Previsioni Forex: Le Coppie da Seguire Questa Settimana - 17 febbraio 2019

|

La differenza tra successo e fallimento nel trading Forex è molto probabile che dipenda da quali coppie di valute si sceglie di scambiare ogni settimana, e non dai metodi di trading esatti che si possono usare per determinare le entrate e le uscite di trade. Ogni settimana analizzerò i fondamentali, il sentimento di mercato e le posizioni tecniche al fine di determinare quali coppie di valute sono più propense a produrre le opportunità di trading più facili e profittevoli per la prossima settimana. In alcuni casi si tratterà di scambiare  seguendo il trend, in altri di fare trading sui livelli di supporto e resistenza nei mercati di più ampia portata.

Quadro Generale 17 febbraio 2019

Nel mio precedente articolo della scorsa settimana, ero ottimista sulla coppia di valute USD/SEK. Ha chiuso la settimana, ma solo dello 0,02%.

La scorsa settimana ha registrato l'aumento più forte del valore relativo del Dollaro neozelandese e il più forte calo dei valori relativi dello Yen giapponese.

Il mercato Forex della scorsa settimana è stato meno attivo, con i mercati generalmente dominati da una continua forte ripresa nel mercato azionario statunitense e dal prezzo del greggio, che si stanno spezzando fortemente per chiudere a nuovi prezzi a più settimane mentre la chiusura del governo USA era risolto. L'oro sembra abbastanza forte, mentre l'Euro sembra relativamente debole.

Questa settimana sarà probabilmente dominata da un contributo cruciale della banca centrale negli Stati Uniti e dollari australiani.

Analisi fondamentale e sentimento di mercato

L'analisi fondamentale sembra piuttosto rialzista sul dollaro USA. Il mercato azionario ha continuato a riprendersi dai minimi ed è tornato ad essere in un mercato rialzista tecnico, con i principali indici già scambiati al di sopra delle rispettive medie mobili a 200 giorni. Ci sono timori per l'apparente alta sensibilità dell'economia a qualsiasi ulteriore aumento dei tassi, come dimostra il fatto che il FOMC sembra aver rinunciato in gran parte agli ulteriori rialzi dei tassi originariamente previsti per il 2019. La disputa commerciale in corso con la Cina sembra essere verso una risoluzione positiva, che è un buon segno.

Legalmente rimangono solo sei settimane fino a quando l'Unione Europea lascerà l'Unione Europea, e la posizione predefinita è che non ci sarà alcun accordo a meno che non sia stato concordato prima di quella data. L'Unione Europea, si rifiuta di offrire concessioni sostanziali sui termini offerti da un accordo, quindi possiamo aspettarci continue incertezze e macchinazioni politiche nelle prossime settimane nel Regno Unito.

La BCE ha recentemente adottato una linea più accomodante sull'euro e l'euro si è indebolito nuovamente la scorsa settimana. Anche la corona svedese è molto debole, colpendo nuovamente i nuovi minimi di 2 anni con una forte rottura ribassista nei confronti del dollaro USA, mentre i timori aumentano sulla rilevanza dei dati che indicano un deterioramento dell'economia svedese.

I metalli preziosi, in particolare l'oro, sembrano ancora forti, così come il petrolio.

Analisi tecnica

Indice del Dollaro statunitense

Il grafico dei prezzi settimanale qui sotto mostra che la settimana scorsa l'indice USD è salito leggermente, stampando una piccola candela a seguito di un recente minimo che era molto vicino al livello di supporto identificato al 12085. Il prezzo è inferiore a 3 mesi, ma superiore a 6 mesi , quindi abbiamo un quadro più misto sul dollaro. È difficile da giudicare la candela, quindi la direzione della prossima settimana sembra molto incerta.

indice USDX

Indice Dow Jones 30

Il grafico settimanale qui sotto mostra che la settimana scorsa ha prodotto una candela relativamente grande, fortemente rialzista, che ha raggiunto e chiuso alla sua massima chiusura per 3 mesi, proprio al culmine della candela. Questo forte movimento nel mercato azionario statunitense tende a continuare e abbiamo assistito ad una forte ripresa dalla fine del 2018, con il mercato orso in forte ripresa e con alcune misurazioni è già tornato in un mercato rialzista. Il movimento dei vecchi titoli Down Jones 30 è più forte rispetto al più ampio indice S & P 500.

indice Dow Jones 30

GOLD/USD

Il grafico settimanale qui sotto mostra che la scorsa settimana ha stampato una candela relativamente piccola ma rialzista chiudendo molto vicino al suo massimo. Questa è stata la chiusura settimanale più alta in circa 10 mesi. La tendenza rialzista a lungo termine e i livelli di supporto vicini sono intatti, suggerendo che potremmo vedere ancora prezzi più alti. Tuttavia, il momento non è molto forte, quindi potremmo vedere un fallimento all'altezza dello swing precedente che è stato stampato due settimane fa. C'è anche una resistenza non molto superiore a 1332,93 $.

GOLD/USD

Conclusione

Questa settimana sono rialzista sull'indice Dow Jones Industrial Average.

Adam è un trader Forex che ha lavorato nei mercati finanziari per oltre 12 anni, inclusi 6 anni con Merrill Lynch. Adam è certificato nella Gestionedi Fondi e nella Gestione di investimenti dal Chartered Institute for Securities & Investment del Regno Unito.