Previsioni USD/JPY e AUD/USD - 25 gennaio 2019

|

USD/JPY

Il dollaro americano ha recuperato leggermente durante la sessione di negoziazione di giovedì, ma ha restituito un bel po’ dei guadagni da questo movimento, proprio come abbiamo fatto mercoledì. Credo che il livello di 110¥ continui a offrire una resistenza significativa, in quanto non solo è una cifra tonda, ma è anche un'area in cui in precedenza abbiamo visto un sacco di vendite, e quindi ovviamente il livello di ritracciamento di Fibonacci del 61,8%, così come l'EMA da 50 giorni. Per questo motivo, penso che alla fine i venditori travolgeranno gli acquirenti, visto che abbiamo visto così tanti danni tecnici fatti in precedenza. In definitiva, credo che questo mercato scenderà verso il livello di 108¥, un'area che in passato era un supporto massiccio, e se crolliamo al di sotto, probabilmente continueremo a scendere ancora più in basso, magari al prossimo livello di 107.

Previsioni USD/JPY

AUD/USD

Il dollaro australiano si è inizialmente rafforzato durante la sessione di negoziazione di giovedì, ma si è ribaltato mentre l'EMA da 50 giorni ha causato troppa resistenza. Sembra continueremo ad andare un po’ più in basso, ma penso che ci siano enormi quantità di supporto al di sotto, specialmente vicino al livello di 0,70. Credo che inizi un'enorme quantità di supporto che si estende fino al livello 0,68, un'area che ha avuto importanza non solo durante la recente azione di trading, ma anche nei quadri temporali settimanali e mensili. Credo che questo mercato continuerà a spostarsi in base all'idea delle relazioni commerciali tra Stati Uniti e Cina, e se avranno successo o meno. Nel momento in cui escono i titoli di giornale, aspettatevi di vedere molta volatilità. Tuttavia, il dollaro australiano ha venduto così tanto che è difficile immaginare siano rimasti ancora molti venditori. Credo che ci stiamo avvicinando al fondo.

Previsioni AUD/USD

Christopher Lewis è un trader Forex da diversi anni. Scrive sul Forex per molte pubblicazioni online, incluso il suo sito, giustamente chiamato The Trader Guy.