanale si trova appena sopra, occupando l'area tra i livelli 1285 e 1296. Se lo XAU/USD passa attraverso la nuvola settimanale, cercate ulteriori rialzi con 1300 e 1307/4 come target. Oltre questi, l'area 1316/2 si distingue come una solida resistenza tecnica.

Oro, XAU/USD settimanale

Sul lato ribassista, il supporto iniziale si trova nell'area 1272,50-1270. Una rottura inferiore a 1270 potrebbe indicare una mossa verso il basso per un test del supporto nel 1266/5. Gli orsi devono abbassare i prezzi al di sotto del 1265 per guadagnare slancio per il 1261/59 e il 1257-1255,80. Se i prezzi scendono al di sotto di 1255,80, il mercato punterà al 1252/0.

Oro, XAU/USD giornaliero

Alp Kocak è un trader del mercato Forex dal 2003. Scrive analisi tecniche basate sulle candele giapponesi e l’indicatore Ichimoku Kinko Hyo.